Dermatologia

Dermatite atopica, lebrikizumab efficace anche nei pazienti con pelle pił scura #AAD24

Tra i pazienti con pelle di colore e dermatite atopica da moderata a grave trattati per 16 settimane con lebrikizumab, il 68% ha ottenuto una riduzione del 75% della gravitą della malattia, secondo i risultati provvisori di uno studio di fase IIIb condivisi al congresso 2024 dell'American Academy of Dermatology (AAD).

Tra i pazienti con pelle di colore e dermatite atopica da moderata a grave trattati per 16 settimane con lebrikizumab, il 68% ha ottenuto una riduzione del 75% della gravità della malattia, secondo i risultati provvisori di uno studio di fase IIIb condivisi al congresso 2024 dell'American Academy of Dermatology (AAD).

Lebrikizumab è un anticorpo monoclonale che si lega con elevata affinità all'interleuchina (IL)-13, bloccando così gli effetti a valle della citochina, ha ricordato uno dei ricercatori dello studio, Jill Waibel, dermatologo di Miami, in Florida. «Anche se l'efficacia e la sicurezza nel trattamento della dermatite atopica da moderata a grave sono state stabilite in studi di fase III, comprese le analisi di sottogruppi per razza ed etnia, sono disponibili pochi dati per guidare il trattamento nelle popolazioni tradizionalmente sottorappresentate negli studi clinici, tra cui i pazienti con pelle di colore» ha detto.

Al congresso sono stati presentati i risultati provvisori a 16 settimane dello studio di fase IIIb ADmirable, in aperto, della durata di 24 settimane, il primo studio a valutare la sicurezza e l'efficacia di lebrikizumab negli adulti e negli adolescenti con pelle di colore ed eczema da moderato a grave.

Analisi dell’effetto di lebrikizumab nelle persone di colore
Tutti i pazienti hanno ricevuto lebrikizumab 500 mg per via sottocutanea all’inizio dello studio e dopo due settimane, seguito da 250 mg per via sottocutanea ogni due settimane fino alla settimana 16. L'endpoint primario era la quota di partecipanti che raggiungeva una riduzione del 75% rispetto al basale dell'Eczema Area and Severity Index (EASI 75) alla settimana 16. Se i pazienti raggiungevano l'endpoint primario alla settimana 16, passavano a una dose di 250 mg ogni 4 settimane, altrimenti continuavano con la dose da 250 mg ogni 2 settimane.

L'analisi ha incluso 50 pazienti con tipi di pelle IV, V e VI nella scala di Fitzpatrick che hanno autodichiarato la loro razza come nera o afroamericana, indiana americana o nativa dell'Alaska, asiatica e nativa hawaiana o di altre isole del Pacifico. Presentavano dermatite atopica cronica da almeno 1 anno, da moderata a grave al basale, una storia di risposta inadeguata ai farmaci topici ed erano naïve ai farmaci biologici.

Gli endpoint di interesse della settimana 16 erano EASI, punteggio di 0/1 (pelle libera o quasi libera da lesioni) nell’Investigator's Global Assessment (IGA), livello di prurito misurato tramite la Pruritus Numerical Rating Scale (NRS) e PDCA-Derm, una scala utilizzata per confrontare le lesioni post-infiammatorie con la pelle sana adiacente a quella interessata dalla malattia.

Miglioramento delle lesioni iperpigmentate in più della metà dei pazienti
Al basale, l'età media dei 50 soggetti arruolati era di 42 anni, il 46% erano donne, l’indice di massa corporea medio era di 30,2 e l'età media all'esordio della malattia cutanea era di 23 anni. La maggior parte dei partecipanti (80%) era nera o afroamericana, il 14% erano asiatici, il 6% erano indiani d'America o nativi dell'Alaska e il 22% erano ispanici o latinoamericani. Il punteggio medio EASI era 28,1, la superficie corporea media interessata (BSA) era del 41,7% e il punteggio medio del prurito era 7,2 su 11. Secondo la scala PDCA-Derm, il 18% dei pazienti presentava lesioni ipopigmentate e il 54% lesioni iperpigmentate.

Dopo 16 settimane di trattamento il 68% dei pazienti ha ottenuto una risposta EASI 75 e il 46% una risposta EASI 90. Inoltre il 39% dei soggetti ha ottenuto un punteggio IGA pari a 0 o 1, il 56% un miglioramento di almeno 4 punti nella scala del prurito e il 66% un miglioramento di almeno 3 punti. Il punteggio PDCA-Derm ha identificato un miglioramento delle lesioni con iperpigmentazione post-infiammatoria (PIH) in 12 pazienti su 21 e del tono cutaneo normale in 6 pazienti su 21.

«Molti dei miei pazienti sono di colore» ha detto Waibel. «A quelli con PIH faccio presente che ci vogliono 6 mesi per vedere dei risultati. In questo studio, il primo focalizzato su persone di colore con eczema da moderato a grave nei tipi di pelle IV-VI, in molti soggetti il tono della pelle è migliorato nell’arco di 4 mesi. La PIH a volte è più angosciante di una condizione primaria, sia si tratta di acne o dermatite atopica. In questo caso con lebrikizumab la situazione è migliorata in modo sorprendente».

In un'intervista, il ricercatore principale dello studio Andrew Alexis, vicepresidente per la diversità e l'inclusione presso il Dipartimento di Dermatologia e professore di dermatologia clinica presso Weill Cornell Medicine, New York City, ha affermato che è stato interessante osservare un tale miglioramento delle lesioni iperpigmentate post-infiammatorie, un risultato particolarmente rilevante per i pazienti con pelle di colore che sono colpite in modo sproporzionato dalla dermatite atopica e spesso riscontrano sintomi più gravi, un ritardo nella diagnosi e tempi più lunghi per trovare un trattamento adeguato.

Referenze
Alexis A et al. Efficacy and safety of lebrikizumab in adult and adolescent patients with skin of color and moderate-to-severe atopic dermatitis: an interim analysis of the open-label phase 3b trial, ADmirable. 2024 American Academy of Dermatology Conference. March 10, 2024.