Cardiologia

Vaccini COVID sicuri anche per i cardiopatici. Studio su Cardiovascular Research

La vaccinazione contro il COVID-19 non Ŕ associata a un aumento del rischio di infarto o ictus nei pazienti con malattie cardiovascolari conclamate, secondo un ampio studio pubblicato su Cardiovascular Research, una rivista della SocietÓ Europea di Cardiologia (ESC),

La vaccinazione contro il COVID-19 non è associata a un aumento del rischio di infarto o ictus nei pazienti con malattie cardiovascolari conclamate, secondo un ampio studio pubblicato su Cardiovascular Research, una rivista della Società Europea di Cardiologia (ESC).

"Il nostro studio ha dimostrato che una malattia cardiovascolare preesistente non dovrebbe impedire alle persone di vaccinarsi contro il COVID-19", ha dichiarato l'autrice dello studio, la dottoressa Esther W. Chan della Facoltà di Medicina Li Ka Shing dell'Università di Hong Kong, Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong, Cina. "La vaccinazione è particolarmente importante per questo gruppo, poiché le malattie cardiovascolari sono associate a esiti peggiori e a un maggior rischio di morte dopo l'infezione da COVID-19".

Questo è stato il primo studio a esaminare l'associazione tra i vaccini COVID-19 e il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori (MACE) in pazienti con malattie cardiovascolari. Lo studio si è concentrato su BNT162b2 e CoronaVac, gli unici vaccini COVID-19 autorizzati per l'uso in emergenza a Hong Kong.

I ricercatori hanno collegato i dati delle cartelle cliniche elettroniche gestite dall'Autorità Ospedaliera di Hong Kong, che coprono circa l'80% dei ricoveri ospedalieri, e i registri delle vaccinazioni forniti dal Dipartimento della Salute di Hong Kong. Le prime due dosi di vaccino sono state incluse nelle analisi. Gli individui non potevano passare da un tipo di vaccino all'altro per le prime due dosi.

Gli investigatori hanno identificato i pazienti con malattie cardiovascolari esistenti e una nuova diagnosi di MACE tra il 23 febbraio 2021, data di inizio del programma di vaccinazione di massa COVID-19 a Hong Kong, e il 31 gennaio 2022. Le malattie cardiovascolari accertate comprendevano malattie coronariche, cerebrovascolari, vascolari periferiche e precedenti interventi come lo stenting. Il MACE comprendeva infarto miocardico, ictus, rivascolarizzazione o morte cardiovascolare.

I ricercatori hanno utilizzato il disegno di studio di serie di casi autocontrollati, sviluppato per valutare il rischio di eventi avversi dopo la vaccinazione. Ogni paziente è stato confrontato con se stesso per il rischio di MACE fino a 27 giorni dopo ogni dose di vaccino (periodo di esposizione) rispetto al periodo di base di non esposizione. Il dottor Chan ha spiegato che: "Uno studio di coorte tradizionale confronterebbe il gruppo vaccinato con il gruppo non vaccinato, ma i due gruppi potrebbero avere caratteristiche di base diverse. Una serie di casi autocontrollati evita il problema delle differenze tra i gruppi, poiché ogni individuo agisce come proprio controllo".

Sono stati identificati 229.235 pazienti con malattie cardiovascolari, di cui 1.764 sono stati vaccinati e hanno subito MACE durante il periodo di studio (662 hanno ricevuto BNT162b2 e 1.102 CoronaVac). Per BNT162b2 e CoronaVac, i ricercatori hanno stimato i rapporti di incidenza (IRR) per confrontare il rischio di MACE nei 13 giorni successivi alla vaccinazione rispetto al periodo di riferimento. Sono stati calcolati anche gli IRR per il rischio di MACE nei giorni da 14 a 27 dopo la vaccinazione rispetto al periodo di riferimento. Le analisi sono state condotte per la prima e la seconda dose.

Non vi è stata alcuna evidenza di un rischio elevato di MACE dopo la prima o la seconda dose di BNT162b2 o CoronaVac. Per la prima dose di BNT162b2, gli IRR erano pari a 0,48 ( intervallo di confidenza [CI] al 95% 0,23-1,02) nei primi 13 giorni dopo la vaccinazione e 0,40 (CI al 95% 0,18-0,93) nei giorni da 14 a 27 giorni dopo la vaccinazione. Per la seconda dose, gli IRR erano 0,87 (95% CI 0,50-1,52) durante i primi 13 giorni e 1,13 (95% CI 0,70-1,84) nei giorni da 14 a 27 dopo la vaccinazione.

Per la prima dose di CoronaVac, gli IRR erano 0,43 (95% CI 0,24-0,75) durante i primi 13 giorni e 0,54 (95% CI 0,33-0,90) nei giorni da 14 a 27 dopo la vaccinazione. Per la seconda dose, gli IRR erano 0,73 (95% CI 0,46-1,16) per i primi 13 giorni e 0,83 (95% CI 0,54-1,29) nei giorni da 14 a 27 dopo la vaccinazione.

Chan ha dichiarato che: "I risultati sono stati coerenti per donne e uomini, individui di età inferiore e superiore ai 65 anni e pazienti con diverse condizioni cardiovascolari di base. I risultati dovrebbero rassicurare sulla sicurezza cardiovascolare di questi due vaccini".

 Ye X, Ma T, Blais JE, et al. Association between BNT162b2 or CoronaVac COVID-19 vaccines and major adverse cardiovascular events among individuals with cardiovascular disease. Cardiovasc Res. 2022. doi:10.1093/cvr/cvac068.
leggi