COVID-19

Covid-19 molnupiravir riduce di un terzo ricoveri e decessi, meno di quanto sperato

Nuovi dati mostrano come monupiravir,  il farmaco antivirale sperimentale di MSD per il Covid-19, sia meno efficace di quanto lasciavano prevedere i primi risultati. Nei dati rilasciati in ottobre dalla società americana, molnupiravir, un farmaco attivo per via orale che potrebbe essere preso a casa, aveva mostrato di dimezzare (-48%) il rischio di ospedalizzazione e morte tra i pazienti ad alto rischio. Ma secondo gli ultimi risultati che MSD ha presentato all'Fda, la pillola ha ridotto il rischio di ospedalizzazione e morte del 30%. Tra i partecipanti che hanno ricevuto il farmaco antivirale, solo uno è deceduto durante la sperimentazione, rispetto a nove decessi nel gruppo placebo.

Nuovi dati mostrano come monupiravir,  il farmaco antivirale sperimentale di MSD per il Covid-19, sia meno efficace di quanto lasciavano prevedere i primi risultati. Nei dati rilasciati in ottobre dalla società americana, molnupiravir, un farmaco attivo per via orale che potrebbe essere preso a casa, aveva mostrato di dimezzare (-48%) il rischio di ospedalizzazione e morte tra i pazienti ad alto rischio. Ma secondo gli ultimi risultati che MSD ha presentato all’Fda, la pillola ha ridotto il rischio di ospedalizzazione e morte del 30%.

Tra i partecipanti che hanno ricevuto il farmaco antivirale, solo uno è deceduto durante la sperimentazione, rispetto a nove decessi nel gruppo placebo.

I dati finali dello studio MOVe-OUT
MSD e il partner Ridgeback Biotherapeutics hanno fornito un aggiornamento sullo studio MOVe-OUT di molnupiravir (MK-4482, EIDD-2801), un farmaco antivirale orale sperimentale per COVID-19. Sono ora disponibili i dati di tutti i partecipanti arruolati (n=1433). In questa popolazione di studio, molnupiravir ha ridotto il rischio di ospedalizzazione o di morte dal 9,7% nel gruppo placebo (68/699) al 6,8% (48/709) nel gruppo molnupiravir, con una riduzione del rischio assoluto del 3,0% (95% intervallo di confidenza [CI]: 0,1, 5,9; valore nominale p=0,0218) e una riduzione del rischio relativo del 30% (rischio relativo 0,70; 95% CI: 0,49, 0,99).
Nove decessi sono stati riportati nel gruppo placebo e uno nel gruppo molnupiravir. Il profilo degli eventi avversi per molnupiravir è rimasto coerente con il profilo riportato nell'analisi ad interim pianificata.

All'analisi ad interim pianificata le cose erano andate meglio: molnupiravir aveva ridotto significativamente il rischio di ospedalizzazione o morte dal 14,1% (53/377) nel gruppo placebo al 7,3% (28/385) nel gruppo molnupiravir (riduzione del rischio assoluto 6,8%; 95% CI: 2,4, 11,3; p=0,0012), per una riduzione del rischio relativo del 48% (rischio relativo 0,52; 95% CI: 0,33, 0,80).

In attesa di approvazione da parte di Fda ed Ema
L’Fda venerdì ha chiesto a un panel di consulenti esperti di valutare il beneficio della riduzione delle ospedalizzazioni e dei decessi nei pazienti ad alto rischio contro i potenziali rischi associati al farmaco. Poiché Merck e Ridgeback hanno presentato nuovi dati di sperimentazione clinica all'agenzia dopo che gli scienziati della Fda hanno completato la loro revisione, i regolatori hanno detto che la loro analisi può cambiare prima di una riunione di martedì per considerare le prove scientifiche sul farmaco.

"Le questioni di revisione e le valutazioni di beneficio/rischio possono quindi differire dalle valutazioni originali fornite nel documento informativo che era basato sull'analisi provvisoria", un addendum al materiale informativo della Fda ha detto.

In quali pazienti potrebbe essere approvato
MSD e Ridgeback stanno cercando l'autorizzazione all'uso di emergenza per il loro trattamento anti Covid, che diventerebbe il primo farmaco attivo per via orale e quindi facile da usare per contrastare il virus. Il comitato consultivo della FDA dovrebbe fare una raccomandazione martedì, e i funzionari dell'agenzia in genere seguono le indicazioni dei loro consulenti.

L'agenzia ha esaminato i dati presentati dalle aziende e ha determinato che lo studio clinico ha identificato "nessuna preoccupazione di sicurezza importante" relativa agli eventi avversi. Gli effetti collaterali più comuni erano diarrea lieve-moderata, nausea e vertigini. Eppure, la FDA ha identificato diverse aree di preoccupazione, compresi i rischi potenziali per le donne incinte e la possibilità che il farmaco potrebbe causare la mutazione del coronavirus.

L’Fda potrebbe autorizzare il farmaco per l'uso nel trattamento di pazienti a più alto rischio di ospedalizzazione o morte a causa dell'età o delle condizioni di salute sottostanti come l'obesità e le malattie cardiache. La revisione dell'agenzia suggerisce che i regolatori potrebbero limitare l'uso del farmaco in persone che sono incinte, ospedalizzate e vaccinate.

La pillola di Merck funziona interferendo con un enzima che il coronavirus ha bisogno di replicarsi e cambiando il genoma del virus.
A differenza dei trattamenti esistenti - compresi gli anticorpi monoclonali e il farmaco antivirale remdesivir - molnupiravir potrebbe essere prescritto ai pazienti e preso a casa senza la supervisione diretta di un medico.

I pazienti ad alto rischio con infezione da Covid-19 inizierebbero a prendere le pillole entro cinque giorni dallo sviluppo dei sintomi e continuerebbero a usare il farmaco due volte al giorno per cinque giorni. La facilità d'uso potrebbe rendere il trattamento un potente strumento per prevenire i peggiori esiti, impedendo ai pazienti con Covid lievemente malati di peggiorare e atterrare in ospedale.

Precauzione nelle donne incinte
L’Fda ha proposto diversi modi per limitare il farmaco per le pazienti incinte a causa del rischio di difetti alla nascita e altri potenziali problemi.
"Un approccio possibile è quello di non autorizzare molnupiravir per l'uso durante la gravidanza perché non ci sono scenari clinici in cui il beneficio superi il rischio" dice l'agenzia.

Un approccio meno restrittivo sarebbe quello di fornire informazioni sui rischi e non raccomandare la pillola durante la gravidanza, ma permettere ai medici di prescrivere il farmaco "a loro discrezione in alcuni scenari clinici in cui i benefici siano ritenuti superiori ai rischi".
I consiglieri della FdaA possono anche suggerire precauzioni per le donne in età fertile che prendono il farmaco, come test di gravidanza e controllo delle nascite.

I regolatori hanno anche sollevato la questione se le persone vaccinate debbano ricevere la pillola. Poiché il vaccino offre una solida protezione contro le infezioni gravi e la morte, l'agenzia ha chiesto ai suoi consulenti di valutare se le persone vaccinate beneficerebbero sufficientemente dal farmaco per giustificare i rischi.

La pillola della MSD è stata autorizzata per l'uso in Gran Bretagna questo mese per le persone di età superiore ai 60 anni o con almeno un fattore di rischio per lo sviluppo di grave covid-19.

I regolatori dell'Unione Europea hanno dato il via libera agli stati membri per approvare l'uso di emergenza della pillola la scorsa settimana, mentre diversi paesi in Europa affrontano un'altra ondata di infezioni e adottano nuove misure di chiusura.

La FDA dovrebbe presto considerare un'altra pillola antivirale - questa, Paxlovid, sviluppata da Pfizer - dopo che l'azienda ha richiesto un'autorizzazione per l'uso di emergenza la scorsa settimana. Il farmaco di Pfizer, se preso entro tre giorni dai sintomi, ha ridotto il tasso di morte e di ospedalizzazione tra i pazienti ad alto rischio dell'89%, secondo i dati dell'azienda.

Come funziona il molnupiravir 
Molnupiravir (MK-4482, EIDD-2801) è un farmaco sperimentale, somministrato per via orale, a base di un potente analogo ribonucleosidico che inibisce la replicazione della SARS-CoV-2, l'agente causale della COVID-19. Molnupiravir è in fase di studio come farmaco singolo, senza l'uso di farmaci concomitanti e senza restrizioni nell'assunzione di cibo o modifiche della dose in base alla compromissione renale o epatica. Sulla base dei dati disponibili, non sono state identificate interazioni farmacologiche note con molnupiravir.

Molnupiravir è stato inventato presso Drug Innovations at Emory (DRIVE), LLC, un'azienda biotecnologica senza scopo di lucro interamente di proprietà della Emory University; Emory/DRIVE ha ricevuto alcuni finanziamenti per la ricerca dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e dal National Institutes of Health. Molnupiravir è sviluppato da MSD in collaborazione con Ridgeback Biotherapeutics. Ridgeback ha ricevuto un pagamento anticipato da MSD ed è anche idoneo a ricevere pagamenti contingenti dipendenti dal raggiungimento di determinate pietre miliari di sviluppo e approvazione normativa. Qualsiasi profitto dalla collaborazione sarà diviso equamente tra i partner. Da quando Ridgeback ha ottenuto la licenza, tutti i fondi utilizzati per lo sviluppo di molnupiravir sono stati forniti da MSD e Ridgeback.