COVID-19

COVID-19: il vaccino Pfizer-BioNTech previene anche la variante inglese. Studio in vitro

Pfizer e BioNTech hanno annunciato che il loro vaccino COVID-19 è risultato altrettanto efficace contro il ceppo variante del virus, B.1.1.7, trovato nel Regno Unito. I dati provengono da uno studio in vitro, cioè non sull'uomo, in corso di pubblicazione.

Pfizer e BioNTech hanno annunciato che il loro vaccino COVID-19 è risultato altrettanto efficace contro il ceppo variante del virus, B.1.1.7, trovato nel Regno Unito. I dati provengono da uno studio in vitro, cioè non sull’uomo, in corso di pubblicazione.

Questa è una buona notizia, anche se sarà necessario lavorare su altre varianti che stanno spuntando in tutto il mondo, in particolare la variante sudafricana, 501.V2.

Si ritiene che la variante sia emersa nel Regno Unito nel settembre 2020 e che sia più contagiosa, anche se non più letale, dei ceppi precedenti. Il lavoro non è stato ancora sottoposto a peer-reviewing, ma è stato pubblicato sul server di prestampa bioRxiv.

Il ceppo del Regno Unito, chiamato B.1.1.1.1.7, è una variante di rapida diffusione della SARS-CoV-2 inizialmente rilevata nel Regno Unito che porta un numero maggiore del solito di cambiamenti genetici con 10 mutazioni localizzate nella proteina spike.
Il virus mutato presenta 10 cambiamenti di aminoacidi nella caratteristica proteina "spike", che tutti i vaccini finora autorizzati hanno come bersaglio. Uno dei cambiamenti è in un sito di legame, sollevando preoccupazioni gli anticorpi stimolati dai vaccini  potrebbero non essere in grado di attaccare e bloccare il virus.

BioNTech e Pfizer hanno precedentemente pubblicato i dati di uno studio in vitro che ha valutato una delle mutazioni chiave (N501Y) nel ceppo del Regno Unito, che è anche condiviso dal ceppo sudafricano. Tale studio ha mostrato un'efficiente neutralizzazione del virus N501Y mutato con picchi di virus da parte dei sieri di individui che avevano ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19.

Un altro studio condotto all'inizio di questo mese, che non è stato ancora sottoposto a peer review, ha suggerito che il vaccino è efficace sia contro il ceppo sudafricano che contro quello britannico. Lo studio è stato condotto da Pfizer e dalla University of Texas Medical Branch.

Si tratta del primo studio di questo tipo completato da un importante produttore di vaccini Covid. Altre aziende farmaceutiche si stanno impegnando a condurre test sull'efficacia delle loro rispettive inoculazioni.
Moderna e AstraZeneca, che ha sviluppato un vaccino Covid in collaborazione con l'Università di Oxford, hanno dichiarato che si aspettano che i loro vaccini siano efficaci contro B.1.1.7.

I dati dello studio 
Nel loro comunicato stampa, Pfizer-BioNTech hanno indicato di non aver trovato "nessuna differenza biologicamente significativa nell'attività di neutralizzazione" nei test di laboratorio del ceppo originale del coronavirus e del ceppo B.1.1.7.
I ricercatori hanno riferito che tutte le mutazioni trovate con la nuova variante sono state neutralizzate dagli anticorpi del sangue dei 16 partecipanti che avevano ricevuto il vaccino in precedenza. Tuttavia, hanno avvertito che la diffusione globale delle varianti richiedeva "un monitoraggio continuo del significato delle mutazioni per il mantenimento della protezione da parte dei vaccini attualmente autorizzati".

La metà dei partecipanti aveva un'età compresa tra i 18 e i 55 anni e l'altra metà tra i 56 e gli 85 anni.
L'attuale studio in vitro ha esaminato l'intera serie di mutazioni dei picchi di ceppo del Regno Unito. A questo scopo, è stato generato uno pseudovirus con la proteina del ceppo UK spike.

Lo pseudovirus ricapitola il legame del virus SARS-CoV-2 e l'ingresso delle cellule. I sieri dei partecipanti dello studio tedesco di fase 1/2 precedentemente segnalato hanno inibito lo pseudovirus con il picco del ceppo britannico SARS-CoV-2 in un intervallo di neutralizzazione che è considerato biologicamente equivalente al picco Wuhan SARS-CoV-2 non mutilato.

Mentre il sistema di pseudovirus utilizzato è un surrogato dell'autentico SARS-CoV-2, studi precedenti hanno dimostrato un'eccellente concordanza tra la neutralizzazione dello pseudotipo e i saggi di neutralizzazione della SARS-CoV-2.i La neutralizzazione preservata dello pseudovirus recante il picco del ceppo britannico da parte dei sieri immuni BNT162b2 rende probabile che il COVID-19 causato dalla variante del virus britannico sarà anche impedito dall'immunizzazione con BNT162b2.

Pubblicazione del lavoro

Comunicato stampa

SEZIONE DOWNLOAD