COVID-19

Tofacitinib riduce la mortalità in pazienti ospedalizzati per COVID-19. Studio sul NEJM

Tofacitinib ha ridotto il rischio di morte o insufficienza respiratoria tra i pazienti ospedalizzati con polmonite COVID-19 che non richiedevano la ventilazione. Lo rivela uno studio pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Oltre al vaccino, in questi giorni Pfizer ha fatto segnare un alto punto a suo favore nella lotta al COVID-19 in quanto il suo farmaco antinfiammatorio tofacitinib ha appena otenuto un importante risultato nel trattamento dei pazienti ospedalizzati con la malattia.

Tofacitinib ha ridotto il rischio di morte o insufficienza respiratoria tra i pazienti ospedalizzati con polmonite COVID-19 che non richiedevano la ventilazione. Lo rivela uno studio pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Berwanger e colleghi, autori dello studio, hanno teorizzato che poiché il tofacitinib "modula l'azione degli interferoni e dell'interleuchina-6, diminuendo il rilascio di citochine", che possono causare la sindrome da distress respiratorio acuto, potrebbe essere usato per trattare i pazienti con COVID-19. "L'azione del tofacitinib su più vie critiche della cascata infiammatoria può migliorare il danno polmonare progressivo causato dall'infiammazione nei pazienti ospedalizzati con Covid-19", hanno scritto.

Come ha dichiarato Tamas Koncz, chief medical officer di Pfizer Inflammation & Immunology, l'azienda sta ora analizzando il set di dati completo e valuterà i prossimi passi.

I dati provengono dallo studio STOP-COVID, che ha arruolato 289 pazienti ospedalizzati in 15 centri del Brasile. Dopo 28 giorni di trattamento, la morte o l'insufficienza respiratoria si era verificata nel 18,1% dei pazienti con tofacitinib, rispetto al 29% per coloro che aveno ricevuto il placebo. Tutti i pazienti hanno anche ricevuto altri trattamenti standard di cura, compresi i corticosteroidi, che sono stati dati a quasi il 90% dei pazienti in entrambi i bracci dello studio.

La riduzione è dunque dell’11% in valore assoluto e del 40% circa in valore relativo (risk ratio 0,63; 95% intervallo di confidenza [CI], 0.41 a 0.97; p=0,04)..
Tofacinitinib, un inibitore di JAK, è attualmente approvato negli Stati Uniti e in Europa per l'artrite reumatoide, l'artrite psoriasica e la colite ulcerosa. L'idea alla base di STOP-COVID è che l'inibizione di JAK potrebbe ridurre il rilascio di citochine, che possono causare gravi lesioni polmonari causate dall'infiammazione o addirittura la morte nei pazienti ricoverati con COVID-19.

Prima del risultato di tofacinib, l'inibitore JAK di Incyte e Novartis Jakafi non era riuscito a ridurre significativamente il rischio di morte tra i pazienti in ventilazione meccanica per 29 giorni di trattamento in un altro studio. Nei pazienti statunitensi, che costituivano il 91% di quello studio, Jakafi ha dimostrato quello che Incyte ha chiamato un miglioramento "statisticamente significativo" nel tasso di decessi. Nello studio con tofacitinib, il 2,8% dei pazienti che hanno ricevuto il farmaco di Pfizer sono morti fino al giorno 28, rispetto al 5,5% del placebo.

Gli effetti dell'inibizione della JAK nei pazienti con Covid-19 sono stati valutati anche nella seconda fase dell'Adaptive Covid-19 Treatment Trial (ACTT-2). Il trattamento combinato con baricitinib e remdesivir è stato superiore al solo trattamento con il solo remdesivir nell'abbreviare il tempo di recupero, in particolare tra i pazienti che ricevevano ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica non invasiva.14 Inoltre, i pazienti nel gruppo di trattamento combinato avevano una maggiore probabilità di migliorare lo stato clinico al giorno 15 rispetto a quelli che avevano ricevuto solo remdesivir.

Gli autori concludono " se l'uso di inibitori JAK sia superiore o additivo ad altre terapie immunomodulanti specifiche nei pazienti ospedalizzati con Covid-19 rimane ancora da determinare".

Patrícia O. Guimarães, Daniel Quirk, Remo H. Furtado Tofacitinib in Patients Hospitalized with Covid-19 Pneumonia News England Journal of Medicine June 16, 2021 DOI: 10.1056/NEJMoa2101643 leggi


SEZIONE DOWNLOAD