Prevenzione cardiovascolare, chi inizia l'uso di statine o antipertensivi adotta anche stili di vita più sani?

Nel momento in cui un paziente apprende di avere un rischio cardiovascolare sufficientemente elevato da dover iniziare un trattamento con una statina o un antipertensivo, spesso non si determina alcun impatto sulle sue scelte in termini di sani stili di vita. È quanto emerge dai risultati di uno studio - pubblicato sul "Journal of American Heart Association" - condotto su oltre 40.000 residenti in Finlandia seguiti per almeno 4 anni dopo l'avvio di un regime farmacologico di prevenzione primaria. 

Nel momento in cui un paziente apprende di avere un rischio cardiovascolare sufficientemente elevato da dover iniziare un trattamento con una statina o un antipertensivo, spesso non si determina alcun impatto sulle sue scelte in termini di sani stili di vita. È quanto emerge dai risultati di uno studio – pubblicato sul “Journal of American Heart Association” – condotto su oltre 40.000 residenti in Finlandia seguiti per almeno 4 anni dopo l’avvio di un regime farmacologico di prevenzione primaria.

«La consapevolezza, da parte dei pazienti, dei soli fattori di rischio non sembra essere efficace nel migliorare i loro comportamenti di salute» scrivono gli autori, guidati da Maarit J. Korhonen, farmaco-epidemiologo dell’Università di Turku (Finlandia).

«L'inizio della terapia antipertensiva o con statine sembra essere associato a cambiamenti di stile di vita, alcuni positivi e altri negativi» proseguono. Questo, si sottolinea, è il primo studio che ha valutato una coorte di popolazione su larga scala e l’ha seguita prospetticamente per cercare associazioni tra l'uso di farmaci che prevengono le malattie cardiovascolari (CVD) e i cambiamenti dello stile di vita.

La maggior parte degli studi precedenti su queste associazioni «erano trasversali e non hanno fornito informazioni sui potenziali cambiamenti dello stile di vita durante la finestra di tempo subito dopo l'inizio dell'uso dei farmaci» aggiungono Korhonen e colleghi.

Il nuovo studio ha scoperto specificatamente che, in media, le persone che hanno iniziato il trattamento con almeno un farmaco per la prevenzione delle CVD per la prima volta avevano maggiori probabilità di aumentare di peso e più probabilità di diventare meno attive negli anni successivi all'inizio del trattamento. Al contempo, rilevano gli autori, questi stessi pazienti avevano anche maggiori probabilità di cessare o ridurre il fumo e il consumo di alcol.

Dati raccolti da un vasto studio prospettico sulla popolazione finlandese
L’analisi condotta dai ricercatori si è basata sui dati di 41.225 persone iscritte al “Finnish Public Sector Study”, che ha iniziato in modo prospettico a raccogliere dati su un gran numero di residenti finlandesi negli anni '90.

Gli autori si sono concentrati in particolare su 81.772 questionari compilati - raccolti a intervalli di 4 anni - da persone che hanno avevano completato almeno due cicli consecutivi del sondaggio nel periodo 2000-2013 e che, inoltre, avevano almeno 40 anni e non avevano CVD al momento del loro primo sondaggio. I partecipanti avevano in media quasi 53 anni al loro primo sondaggio e l'84% erano donne.

I ricercatori hanno suddiviso le risposte al sondaggio in:
  • 8.837 (11%) persone che hanno iniziato una statina, un antipertensivo o entrambi i farmaci durante la partecipazione al sondaggio stesso; 
  • 26.914 (33%) soggetti già in trattamento con una statina o un antipertensivo all’epoca della compilazione del primo questionario;
  • 46.021 gruppi di risposte (56%) da persone che non hanno mai iniziato il trattamento con nessuna delle due classi di farmaci.
Le persone che hanno avviato l’uso di un farmaco rilevante lo hanno fatto una mediana di 1,7 anni dopo aver effettuato il loro primo sondaggio e una mediana di 2,4 anni prima del loro sondaggio successivo.

Nei trattati, aumento del BMI ma riduzione di fumo e alcol
Durante il follow-up, in circa il 2% di tutti i partecipanti è stata diagnosticata una qualche forma recente di CVD. I risultati hanno mostrato che, dopo una completa correzione per possibili fattori di confusione, l'aumento medio dell'indice di massa corporea era maggiore tra coloro che avevano iniziato un farmaco per la prevenzione di CVD, rispetto a quelli che non erano partiti con un trattamento.

Tra i partecipanti che erano obesi all'inizio dello studio, quelli che hanno iniziato un farmaco per la prevenzione di CVD hanno avuto un aumento statisticamente significativo, pari al 37%, di percentuale di rimanere obesi rispetto a quelli che non avevano iniziato ad assumere questi farmaci.

Tra coloro che non erano obesi nelle condizioni di base, quelli che hanno iniziato l’assunzione di un farmaco per la prevenzione di CVD avevano un tasso più elevato, in modo statisticamente significativo, dell'82% di diventare obesi, rispetto ai pazienti che non assumevano tali farmaci. Inoltre, il dispendio energetico giornaliero medio (una misura dell'attività fisica) ha mostrato un declino statisticamente significativo tra coloro che hanno iniziato un farmaco CVD, rispetto a chi non lo aveva fatto.

D’altro canto, chi ha avviato un trattamento con farmaci CVD ha fatto registrare un calo medio di 1,85 grammi/settimana di assunzione di alcol, rispetto a chi non aveva cominciato tali trattamenti, e i soggetti che erano i fumatori attivi al primo sondaggio e poi hanno iniziato un farmaco CVD hanno avuto un calo relativo del 26% nei valori di prevalenza del fumo, rispetto a coloro che non hanno iniziato un farmaco CVD, in entrambi i casi con differenze statisticamente significative.

I risultati suggeriscono che «la consapevolezza dei pazienti dei loro soli fattori di rischio sembra non essere efficace nel migliorare i comportamenti di salute», secondo gli autori. «Ciò significa che l'espansione degli interventi farmacologici verso popolazioni a basso rischio di CVD potrebbe non necessariamente portare a benefici attesi a livello di popolazione generale».

Riferimento bibliografico:
Korhonen MJ, Pentti J, Hartikainen J, et al. Lifestyle Changes in Relation to Initiation of Antihypertensive and Lipid-Lowering Medication: A Cohort Study. J Am Heart Assoc, 2020;9(4):e014168. doi:10.1161/JAHA.119.014168
leggi