COVID-19

Vaccino Covid di Pfizer-BioNTech: dai 12 ai 15 anni efficacia al 100 per cento

Il vaccino COVID-19 di Pfizer e BioNTech potrebbe presto ricevere l'autorizzazione per l'uso negli adolescenti sotto i 16 anni. Le due società hanno annunciato i dati di uno studio di fase III che ha mostrato il 100% di efficacia e robuste risposte anticorpali in pazienti di età compresa tra 12 e 15 anni che hanno ricevuto il vaccino BNT162b2.

Il vaccino COVID-19 di Pfizer e BioNTech potrebbe presto ricevere l'autorizzazione per l'uso negli adolescenti sotto i 16 anni. Le due società hanno annunciato i dati di uno studio di fase III che ha mostrato il 100% di efficacia e robuste risposte anticorpali in pazienti di età compresa tra 12 e 15 anni che hanno ricevuto il vaccino BNT162b2.

Le due aziende hanno detto che i risultati principali dello studio di fase avanzata su 1.160 adolescenti hanno superato i dati clinici visti nei pazienti dai 16 ai 25 anni. Le società hanno intenzione di presentare questi dati alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti e all'Agenzia Europea per i Medicinali per un emendamento richiesto all'Autorizzazione d'Uso di Emergenza di BNT162b2 e all'Autorizzazione Condizionata di Commercializzazione dell'UE per Comirnaty (questo il brand del vaccino) per espandere l'uso negli adolescenti di 12-15 anni di età il più rapidamente possibile.

Tutti i partecipanti alla sperimentazione continueranno a essere monitorati per altri due anni dopo la loro seconda dose per verificare la protezione e la sicurezza a lungo termine.

Albert Bourla, presidente e amministratore delegato di Pfizer, ha detto che le aziende sono incoraggiate dai risultati dello studio e sperano di iniziare a vaccinare gli adolescenti in questa fascia di età il più rapidamente possibile per continuare a frenare la diffusione del COVID-19, in particolare in vista dell'anno scolastico 2021-2022.

"In tutto il mondo, desideriamo una vita normale. Questo è particolarmente vero per i nostri bambini. I primi risultati che abbiamo visto negli studi sugli adolescenti suggeriscono che i bambini sono particolarmente ben protetti dalla vaccinazione, il che è molto incoraggiante viste le tendenze che abbiamo visto nelle ultime settimane riguardo alla diffusione della variante B.1.1.7 UK. È molto importante permettere loro di tornare alla vita scolastica quotidiana e di incontrare amici e familiari proteggendo loro e i loro cari", ha detto Ugur Sahin, CEO e co-fondatore di BioNTech in un comunicato.

Oltre all'uso del vaccino negli adolescenti, Pfizer e BioNTech stanno anche valutando il farmaco preventivo nei bambini dai sei mesi agli 11 anni.

La scorsa settimana, le aziende hanno dosato i primi bambini sani in uno studio di fase I/II/III senza soluzione di continuità che valuta la sicurezza e l'efficacia del vaccino in quel gruppo di età. Lo studio sta valutando la sicurezza, la tollerabilità e l'immunogenicità del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 su un programma di due dosi (a distanza di circa 21 giorni) in tre gruppi di età: bambini dai 5 agli 11 anni, dai 2 ai 5 anni e dai 6 mesi ai 2 anni. La coorte da 5 a 11 anni ha iniziato il dosaggio la scorsa settimana e le società prevedono di iniziare la coorte da 2 a 5 anni la prossima settimana, hanno detto le società.

Anche se le aziende si affrettano con i vaccini, c'è una preoccupazione per l'aumento delle varianti del nuovo coronavirus. La preoccupazione è che queste nuove varianti non saranno influenzate dalle attuali terapie o dai vaccini, in particolare in luoghi dove non sono in corso vaccinazioni di massa. Già, il governo degli Stati Uniti ha sospeso l'uso di alcuni anticorpi monoclonali a causa della mancanza di efficacia contro alcune delle varianti trovate in questo paese.

Secondo Axios, in un sondaggio di 77 epidemiologi, circa due terzi ha detto che il mondo ha probabilmente un anno o meno prima che il virus cambi così tanto che i vaccini esistenti non siano efficaci contro i nuovi ceppi. Inoltre, i virologi hanno anche ipotizzato che i vaccini già in uso dovranno essere aumentati da dosi di richiamo o da nuovi vaccini.


SEZIONE DOWNLOAD