Sanofi accelera sul vaccino Covid: arriverā  a giugno 2021. In sviluppo anche un vaccino a mRNA

COVID-19

Sanofi fa sapere che si aspetta l'approvazione del vaccino Covid-19 sviluppato congiuntamente con GlaxoSmithKline nella prima metā del prossimo anno, anticipata rispetto a una stima precedente della seconda metā del 2021. Inizierā invece nel quarto trimestre uno studio "first in human" di un altro vaccino basato sulla tecnologia mRNA che Sanofi sta sviluppando con Translate Bio.

Sanofi fa sapere che si aspetta l'approvazione del vaccino Covid-19 sviluppato congiuntamente con GlaxoSmithKline nella prima metà del prossimo anno, anticipata rispetto a una stima precedente della seconda metà del 2021.

A settembre dovrebbe iniziare uno studio di fase I/II sul vaccino basato su proteine ricombinanti che utilizza il coadiuvante AS03 di GlaxoSmithKline. L’adiuvante AS03 non è un singolo composto; è una combinazione di alcuni elementi quali lo squalene [un olio derivato dal fegato di squalo], una forma di vitamina E chiamata DL-alpha-tocopherol, e un emulsionante, agente di miscelazione, denominato polisorbato 80.

Sanofi crede che avrà abbastanza dati dalla sua sperimentazione di Fase 1/2 per il vaccino ricombinante da poter essere usato attraverso il percorso di emergenza dell'Agenzia per l'alimentazione e i farmaci, se l'agenzia rilascia tali approvazioni per il vaccino Covid-19". La prova di Fase 3 per quel vaccino potrebbe iniziare a dicembre o gennaio, ha detto Shiver, con l'obiettivo di avere il vaccino pienamente autorizzato entro giugno.

Sanofi, che ha una profonda esperienza in vaccinologia, ma che ha avuto un tempistiche più conservativa dei principali protagonisti della corsa allo sviluppo dei vaccini Covid-19, prevede ora di essere in grado di raggiungere i concorrenti che hanno iniziato prima i test clinici. "Siamo l'unico vaccino in gara che è prodotto da una piattaforma collaudata e che funziona anche su larga scala", ha detto l'amministratore delegato Paul Hudson.

Quando Sanofi ha annunciato l'inizio della corsa per sviluppare i vaccini Covid-19 a metà febbraio, ha stimato che ci sarebbero voluti dai tre ai quattro anni per sviluppare un prodotto. Ora prevede che potrebbe essere in grado di ottenere l'approvazione per due vaccini nel 2021. "Le cose sono progredite molto da dove eravamo rimasti", ha detto John Shiver, vicepresidente senior per i vaccini globali, a proposito delle linee temporali compresse.

Sanofi, che come altri che lavorano sui vaccini Covid-19 sta producendo il farmaco a rischio, cioè prima che i suoi candidati vaccini abbiano dimostrato di funzionare,  si aspetta di avere 100 milioni di dosi del vaccino ricombinante pronte entro la fine del 2020, e un ulteriore miliardo di dosi nel 2021.

Non è chiaro quante vaccinazioni saranno necessari per proteggere ogni persona, anche se l'azienda prevede che potrebbero esserne necessari due, con un intervallo di quattro settimane tra le vaccinazioni. Se questo si dimostrerà vero - e se il vaccino funzionerà - Sanofi potrebbe fornire abbastanza di questo vaccino da proteggere 50 milioni di persone nel 2020 e 500 milioni nel 2021.

Un altro vaccino anti mRNA
Inizierà invece nel quarto trimestre uno studio “first in human” di un altro vaccino basato sulla tecnologia mRNA che Sanofi sta sviluppando con Translate Bio.

Translate Bio e Sanofi hanno firmato un accordo di collaborazione nel 2018 per sviluppare vaccini contro l'mRNA per cinque malattie infettive. La collaborazione è stata ampliata per la prima volta a marzo per perseguire lo sviluppo di un vaccino mRNA contro Covid-19. La seconda espansione, appena annunciata, dà essenzialmente a Sanofi una licenza esclusiva per perseguire lo sviluppo di vaccini mRNA realizzati da Translate Bio in tutte le aree di malattie infettive.

Questo fa leva su gran parte del grande lavoro in corso tra le due aziende". Abbiamo generato una quantità significativa di dati su alcuni dei patogeni iniziali su cui abbiamo iniziato a lavorare. Abbiamo ritenuto che fosse prudente mettere questa piattaforma per lavorare contro i vaccini contro le malattie infettive in modo più ampio", ha detto il CEO di Translate Bio, Ron Renaud.

Secondo i termini del nuovo accordo, Sanofi pagherà a Translate Bio 300 milioni di dollari in contanti e acquisterà 125 milioni di dollari in azioni della società a 25,59 dollari per azione, che rappresentano un premio del 58% rispetto al prezzo di chiusura di martedì.

SEZIONE DOWNLOAD