Dermatologia EADV, Dermatologia

Dermatite atopica, con abrocitinib riduzione rapida e prolungata del dolore cutaneo e migliore qualitÓ di vita #EADV22

Negli adolescenti e negli adulti con dermatite atopica da moderata a grave, abrocitinib in monoterapia o in combinazione con la terapia topica ha portato a un miglioramento rapido e prolungato del dolore cutaneo, associato a miglioramenti nei risultati della qualitÓ della vita. ╚ quanto emerge dai risultati di uno studio presentato sotto forma di poster al congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) 2022.

Negli adolescenti e negli adulti con dermatite atopica da moderata a grave, abrocitinib in monoterapia o in combinazione con la terapia topica ha portato a un miglioramento rapido e prolungato del dolore cutaneo, associato a miglioramenti nei risultati della qualità della vita. È quanto emerge dai risultati di uno studio presentato sotto forma di poster al congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) 2022.

Il dolore cutaneo nella dermatite atopica è associato a un notevole carico di qualità della vita (QoL). Abrocitinib, un inibitore orale selettivo della Janus chinasi 1 in monosomministrazione giornaliera, è stato approvato per il trattamento della dermatite atopica da moderata a grave sulla base di un'efficacia superiore rispetto al placebo e di un buon profilo di sicurezza osservato in più studi clinici di fase III, hanno premesso gli autori.

In questa analisi post hoc è stata valutata l'efficacia di abrocitinib sul dolore cutaneo e sulla qualità di vita in pazienti con dermatite atopica da moderata a grave. Sono stati analizzati i dati prodotti da studi clinici con abrocitinib somministrato in monoterapia (dati raggruppati di fase IIb in pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni, dati degli studi di fase III JADE MONO-1 e 2 in pazienti di età ≥12 anni) o in combinazione con la terapia topica negli studi di fase III JADE COMPARE in pazienti ≥18 anni e JADE TEEN in pazienti da 12 ai 17 anni fino a 12 settimane (studi in monoterapia e JADE TEEN) o 16 settimane (JADE COMPARE).

I partecipanti sono stati trattati con abrocitinib orale una volta al giorno (200 mg o 100 mg) o placebo. Lo studio JADE COMPARE includeva anche un braccio di confronto attivo (dupilumab 300 mg somministrato per via sottocutanea a settimane alterne). I pazienti hanno valutato il loro dolore cutaneo in un periodo di 24 ore da 0 (non doloroso) a 10 (estremamente doloroso) sull’item 12 dello strumento di valutazione del prurito Pruritus and Symptoms Assessment for Atopic Dermatitis (PSAAD), relativo al dolore provato nelle 24 ore precedenti. La qualità di vita è stata valutata tramite il Dermatology Life Quality Index (DLQI) nei soggetti di età ≥18 anni) e tramite il Children’s DLQI (CDLQI) per quelli con età inferiore ai 18 anni.

Riduzione rapida e prolungata del dolore cutaneo e migliore qualità di vita 
Il punteggio medio al basale per il PSAAD item #2 era di 5,6 negli studi aggregati in monoterapia, 5,6 in JADE COMPARE e 5,0 in JADE TEEN. Il punteggio totale medio del DLQI è stato di 14,6 e di 15,7 per gli adulti rispettivamente negli studi combinati di monoterapia e in JADE COMPARE e il punteggio totale medio del CDLQI è stato di 14,0 nel trial JADE TEEN.

Già alla settimana 2, una percentuale maggiore di pazienti ha ottenuto un miglioramento ≥4 punti rispetto al basale nel PSAAD item #2 con abrocitinib 200 mg e 100 mg rispetto al placebo in tutti gli studi, che si è mantenuto fino alla settimana 12/16. Inoltre una percentuale maggiore di pazienti ha raggiunto una soglia stringente di dolore cutaneo minimo o nullo (punteggio <2 nell’item #2 del PSAAD) con abrocitinib 200 mg e 100 mg rispetto al placebo dalla settimana 2 alla settimana 12/16 in tutti gli studi.

Tutti i pazienti adulti e adolescenti che hanno ottenuto un miglioramento di 4 punti nel PSAAD item #2 hanno riportato un miglioramento maggiore della qualità di vita (valutata con DLQI/CDLQI) rispetto a quanti non hanno ottenuto un tale miglioramento.

«Abrocitinib in monoterapia o in combinazione con la terapia topica ha comportato un miglioramento rapido e prolungato del dolore cutaneo, che è stato associato a miglioramenti nei risultati della qualità della vita negli adolescenti e negli adulti con dermatite atopica da moderata a grave» hanno concluso gli autori.

Referenze

Thyssen J et al. Abrocitinib Improves Skin Pain and Quality-of-Life Outcomes in Adolescents and Adults With Moderate-to-Severe Atopic Dermatitis. Abstract 1343. EADV 2022.