Cardio

Punteggio predittivo di insufficienza cardiaca in pazienti con disglicemia candidati a SGLT2-inibitori

Un sistema di punteggio predittivo del rischio di nuove insufficienza cardiaca nel corso di 5 anni che si basa esclusivamente su alcuni biomarcatori familiari e prontamente disponibili potrebbe potenzialmente aiutare a guidare i pazienti con diabete o addirittura prediabete verso terapie preventive dell'HF. Č quanto propone un gruppo di ricercatori in base ai risultati di un nuovo studio, pubblicato su "HACC: Hearth Failure". Gli autori prevedono uno strumento di stratificazione del rischio basato su dati raccolti da tre importanti studi di coorte basati sulla comunitą ma non validati in modo indipendente, come un modo per selezionare pazienti con diabete e prediabete per il trattamento con inibitori di SGLT2.

Un sistema di punteggio predittivo del rischio di nuove insufficienza cardiaca nel corso di 5 anni che si basa esclusivamente su alcuni biomarcatori familiari e prontamente disponibili potrebbe potenzialmente aiutare a guidare i pazienti con diabete o addirittura prediabete verso terapie preventive dell’HF. È quanto propone un gruppo di ricercatori in base ai risultati di un nuovo studio, pubblicato su “HACC: Hearth Failure”. Gli autori prevedono uno strumento di stratificazione del rischio basato su dati raccolti da tre importanti studi di coorte basati sulla comunità ma non validati in modo indipendente, come un modo per selezionare pazienti con diabete e prediabete per il trattamento con inibitori di SGLT2.

Diversi membri di quella classe di farmaci, concepiti come agenti antidiabetici, hanno dimostrato di aiutare nella prevenzione o nel trattamento dell'HF nei pazienti con diabete e in quelli senza diabete ma a maggior rischio cardiovascolare (CV). Tuttavia, la loro diffusione pratica è avvenuta in ritardo, ha osservato il gruppo.

La maggior parte dei benefici per l’HF negli studi con inibitori di SGLT2 «sono stati osservati in pazienti che hanno malattie cardiovascolari definite - fondamentalmente una storia di infarto o ictus» scrivono gli autori, coordinati da Ambarish Pandey, dell’University of Texas Southwestern Medical Center di Dallas.

«Quindi volevamo vedere come poter identificare i pazienti ad alto rischio senza una storia di malattie CV usando questi biomarcatori, come approccio per considerare gli inibitori di SGLT2, che sono terapie piuttosto costose» proseguono gli autori. Senza tale stratificazione del rischio, «si finirebbe per trattare tanti più pazienti per ottenere rendimenti molto modesti».

Quattro biomarcatori facilmente misurabili ed economici
Il gruppo ha sviluppato un sistema di punteggio basato su quattro biomarcatori che sono «facilmente misurabili con test economici» spiegano Pandey e colleghi: alti livelli di troponina cardiaca t (hs-cTnT) e proteina C-reattiva (hs-CRP), frammento N-terminale dei livelli di proormone peptide natriuretico cerebrale (NT-proBNP) ed elettrocardiografia per evidenziare l'ipertrofia ventricolare sinistra (ECG-LVH).

La coorte di derivazione consisteva di partecipanti agli studi epidemiologici  “Atherosclerosis Risk in Communities RIC”, “Dallas Heart Study” e “Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis” che erano liberi da malattie coronariche, ictus o HF, per i quali c'erano dati sufficienti sui fattori di rischio CV e sui quattro biomarcatori. Nessuno stava assumendo inibitori di SGLT2 all'iscrizione ai rispettivi studi, osservano i ricercatori.

Ai membri delle coorti raggruppate che avevano diabete o prediabete è stato assegnato 1 punto per ogni biomarcatore anormale. Il rischio di 5 anni per HF incidente è cresciuto continuamente insieme al punteggio nelle persone con diabete e in quelle con prediabete, quest'ultimo definito come un livello di glucosio plasmatico a digiuno da 100 mg/dl a meno di 126 mg/dl.

Per coloro che hanno un punteggio di 1, rispetto a 0, per esempio, il rischio per HF è cresciuto dell'82% con il diabete e del 40% con i prediabete. Ma per quelli con un punteggio di 3 o 4, il rischio è cresciuto più di quattro volte e mezzo con diabete e più di tre volte e mezzo per chi aveva prediabete. Gli aumenti di rischio erano indipendenti da altri probabili fattori di rischio di HF e in modo costantemente significativo.

Il punteggio del biomarcatore dovrebbe essere particolarmente utile nei pazienti considerati a rischio basso e intermedio, in base alle caratteristiche cliniche, come mezzo per identificare il rischio residuo di HF e, potenzialmente, selezionare i candidati per la terapia con inibitore SGLT2, affermano Pandey e colleghi.

Indagati anche soggetti con prediabete
«L'altro scopo dello studio era quello di ampliare la portata della prevenzione dell'HF nella disglicemia guardando anche ai prediabete, non solo al diabete» aggiungono. Non ci sono molte prove di alta qualità a sostegno della terapia con inibitore di SGLT2 nei prediabete, ma ne consegue che i farmaci possono essere utili nei prediabete perché sono protettivi nei pazienti con e senza diabete.

«Il nostro lavoro suggerisce che i pazienti con prediabete che hanno biomarcatori elevati sono a più alto rischio di HF» scrivono i ricercatori, suggerendo che il punteggio di rischio HF potrebbe potenzialmente aiutare a selezionare anche la terapia farmacologica.
L'attuale studio sembra fornire una prova del concetto che si possono usare biomarcatori circolanti per identificare più precisamente i pazienti in cui ci si potrebbe aspettare che le terapie esercitino il massimo beneficio, il che è particolarmente importante per agenti potenzialmente costosi come gli inibitori della SGLT2.

È importante sottolineare che nell'analisi, un maggior numero di anomalie del biomarcatore non solo corrispondeva all'aumento dei livelli di rischio, ma gli aumenti di rischio erano drammatici, e quindi lo era anche il presunto potenziale beneficio della terapia con inibitore di SGLT2.La diffusione degli inibitori SGLT2 per l'insufficienza cardiaca nella pratica è stato meno rapido di quanto sperato, quindi se questo ipotetico costrutto regge per la classe di farmaci, potrebbe effettivamente aiutare a iniziare a concentrarsi su chi potrebbe ricevere in modo ottimale i farmaci.

Rischio aumentato a cinque anni in caso di aumento dei parametri
I livelli elevati di hs-cTnT, hs-CRP e NT-proBNP, così come la presenza di ECG-LVH, sono stati ciascuno associato in modo indipendente a un rischio significativamente aumentato di 5 anni per HF in analisi non aggiustate e aggiustate delle 6.799 persone nella coorte raggruppata, delle quali il 33,2% quali aveva il diabete e il 66,8% aveva prediabete, scrive il team di ricercatori.

Il sistema di punteggio richiederebbe la validazione in altre coorti prima di poter essere utilizzato, osservano Pandey e colleghi. Una volta che c'è una "validazione robusta", potrebbe essere applicato prima ai pazienti con disglicemia a rischio CV intermedio con misure cliniche standard. È interessante notare come i risultati dello studio sono coerenti con i dati presentati per la imminente pubblicazione dello studio CANVAS CV-outcomes condotto con l’inibitore SGLT2 canagliflozin in pazienti con diabete.

Pandey A, Vaduganathan M, Patel KV, et al. Biomarker-Based Risk Prediction of Incident Heart Failure in Pre-Diabetes and Diabetes. JACC Heart Fail. 2020 Dec 24:S2213-1779(20)30591-6. doi: 10.1016/j.jchf.2020.10.013. Epub ahead of print.
leggi