COVID-19

Giornata dedicata alle vittime del Covid, nel salernitano case intelligenti per combattere la solitudine degli anziani

Una giornata per la memoria, dedicata alle vittime del Covid-19. A Oliveto Citra, nel salernitano, mercoledì 14 aprile, si terrà l'evento "Tempo di cura. Essere comunità dopo la pandemia", organizzato dalla Fondazione San Francesco d'Assisi Onlus in collaborazione con il Comune di Oliveto Citra. Ospite della giornata Monsignor Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita, nominato dal Ministro Speranza, lo scorso 21 settembre, a capo della commissione per la riforma dell'assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana.

Una giornata per la memoria, dedicata alle vittime del Covid-19. A Oliveto Citra, nel salernitano, mercoledì 14 aprile, si terrà l’evento “Tempo di cura. Essere comunità dopo la pandemia”, organizzato dalla Fondazione San Francesco d’Assisi Onlus in collaborazione con il Comune di Oliveto Citra. Ospite della giornata Monsignor Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita, nominato dal Ministro Speranza, lo scorso 21 settembre, a capo della commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana.

Durante la giornata Monsignor Paglia visiterà le “case intelligenti” presenti nel centro storico della città. Si tratta di un progetto pilota che grazie all’installazione di sensori ambientali connessi a una piattaforma tecnologica aiuta a contrastare il rischio di isolamento sociale degli anziani, emerso in modo critico anche con il Covid-19.

Il progetto, nato dalla sinergia tra Fondazione San Francesco d’Assisi Onlus e la startup romana GRAMPiT, ha in pochi giorni fornito e installato gratuitamente i dispositivi di assistenza per 10 persone della Valle del Sele, anche grazie al contributo solidale di Takeda, e Hiltron, specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi elettronici di sicurezza.

La tecnologia di GRAMPiT, brevettata, sviluppata e prodotta in Italia, è il primo sistema automatizzato che assiste e monitora anche quando non c’è nessuno. Il sistema impara le abitudini e si abitua all’attività in casa, così da interagire con la persona e individuare situazioni potenzialmente pericolose, intervenendo automaticamente quando necessario. Assistenti vocali forniscono le informazioni importanti al momento giusto e in maniera interattiva, semplice e naturale, come a esempio l’ora dei pasti o delle medicine. Il sistema, inoltre, allerta la famiglia quando individua possibili problemi o anomalie.

Il monitoraggio h24 si estende anche in mobilità, permettendo di intervenire prontamente quando necessario. Il tutto senza che l’assistito debba compiere nessuna azione né ricordare di indossare alcun oggetto. Tutte le informazioni non sensibili raccolte sono, inoltre, sempre a disposizione dei familiari autorizzati, che possono controllarle in ogni momento attraverso una comoda App sullo smartphone.

«Il Covid ha messo tutto il mondo a dura prova, con oltre 100 mila morti solo nel nostro Paese, per la maggior parte anziani – ha dichiarato  Mino Pignata, sindaco di Oliveto Citra e Presidente della Fondazione.  – Le RSA hanno giocato un ruolo determinante favorendo, troppo spesso, l’insorgere di ampi focolai difficili da gestire. Con il progetto Case Intelligenti, avviato quasi un anno fa con GRAMPiT, Takeda e Hiltron – ha continuato – abbiamo proposto, sul territorio, una nuova forma di assistenza che, grazie alla tecnologia, aiuta anziani e soggetti fragili a casa loro, preservando i luoghi, gli affetti, la vita di ogni giorno».

«Siamo orgogliosi di sostenere iniziative come quella realizzata a Oliveto Citra – ha aggiunto Davide Bottalico, Digital Healthcare & Innovation Head di Takeda Italia – perché crediamo fortemente nell’innovazione digitale nella sanità. Il progetto rispecchia fedelmente quello che è uno degli obiettivi principali di Takeda: dare un concreto contributo al miglioramento della qualità di vita dei pazienti, che per noi sono sempre al centro di ogni attività. Siamo sicuri che porteremo avanti la florida collaborazione con questa bella realtà, orgoglio del nostro Mezzogiorno».


SEZIONE DOWNLOAD