Cardio

Ricovero per scompenso cardiaco dopo infarto miocadico, pił frequente nelle donne rispetto agli uomini

Nei mesi successivi a un infarto miocardico acuto (IMA), le donne hanno molte pił probabilitą degli uomini di essere riammesse per insufficienza cardiaca (HF), anche se non avevano HF ricovero iniziale Č quanto suggerisce una nuova analisi delle differenze di sesso nei sopravvissuti, pubblicata su "Heart".

Nei mesi successivi a un infarto miocardico acuto (IMA), le donne hanno molte più probabilità degli uomini di essere riammesse per insufficienza cardiaca (HF), anche se non avevano HF ricovero iniziale È quanto suggerisce una nuova analisi delle differenze di sesso nei sopravvissuti, pubblicata su “Heart”.

Le donne erano più anziane e meno propense degli uomini a ricevere intervento coronarico percutaneo (PCI) o by-pass aorto-coronarico (CABG) per IMA, e nonostante questi fattori possono configurare indicazioni per un ricovero per HF, i ricercatori – guidati da Srikanth Yandrapalli, del Westchester Medical Center and New York Medical College, Valhalla, NY) - osservano che i risultati suggeriscono che la differenza di rischio emerge all'inizio delle settimane successive alla dimissione.

L'implicazione è che le donne possono essere più inclini a un follow-up incoerente o incompleto rispetto agli uomini in un momento vulnerabile. Nel loro articolo, Yandrapalli e colleghi sostengono un'assistenza di follow-up nella fase post-acuta dell’IMA che sia precoce e genere-specifica per identificare una varietà di problemi che possono aumentare il rischio di ricovero per HF.

«C'è una ricerca precedente che ha dimostrato che l’aderenza ai farmaci per alcuni tipi di insufficienza cardiaca è inferiore per le femmine. Inoltre, la consapevolezza delle malattie e la consapevolezza dei sintomi hanno dimostrato di essere più basse nelle donne rispetto agli uomini, il che potrebbe aumentare il rischio di andare a HF e richiedere il ricovero in ospedale» affermano Yandrapalli e colleghi.

«Quindi, ci sono alcune differenze che possono esistere sia nella fisiopatologia, nel modo in cui forniamo assistenza ai nostri pazienti, nel modo in cui i pazienti percepiscono i loro processi di malattia, e forse nel modo in cui potrebbe essere condotto un follow-up ambulatoriale che potrebbe causare queste differenze negli esiti».

Probabilità maggiore del 19% di ospedalizzazione per HF a 6 mesi
Per lo studio, Yandrapalli e colleghi hanno esaminato i dati su 237.549 pazienti dell’US Nationwide Readmissions Database trattati tra gennaio e giugno 2014 che sono sopravvissuti a un IMA, sono stati dimessi e avevano dati di follow-up disponibili per 6 mesi.

Oltre a essere più anziane degli uomini, le donne avevano più comorbilità cardiache ma avevano meno probabilità di avere dislipidemia, storia di fumo o IMA precedente. Mentre il 69% degli uomini ha ricevuto PCI o CABG dopo l'ammissione per IMA, solo il 49% delle donne è stato sottoposto a rivascolarizzazione (P < 0,001).

Tra i quasi un terzo dei pazienti che avevano HF al momento del ricovero, più di loro erano donne che uomini (34,3% vs 26,1%; P  < 0,001). A 6 mesi dopo la dimissione, il 6,8% delle donne contro il 4,6% degli uomini è stato ricoverato in ospedale per HF(P < 0,001). Dopo un aggiustamento multivariabile, le donne avevano ancora una probabilità del 19% più alta di ospedalizzazione per HF.

Le analisi di sensibilità hanno confermato il rischio più elevato per le donne. Questa scoperta è stata coerente indipendentemente dall'età, dalla presentazione dell’IMA, dallo stato di rivascolarizzazione, dall'HF all'ammissione e da più fattori di rischio cardiovascolare.

I ricercatori hanno anche condotto un'analisi della propensione di 147.808 pazienti, che ha mostrato ancora una volta un tasso significativamente più elevato di ricovero in ospedale di 6 mesi per HF nella coorte femminile (P = 0,007).

In un'analisi tempo-a-evento, si è avuta una separazione precoce delle curve di Kaplan-Meier specifiche per sesso entro le prime 2 settimane dopo l’IMA. Mentre i tassi di mortalità per HF non erano diversi tra uomini e donne, questi ultimi avevano un rischio combinato più elevato di HF ospedaliero durante il ricovero indice e la riammissione a 6 mesi per HF(P < 0,001).

Utili approcci di follow-up più ponderati
Quasi 20 anni fa, lo studio VALIANT su pazienti con disfunzione sistolica acuta ventricolare sinistra, IMA e HF ha suggerito che il ricovero per HF nei successivi 2 anni era più alto del 36% nelle donne rispetto agli uomini. Yandrapalli e colleghi dicono che il loro studio conferma «la persistenza di queste differenze di genere precedentemente riportate in una coorte più contemporanea" ed estende anche i risultati a coloro che non hanno HF all'indice mi acuto.

Gli autori affermano che i nuovi dati suggeriscono che, sebbene sia necessario più lavoro per comprendere meglio sia le differenze di sesso che i rischi specifici del sesso che potrebbero non essere modificabili, il follow-up standard trarrebbe vantaggio da un approccio più ponderato che sfrutta la tecnologia attuale, che si tratti di un appuntamento per la telesalute o di una semplice telefonata.

«Ci sono cose semplici che possiamo risolvere al telefono, e questo probabilmente può essere fatto nella prima settimana, perché questo è il periodo a più alto rischio» osservano. In termini di risorse, ha aggiunto, è probabile che questo approccio risparmi denaro lungo la linea se impedisce i ricoveri ospedalieri.

Yandrapalli S, Malik A, Pemmasani G, et al. Sex differences in heart failure hospitalisation risk following acute myocardial infarction. Heart. 2021 Jan 11:heartjnl-2020-318306. doi: 10.1136/heartjnl-2020-318306. Epub ahead of print.
leggi