Dermatologia

Psoriasi, identificati alcuni predittori della persistenza della terapia con secukinumab

Nei pazienti con psoriasi a placche sono stati identificati i fattori predittivi per la persistenza della terapia biologica con secukinumab, tra i quali un tempo di oltre 5 anni tra la diagnosi e l'inizio del trattamento, lo stato di na´ve alla terapia biologica e l'uso precedente di un solo biologico. Sono i risultati di uno studio portoghese pubblicato sulla rivista Dermatologic Therapy.

Nei pazienti con psoriasi a placche sono stati identificati i fattori predittivi per la persistenza della terapia biologica con secukinumab, tra i quali un tempo di oltre 5 anni tra la diagnosi e l’inizio del trattamento, lo stato di naïve alla terapia biologica e l’uso precedente di un solo biologico. Sono i risultati di uno studio portoghese pubblicato sulla rivista Dermatologic Therapy.

Anche se negli ultimi anni le terapie biologiche hanno cambiato il modo in cui viene gestita la malattia psoriasica, i ricercatori hanno suggerito l’importanza del monitoraggio della terapia per valutare la sicurezza e l'efficacia a lungo termine di questi trattamenti.

Uno studio portoghese sulla persistenza dei biologici
I ricercatori, guidati dal primo autore Pedro Mendes-Bastos, del Dermatology Center at Hospital CUF Descobertas, in Portogallo, hanno valutato un campione di pazienti con psoriasi trattati con secukinumab per comprendere meglio la persistenza, l'efficacia e gli esiti nel mondo reale della terapia, al fine di migliorare le risposte dei pazienti.

Per lo studio longitudinale retrospettivo sono stati valutati i dati di 302 pazienti adulti a cui è stata diagnosticata una psoriasi a placche da moderata a grave e hanno iniziato il trattamento con secukinumab tra il gennaio 2018 e il gennaio 2020. Quasi la metà (41,7%) era di sesso femminile e l'età media era di 48,4 anni.

Il tempo mediano dalla diagnosi erta di 155 mesi (12,9 anni). Il punteggio mediano al basale dello Psoriasis Area and Severity Index (PASI) era 16,6 mentre il punteggio del Nail Psoriasis Severity Index (NAPSI) era 15,5. È stato inoltre riportato un punteggio mediano di 16 per il Dermatology Life Quality Index (DLQI) e una storia familiare di malattia psoriasica nel 42,5% dei casi. La psoriasi in aree difficili da trattare era presente nell’82,1% dei pazienti, con coinvolgimento dello scalpo nella metà.

Riguardo al precedente trattamento, il 51,3% dei partecipanti era naïve mentre il 48,7% era stato precedentemente esposto a farmaci biologici. La maggior parte dei pazienti con esperienza biologica (60,5%) aveva ricevuto solo 1 biologico prima dello studio, seguito dal 21,8% che ne aveva ricevuti 2, dal 13,6% con 3 farmaci e dal 4,1% con 4 biologici. Il più utilizzato era ustekinumab.

Dopo 104 settimane per tutti i pazienti idonei è stato stimato il tempo di persistenza, definito come il tempo dall'inizio del trattamento con secukinumab fino all'interruzione della terapia o all'ultimo contatto medico.

Maggiore durata del trattamento se avviato oltre 5 anni dalla diagnosi
Dopo 5 anni di follow-up hanno interrotto secukinumab 84 pazienti, 45 dei quali per via della perdita di efficacia. Alla settimana 104 la persistenza complessiva del trattamento era del 71,7%.

È stata identificata una maggiore probabilità di persistenza del farmaco tra i pazienti che hanno iniziato la terapia con secukinumab oltre 5 anni dopo la diagnosi, erano naïve ai biologici o erano stati trattati in precedenza con un solo farmaco biologico, non avevano psoriasi in aree difficili da trattare e soffrivano di diabete.

A seguito di un'analisi esplorativa, i ricercatori hanno scoperto che questi pazienti erano prevalentemente maschi (37,7% contro 63,1%, P<0,001) e avevano più spesso una storia familiare di psoriasi (29,5% contro 45,7%, P=0,023). Inoltre presentavano meno psoriasi palmo-plantare (36,1% contro 19,1%, P=0,005) e meno psoriasi in aree difficili da trattare (91,8% contro 80,5%, P=0,037). I ricercatori hanno ipotizzato che una combinazione di questi fattori fosse responsabile dei tassi di persistenza più elevati in questo gruppo di pazienti.

Nello studio i fattori predittivi identificati per l'interruzione della terapia con secukinumab erano l'avvio della terapia entro 5 anni dalla diagnosi (P=0,001), una precedente esposizione ad almeno 2 biologici (P=0,007) e la presenza di psoriasi in arre difficili da trattare (P=0,014).

Fondamentalmente i risultati hanno indicato che un tempo di massimo 5 anni tra la diagnosi di psoriasi e l'inizio del trattamento era positivamente associato a una maggiore probabilità di prosecuzione della terapia con il farmaco. «Questi risultati contrastano con i dati riportati in letteratura e meritano ulteriori indagini» hanno concluso gli autori.

Bibliografia

Mendes-Bastos P et al. Persistence, effectiveness, and real-world outcomes in psoriasis patients treated with secukinumab in Portugal. Dermatol Ther. 2022 Apr 13;e15510. 

Leggi