COVID-19

Primi dati Usa del mondo reale confermano efficacia del booster nella lotta contro Omicron

Tre studi resi noti venerdė scorso forniscono il primo sguardo al mondo reale che sostiene l'efficacia dei richiami di COVID-19 contro la variante contagiosa Omicron. Le ricerche, condotte dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti, sono di ampia portata e coprono milioni di infezioni, cosė come migliaia di ricoveri e visite al pronto soccorso tra gli adulti.

Tre studi resi noti venerdì scorso forniscono il primo sguardo al mondo reale che sostiene l'efficacia dei richiami di COVID-19 contro la variante contagiosa Omicron. Le ricerche, condotte dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti, sono di ampia portata e coprono milioni di infezioni, così come migliaia di ricoveri e visite al pronto soccorso tra gli adulti.

Attualmente, il CDC raccomanda che le persone di età ≥12 anni ricevano un richiamo di un vaccino mRNA - Comirnaty di Pfizer/BioNTech o Spikevax di Moderna - almeno cinque mesi dopo la serie primaria di due dosi, mentre gli individui immunocompromessi dovrebbero ricevere una terza dose primaria. Tuttavia, l'agenzia ha notato che i dati sono stati finora "limitati sull'efficacia nel mondo reale delle terze dosi... negli Stati Uniti, soprattutto da quando la variante [Omicron] è diventata predominante a metà dicembre 2021".

Efficacia del 90% contro le ospedalizzazioni
Due degli studi sono stati pubblicati nel Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR) del CDC. Il primo ha esaminato quasi 88.000 ricoveri e più di 222.000 visite al pronto soccorso e alle cliniche di assistenza urgente in 10 stati dalla fine di agosto al 5 gennaio. Le analisi sono state stratificate per il periodo prima e dopo che la variante Omicron è diventata il ceppo predominante.

Il CDC ha detto che l'efficacia del vaccino nel prevenire i ricoveri legati al COVID-19 durante il periodo di dicembre e gennaio quando Omicron era dominante era del 57% a sei mesi dalla seconda dose. Tuttavia, quel tasso di efficacia è salito al 90% a due settimane dopo la terxa dose. Inoltre, i richiami erano anche efficaci all'82% nel prevenire le visite al pronto soccorso e alle cliniche di assistenza urgente, rispetto al solo 38% sei mesi dopo la seconda dose.

Meno probabilità di contrarre l'Omicron
Il secondo studio MMWR si è concentrato sull'impatto della vaccinazione completa con richiami, coprendo un periodo che va da aprile, prima della comparsa di Delta negli Stati Uniti, a dicembre, quando Delta è stato superato da Omicron. I ricercatori del CDC, che hanno esaminato i dati di 25 dipartimenti sanitari statali e locali, hanno concluso che le persone con tre richiami avevano meno probabilità di essere infettate da Omicron.
A dicembre, tra coloro che sono stati potenziati, c'è stata una media di 149 casi per 100.000 persone ogni settimana. Questo si confronta con 255 casi per 100.000 persone tra coloro che hanno ricevuto solo due iniezioni, e 726 casi per 100.000 persone tra gli individui non vaccinati.

Protezione contro l'infezione sintomatica
Il terzo studio, pubblicato su JAMA, ha esaminato i casi di malattia simile al COVID-19 valutati dal 10 dicembre al 1 gennaio da un programma nazionale di test basato sulle farmacie. I ricercatori hanno analizzato oltre 23.000 casi, di cui circa 13.100 dovuti a Omicron e il resto a Delta. I risultati hanno mostrato che, rispetto al ricevere solo due dosi, un richiamo di mRNA aveva più probabilità di prevenire l'infezione sintomatica da SARS-CoV-2 con una delle due varianti. In particolare, le probabilità di sviluppare un'infezione sintomatica Omicron erano del 66% più bassa per le persone che erano state potenziate rispetto a quelle che avevano ricevuto solo due dosi.

"Sebbene questi risultati forniscano la prova che le dosi di richiamo sono più protettive della sola serie primaria, la odd ratio significativamente più alta per Omicron suggerisce che le dosi di richiamo sono meno protettive contro Omicron che contro Delta", hanno scritto gli autori, notando che i loro risultati erano anche "coerenti con i test di neutralizzazione in vitro che suggeriscono il potenziale di evasione immunitaria con Omicron".