Dermatologia EADV, Dermatologia

Pustolosi palmo-plantare, brodalumab migliore del placebo nel ridurre la gravità della malattia #EADV22

Nei pazienti con pustolosi palmo-plantare, brodalumab si è dimostrato un trattamento efficace in uno studio giapponese di fase III di 16 settimane presentato al congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) 2022.

Nei pazienti con pustolosi palmo-plantare, brodalumab si è dimostrato un trattamento efficace in uno studio giapponese di fase III di 16 settimane presentato al congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) 2022.

La pustolosi palmoplantare (PPP) è una malattia della pelle refrattaria, caratterizzata da ripetute eruzioni di pustole sterili sui palmi delle mani e/o sui piedi. È originata da un meccanismo simile alla psoriasi, suggerendo che l'attivazione della via della interleuchina (IL)-17 sia coinvolta nella patologia e nel progresso della malattia.

I pazienti con PPP hanno una maggiore quantità di cellule T-helper 17 e una maggiore concentrazione di IL-17A nel sangue, nonché un accumulo di cellule T-helper 17 e l'espressione dell'mRNA della IL-17 nei tessuti cutanei interessati.

«Brodalumab, un anticorpo monoclonale anti-IL-17RA completamente umano, dovrebbe essere un efficace agente terapeutico per la PPP» ha scritto il primo autore Yukari Okubo e colleghi del dipartimento di dermatologia presso la Tokyo Medical University, in Giappone. «Abbiamo condotto uno studio clinico di fase III per valutare l'efficacia e la sicurezza di brodalumab in pazienti giapponesi con PPP con pustole/vescicole moderate o gravi.

Uno studio su pazienti giapponesi
I partecipanti eleggibili allo studio di fase III, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, avevano un'età compresa tra 17 e 80 anni, una diagnosi di PPP di almeno 24 settimane, un punteggio di almeno 12 nel PPP Area Severity Index (PPPASI), un sotto punteggio PPPASI relativo alle pustole/vescicole di almeno 2 e una risposta inadeguata a uno o a una combinazione di corticosteroidi topici, vitamina D3 topica, fototerapia e/o etretinato).

Un totale di 126 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale in rapporto 1:1 a ricevere brodalumab 210 mg alle settimane 0, 1 e 2, e successivamente ogni 2 settimane, oppure placebo. Alla settimana 16, tutti i soggetti sono entrati in una fase di estensione in aperto e sono stati trattati con brodalumab 210 mg ogni 2 settimane.

Miglioramento della gravità della malattia rispetto al placebo
L'endpoint primario, che prevedeva una tendenza al miglioramento rispetto al basale nel punteggio totale PPPASI entro la settimana 16, è stato raggiunto in misura statisticamente significativa dal gruppo brodalumab rispetto al gruppo placebo (variazione media 13,73 vs 8,45, p=0,0049).

Il gruppo brodalumab ha ottenuto più rapidamente un miglioramento di almeno il 50% o 75% nella risposta PPPASI (PPPASI 50/75) durante lo studio e il 16% ha raggiunto una risposta PPPASI 90 entro la settimana 16 rispetto allo 0% nel gruppo placebo.

Il PPPASI totale e un punteggio di 0/1 (pelle libera o quasi libera da lesioni) nel Physician Global Assessment (PGA) hanno mostrato un miglioramento maggiore nel gruppo in trattamento attivo, mentre la variazione rispetto al basale nel Dermatology Life Quality Inde (DLQI) non è risultata significativamente differente tra i due gruppi alla settimana 16 (2,3 con brodalumab vs. 2,7 con il placebo).

Gli eventi avversi emersi dal trattamento comunemente riportati nel gruppo brodalumab rispetto al gruppo placebo sono stati otite esterna (25,4% contro 1,6%), follicolite (15,9% contro 3,2%), rinofaringite (14,3% contro 4,8%) ed eczema (14,3% vs. 12,9%), con gravità di grado 1 o 2. Non sono state riportate idee o comportamenti suicidari.

«Brodalumab per 16 settimane è stato efficace e tollerabile nei pazienti giapponesi con pustolosi palmoplantare e può pertanto rappresentare una nuova opzione di trattamento» hanno concluso gli autori.

Referenze

Yukari Okubo Y et al. Efficacy and Safety of Brodalumab, An Anti-Interleukin-17 Receptor A Monoclonal Antibody, in Japanese Patients with Palmoplantar Pustulosis: A 16 Week Results of a Phase 3, Multicenter, Randomized, Double-blind, Placebo-controlled Study. Abstract 85. EADV 2022.