Idrossiclorochina aumenta decessi e aritmie nei pazienti Covid-19. Studio su The Lancet

In un'analisi osservazionale di quasi 100mila pazienti ospedalizzati con Covid-19, i quasi 15mila che avevano ricevuto idrossiclorochina o clorochina hanno avuto esiti peggiori e hanno aumentato il rischio di aritmie ventricolari. I risultati del lavoro sono pubblicati su The Lancet.

Potrebbe essere la parole fine sulle speranze risposte nella clorochina e nel suo derivato idrossiclorochina quali possibili rimedi contro l’infezione da Coronavirus. Un team di ricerca guidato dai clinici del Brigham and Women's Hospital, prestigioso centro clinico che fa capo alla Harvard Medical School, ha valutato le prove reali relative ai risultati per i pazienti Covid-19 che sono stati trattati con analoghi dell'idrossiclorochina o della clorochina (con o senza macrolide).

Gli investigatori non hanno trovato alcuna evidenza che l'uno o l'altro regime farmacologico abbia ridotto il tasso di mortalità tra i pazienti. Inoltre, i pazienti trattati con regimi di idrossiclorochina o clorochina erano molto più propensi a sperimentare aritmie ventricolari rispetto alle loro controparti che non avevano ricevuto tali farmaci. I risultati del lavoro sono pubblicati su The Lancet.

"Non importa in che modo si esaminano i dati, l'uso di questi regimi di farmaci non ha dati alcun beneficio", ha detto l'autore Mandeep R. Mehra, direttore esecutivo del Brigham's Center for Advanced Heart Disease. "Semmai, i pazienti avevano una maggiore probabilità di morte. Abbiamo anche visto un quadruplicarsi del tasso di aritmie ventricolari significative in pazienti con Covid-19 che erano stati trattati con regimi di idrossiclorochina o clorochina".

Lo studio costituisce la più grande analisi mai condotta sui rischi e i benefici del trattamento dei pazienti Covidi-19 con farmaci antimalarici. Come altri precedenti studi, ha fornito notizie deludenti a un mondo desideroso di promettenti trattamenti per il nuovo coronavirus, dato che il numero di morti a livello mondiale è cresciuto fino a più di 300mila. Mentre i medici hanno perfezionato il modo di trattare la malattia, devono ancora scoprire un “magic bullet” contro un agente patogeno per il quale gli esseri umani non hanno alcuna immunità nota.

Mehra e i suoi colleghi hanno condotto il loro studio utilizzando il database Surgical Outcomes Collaborative, un registro internazionale composto da dati de-identificati provenienti da 671 ospedali in sei continenti.

L'analisi ha incluso informazioni cliniche su oltre 96.000 pazienti ricoverati con Covid-19. Queste includevano i dati di quasi 15mila pazienti che avevano ricevuto il farmaco antimalarico clorochina o il suo idrossichinone analogico con o senza antibiotico (azitromicina o claritromicina) subito dopo la diagnosi di Covid-19. L'end point primario dello studio era la morte o la dimissione dall'ospedale.
L'età media dei pazienti era di 54 anni, e il 53% erano uomini. Sono stati esclusi coloro che sono stati sottoposti a ventilazione meccanica o che hanno ricevuto il remdesivir, l’antivirale di Gilead Sciences il solo farmaco approvato negli Usa per questa indicazione.

Risultati molto deludenti
Mehra e colleghi hanno scoperto che 10.698 pazienti che assumevano uno di questi regimi farmacologici sono deceduti in ospedale (11,1 per cento) e 85.334 sono sopravvissuti alla dimissione. Il team ha confrontato questo tasso di mortalità con quello di un gruppo di controllo, dopo aver tenuto conto di variabili confondenti, come l'età, il sesso e i fattori di rischio sottostanti. Il tasso di mortalità del gruppo di controllo è stato del 9,3%. Ciascuno dei regimi farmacologici a base di clorochina o idrossiclorochina da solo o in combinazione con un macrolide è stato associato a un aumento del rischio di morte in ospedale con COVID-19.

Inoltre, ciascuno dei regimi farmacologici è stato associato ad un aumento del rischio di aritmia ventricolare. Tra i gruppi di trattamento, tra il 4 e l'8% dei pazienti ha sperimentato una nuova aritmia ventricolare, rispetto allo 0,3% dei pazienti del gruppo di controllo.
Per coloro cui è stata somministrata l'idrossiclorochina, c'è stato un aumento del 34% del rischio di mortalità e un aumento del 137% del rischio di una grave aritmia cardiaca. Per chi riceve idrossiclorochina e un antibiotico c'è stato un aumento del 45 per cento del rischio di morte e un 411 per cento del rischio di gravi aritmie cardiache.

Quelli che ricevevano clorochina avevano un 37 per cento di aumento del rischio di morte e un 256 per cento di aumento del rischio di aritmie cardiache gravi. Per coloro che assumevano clorochina e un antibiotico, c'era un 37 per cento di aumento del rischio di morte e un 301 per cento di aumento del rischio di aritmie cardiache gravi.

La clorochina e l'idrossiclorochina sono note per causare tossicità cardiovascolare e studi precedenti hanno dimostrato che i macrolidi possono aumentare il rischio di morte cardiaca improvvisa. Un'analisi preliminare dei pazienti in Brasile trattati con clorochina e un antibiotico ha suggerito che una dose elevata di clorochina può essere un rischio per la sicurezza. I risultati di studi clinici randomizzati e controllati non sono attesi fino all'estate.

Gli studi precedenti non avevano convinto
Ci sono stati almeno 13 studi negli ultimi mesi su idrossiclorochina o clorochina come trattamento per i pazienti affetti da Covid-19. Essi hanno incluso studi randomizzati e controllati e analisi osservazionali che comprendono i pazienti sul continuum dalla malattia lieve a quelli in prossimità della morte. Le prove di qualsiasi beneficio, come la clearance virale o il miglioramento dei sintomi, sono state quasi inesistenti. Ma molti hanno riscontrato un aumento del rischio di reazioni cardiache avverse - soprattutto se combinate con l'azitromicina antibiotica.

Commento degli esperti
"Una cosa è non avere un beneficio, ma questo dimostra un netto danno", ha dichiarato Eric Topol, cardiologo e direttore dello Scripps Research Translational Institute. "Se c'è mai stata una speranza per questo farmaco, questa è la sua morte".
David Maron, direttore della cardiologia preventiva presso la Stanford University School of Medicine, ha detto che "questi risultati non forniscono assolutamente alcun motivo di ottimismo sul fatto che questi farmaci potrebbero essere utili nella prevenzione o nel trattamento del covid-19".

Gli autori avvertono che lo studio attuale è di natura osservazionale - questo significa che non può assolutamente rispondere alla domanda se i regimi farmacologici siano stati gli unici responsabili dei cambiamenti nella sopravvivenza. Saranno necessari studi clinici randomizzati prima di poter giungere a qualsiasi conclusione in merito al danno.

"Questi risultati suggeriscono che questi regimi farmacologici non dovrebbero essere usati al di fuori del campo degli studi clinici e che è necessaria una conferma urgente da parte di studi clinici randomizzati", concludono gli autori.

Mehra M et al. "Hydroxychloroquine or Chloroquine with or without a Macrolide and Outcome in COVID-19: A Multinational Registry Analysis" The Lancet DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(20)31180-6