Vaccino Covid di Moderna sembra funzionare. Dati di fase I sul Nejm

COVID-19

Sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine i risultato dettagliati dello studio di fase I condotto con il vaccino sperimentale sviluppato dalla biotech americana Moderna per l'immunizzazione contro il coronavirus. l risultati del trial, pubblicati sul Nejm, confermano le precedenti affermazioni di Moderna, mostrando che la vaccinazione ha prodotto anticorpi in grado di neutralizzare il virus SARS-CoV-2 in tutti i partecipanti allo studio che sono stati valutati. 

Sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine i risultato dettagliati dello studio di fase I condotto con il vaccino sperimentale sviluppato dalla biotech americana Moderna per l’immunizzazione contro il coronavirus.

l risultati del trial, pubblicati sul Nejm, confermano le precedenti affermazioni di Moderna, mostrando che la vaccinazione ha prodotto anticorpi in grado di neutralizzare il virus SARS-CoV-2 in tutti i partecipanti allo studio che sono stati valutati.

Finora, i risultati sono da considerarsi "promettenti" e sostengono l'avanzamento del vaccino, ha scritto Penny Heaton, CEO del Bill & Melinda Gates Medical Research Institute, in un editoriale pubblicato a fianco dello studio. Tuttavia, non provano ancora che il vaccino possa proteggere dall'infezione da coronavirus.
Che lo studio fosse andato bene lo si sapeva da un paio di mesi quando lo aveva annunciato l’azienda con un comunicato. L'annuncio di metà maggio aveva contribuito ad aumentare la fiducia che i tempi di sviluppo aggressivi del vaccino, stabiliti dal governo degli Stati Uniti, potessero essere rispettati, aumentando sensibilmente il valore delle azioni di Moderna.

Lo studio di fase I del Nejm
Nello studio di fase 1 sono state valutate tre dosi del candidato vaccino di Moderna. Il trial è stato condotto da ricercatori del National Institutes of Health e condotto in due siti a Seattle e Atlanta. Come prima sperimentazione umana che ha coinvolto volontari sani, l'obiettivo primario era quello di valutare se il vaccino fosse sicuro.

L'analisi intermedia è stata di un programma di vaccinazione a due dosi a 28 giorni di distanza l'una dall'altra a tre diversi livelli di dose, 25, 100 e 250 microgrammi in 45 adulti sani di età compresa tra i 18 e i 55 anni. I dati pubblicati erano relativi ai risultati fino al giorno 57.

"Questi dati di Fase I dimostrano che la vaccinazione con mRNA-1273 provoca una risposta immunitaria robusta a tutti i livelli di dose e chiaramente supportano la scelta di 100 microgrammi in un regime primario e boost come dose ottimale per lo studio di Fase III", ha detto Tal Zaks, direttore medico di Moderna. "Non vediamo l'ora di iniziare il nostro studio di Fase III di mRNA-1273 questo mese per dimostrare la capacità del nostro vaccino di ridurre significativamente il rischio di malattia COVID-19".

Tutti i pazienti che hanno ricevuto il vaccino hanno sviluppato anticorpi neutralizzanti contro il virus che erano simili a quelli osservati in persone che si erano naturalmente riprese da COVID-19. Lo studio ha valutato due tipi specifici di risposte immunitarie.

"Questi due tipi di risposte si sostengono a vicenda," ha detto Lisa Jackson, ricercatore senior presso il Kaiser Permanente Washington Health Research Institute di Seattle, che è stato coinvolto nello studio. "Sappiamo che gli anticorpi vengono prodotti e sembra che ci sia una funzione dopo la vaccinazione che serve a bloccare la capacità del virus di entrare nelle cellule. Quindi neutralizza l'attività del virus".

Alla dose media selezionata per la fase III, i livelli di anticorpi neutralizzanti erano, in media, da due a quattro volte superiori a quelli misurati nel sangue di persone con COVID-19 confermato. Non è ancora chiaro quale quantità di anticorpi coronavirus si traduce in protezione dall'infezione. Tuttavia, gli scienziati credono che osservare come il sistema immunitario dei pazienti guariti ha risposto potrebbe offrire una guida.

Gli anticorpi neutralizzanti si sono sviluppati solo dopo un secondo "booster" che è stato somministrato quattro settimane dopo il primo, suggerendo che qualsiasi protezione offerta dal vaccino di Moderna richiederà del tempo per svilupparsi.

Lo studio di fase I ha anche valutato la sicurezza del vaccino. Gli effetti collaterali sono stati generalmente da lievi a moderati, tra cui affaticamento, brividi, cefalea, dolore muscolare e dolore nel sito di iniezione. Gli autori dello studio hanno indicato che non c'erano "problemi di sicurezza limitanti la sperimentazione". Gli effetti collaterali più moderati sono stati osservati in genere nella dose più alta del vaccino, e in genere di più dopo la seconda dose. Tre adulti a cui è stata somministrata la dose più alta hanno sperimentato sintomi febbrili più gravi, portando Moderna e l'NIH a restringere il loro studio a dosi più basse.
Nello studio, circa l'80% ha descritto l'affaticamento alla seconda dose da 100 microgrammi, il 60% ha riportato mal di testa e il 53% ha descritto il dolore muscolare. Tutti questi sintomi sono scomparsi in un giorno o due.

La fase II ha già arruolato tutti i soggetti
Ha già arruolato i 600 pazienti previsti lo studio di fase II, con due coorti, adulti sani di età compresa tra i 18 e i 55 anni e adulti più anziani di 55 anni e oltre. Si tratta di uno studio di conferma della dose, controllato con placebo, incentrato su pazienti che ricevono un placebo, una dose di 50 microgrammi o 100 microgrammi.

Entro fine luglio partirà la fase III
Uno studio di fase III di 30mila persone, molto più ampio, è stato approvato dalla Fda. Utilizzerà la dose da 100 microgrammi per due somministrazioni. L’endpoint primario è la prevenzione della malattia COVID-19. Gli endpoint secondari chiave sono la prevenzione della COVID-19 grave e la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2. Questo è stato chiamato lo studio COVID-19 e i siti saranno avviati il 21 luglio con l’arruolamento a partire dal 27 luglio.

In conclusione
Il rapido progresso rende Moderna tra le aziende più avanzate in uno sforzo globale per sviluppare un vaccino contro il coronavirus. Circa due dozzine di vaccini sono ora valutate in test clinici e sono state rese pubbliche informazioni preliminari da studi di altri cinque candidati, tra cui uno sviluppato da Pfizer e BioNTech.
Di solito, i test clinici avvengono in sequenza, un processo metodico che consente ai ricercatori di valutare attentamente se un esperimento è sicuro ed efficace. Moderna, come altre società, ha compresso immensamente quel processo, iniziando la fase successiva di sviluppo prima di ottenere risultati completi dalla fase precedente.

Moderna non dispone ancora di dati sui gruppi più a rischio di infezione da coronavirus, come gli individui più anziani o quelli che hanno condizioni di salute già esistenti. Altri volontari, compresi gli adulti anziani, sono stati arruolati nello studio di Fase 1.La funzione immunitaria delle persone diminuisce con l'età, ponendo potenzialmente il rischio che la dose scelta da Moderna possa non funzionare bene per coloro che sono più anziani.
Il problema, sottolinea la rivista cience, è che non si sa se l’attuale tasso di circolazione del virus negli Stati Uniti (più basso rispetto ad aprile e maggio, ma ancora consistente) sarà sufficiente per ottenere risultati solidi nei tempi strettissimi che sono stati imposti dal programma Warp Speed, che oltre a quella di Moderna è pronto a sostenere la fase 3 di altri 2 vaccini dei 5 totali che sta supportando.

An mRNA Vaccine against SARS-CoV-2 — Preliminary Report July 14, 2020 DOI: 10.1056/NEJMoa2022483
Leggi
SEZIONE DOWNLOAD