L’azienda australiana Mesoblast è stata autorizzata dall’Fda ad avviare uno studio di fase III sul trattamento sperimentale con precursori mesenchimali (MPC) per la terapia dell’insufficienza cardiaca congestizia.

Il trial, che sarà condotto dall’azienda partner Teva, arruolerà circa 1.700 pazienti con insufficienza cardiaca congestizia di classe NYHA II o III e includerà due analisi ad interim sulla sicurezza ed efficacia della terapia sperimentale con MPC. Lo studio, in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo, valuterà l’efficacia e la sicurezza di una singola dose da 150 milioni di MPC somministrate direttamente nel ventricolo sinistro attraverso catetere.

La dose da 150 milioni di MPC è stata scelta in base ai risultati di uno studio precedente d fase II condotto su 60 pazienti. In questo trial, i soggetti trattati con MPC non avevano presentato eventi avversi HF-MACE in un periodo di follow up pari a tre anni, rispetto al 30% dei controlli che non avevano ricevuto le MPC.

Mesoblast è un'azienda australiana all’avanguardia nello sviluppo di prodotti biologici che includono precursori mesenchimali (MPC), cellule staminali da polpa dentale e cellule staminali ematopoietiche espanse. Con i suoi prodotti, l’azienda è focalizzata sulla riparazione dei danni tissutali e sulla modulazione della risposta infiammatoria. Nel 2014, Mesoblast prevede di iniziare gli studi di fase III in tutte le aree terapeutiche nelle quali è più impegnata: cardiovascolare (insufficienza cardiaca), infiammatoria (Malattia di Crohn), ortopedia (riparazione di dischi intervertebrali e fusione spinale) e oncologia (rigetto del trapianto ed espansione di CSE del sangue del cordone ombelicale).
Per quanto riguarda l’area cardiovascolare l’azienda sta valutando le MPC per la terapia dell’insufficienza cardiaca e per la riduzione delle complicanze post infarto. Mesoblast ha firmato un accordo con Teva per lo sviluppo e la commercializzazione di questi prodotti.

L’emopoiesi è sostenuta da due principali componenti cellulari, le cellule staminali ematopoietiche (HSC) e le cellule progenitrici mesenchimali (MPC). Le MPC sono multipotenti e sono i precursori dello stroma del midollo osseo, delle ossa, della cartilagine, dei muscoli e dei tessuti connettivi.

Recentemente è stato osservato in diversi laboratori come le cellule staminali mesenchimali siano in grado di differenziare, cioè di cambiare la loro natura in maniera da diventare cellule mature, in cellule cardiache con funzione simile a quella dei cardiomiociti maturi.