Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Che cos'è e come si cura l'ipoparatiroidismo


Diabete ed obesità, quanto uccidono in Italia?


Divergenze tra medico e paziente con diabete, una barriera al controllo glicemico


Diabete e malattie cardiovascolari, uccidono quasi come il cancro ma sono sottovalutate


Impatto socio-economico di diabete e malattie cardiovascolari


Lotta al diabete urbano, il progetto City Changing diabetes


Diabete, le nuove tecnologie in aiuto alla medicina del territorio


Diabete di tipo I, informare con una campagna di comunicazione


Piede diabetico: cos'è, caratteristiche, impatto sulla qualità di vita


Piede diabetico, pubblicato su Lancet Diabetes & Endocrinology studio Explorer su nuova medicazione


Terapia insulinica efficace? E' anche una questione di aghi


Diabete, microsensore sottocutaneo monitora glicemia fino a 6 mesi


Standard di cura del diabete: le novità dell'edizione 2018


Diabete, anche i grassi "cattivi" ne sono causa


Quali farmaci utilizzare al momento della diagnosi del diabete?


Diabete, i farmaci anti DDP-4 compiono 10 anni. Sono ancora attuali?


Quali sono i primi sintomi del diabete?


Farmaci antidiabetici innovativi: saranno a disposizione anche del medico di famiglia?


Diabete, cosa fare quando la terapia insulinica non basta per controllare la glicemia


Diabete tipo 2: come funziona e vantaggi della nuova combinazione insulina degludec e liraglutide


Controllo diabete e intensificazione terapia insulinica: il punto di vista del paziente e del medico


Per la FAND un nuovo sito internet e tanti progetti per le persone con diabete


ARTICOLI

Sospensione dell'insulina a lungo termine e altri vantaggi dopo la chirurgia bariatrica

La chirurgia bariatrica può determinare significativi vantaggi metabolici a lungo termine per i pazienti con diabete di tipo 2 trattati con insulina. Queste le conclusioni di una nuova analisi retrospettiva presentata in occasione dell’Obesity Week 2[...]

Pasireotide, opzione terapeutica sicura ed efficace nella malattia di Cushing anche una volta al mese

La somministrazione intramuscolare mensile della formulazione long acting del pasireotide normalizza la concentrazione di cortisolo nel 40% dei pazienti con malattia di Cushing, con un profilo di sicurezza simile alla sua somministrazione sottocutane[...]

Diabete: il passaggio a insulina degludec è costo-efficace e conveniente

Passare a una terapia con insulina degludec per il trattamento di diabete di tipo 1 e di tipo 2 è rispettivamente costo-efficace e più conveniente: lo dimostra una nuova analisi di costo-efficacia effettuata utilizzando dati clinici di real-world pre[...]

NAFLD e diabete, una cattiva combinazione migliorata dalla metformina

La somministrazione della metformina nei soggetti con fibrosi epatica avanzata, conseguente alla steatosi epatica non alcolica, e concomitante diabete di tipo 2, ha effetti migliori sul fegato rispetto alla terapia con sulfaniluree. Sono le important[...]

Diabete, exenatide paragonabile al placebo per la sicurezza cardiovascolare

Presentati all'EASD i risultati completi dello studio EXSCEL (EXenatide Study of Cardiovascular Event Lowering) che dimostrano la sicurezza cardiovascolare di exenatide nei pazienti con diabete di tipo-2 che presentano diversi tipi di rischio cardiov[...]

Lotta al diabete, bisogna partire dal fattore obesità.

Riducendo il tasso di obesità del 25% entro il 2045 è possibile frenare la crescita del diabete. L'obesità è il primo fattore modificabile nella lotta al diabete. E' questo il messaggio, e al tempo stesso l'obiettivo dei promotori del programma Citie[...]

Lunghe liste d'attesa e criticità nel trattamento, alcuni temi al centro del Congresso nazionale AME

Assistere con appropriatezza e portare benefici alle persone con malattie endocrinologiche favorendo la qualità di vita nel lavoro e nella vita sociale, anche con l'impiego di innovazioni tecnologiche, sono gli obiettivi di AME, Associazione Medici E[...]

Diabete gestazionale, attenzione allo sviluppo di eventi cardiovascolari successivi

Il diabete gestazionale è associato all'insorgenza di malattie cardiovascolari nel corso della vita, anche se il tasso assoluto di queste malattie è risultato relativamente modesto in questa coorte di donne più giovani. Lo affermano gli autori di un [...]

Sotagliflozin, antidiabetico efficace ma attenti alla chetoacidosi

L'aggiunta di sotagliflozin, nuovo doppio inibitore di SGLT-1 e SGLT-2, alla terapia insulinica nei pazienti con diabete di tipo 1, migliorare il controllo glicemico, la pressione sanguigna e il peso corporeo ma allo stesso tempo aumenta i rischi di [...]

Pioglitazone vs sulfaniluree, quale farmaco prevale sull'altro? Lo svela un nuovo studio italiano

Nei pazienti con diabete di tipo 2 non adeguatamente controllato con metformina, l'aggiunta di pioglitazone o sulfaniluree (principalmente glimepiride e gliclazide), non presenta variazioni nell'incidenza degli eventi cardiovascolari. È la conclusion[...]

Testa a testa tra analoghi del GLP-1, semaglutide ne esce vincente

I pazienti con diabete di tipo 2 trattati con semaglutide una volta a settimana hanno mostrato una maggiore riduzione dell’emoglobina glicata (HbA1c) e del peso corporeo rispetto al trattamento con dulaglutide. È quanto ha annunciato la Novo Nordisk [...]

La metformina nel 2017

Questo articolo prende le mosse partendo dalla relazione svolta a Milano da Carlo Maria Rotella, ordinario di Endocrinologia all'Università degli Studi di Firenze, in occasione del Congresso della Società Italiana dell'Obesità.

Diabete di tipo 2, l'importanza di un intervento multifattoriale nella prevenzione delle complicanze

Nonostante le cure standard attuali nel diabete di tipo 2 diano notevoli benefici ai pazienti, un intervento multifattoriale più intensivo, comprendente un attento controllo della pressione sanguigna, del glucosio e dei lipidi, determina ulteriori va[...]

Diabete, con semaglutide migliore controllo glicemico e riduzione del peso corporeo

Gli adulti affetti da diabete mellito di tipo 2 possono ottenere una riduzione clinicamente significativa sia del peso corporeo sia dell'emoglobina glicata se trattati una volta a settimana con semaglutide. È quanto comunicato in occasione del 53° Me[...]

Diabete di tipo 1, risultati promettenti con dapagliflozin

Il trattamento con dapagliflozin, inibitore del co-trasportatore di sodio-glucosio 2 (SGLT2), nei pazienti con diabete di tipo 1 non adeguatamente controllato migliora il controllo glicemico oltre a indurre perdita di peso. Sono le conclusioni di uno[...]

Diabete: con insulina degludec meno ipoglicemie gravi e meno decessi. Studio Devote al congresso EASD

Ridurre gli episodi di ipoglicemia grave permette di ridurre il rischio di mortalità: lo dimostra il DEVOTE, uno studio clinico multinazionale in doppio cieco che ha analizzato il profilo di sicurezza cardiovascolare dell’insulina degludec rispetto a[...]

Metformina a lungo termine nella prevenzione del diabete

Secondo alcuni risultati provenienti dal Diabetes Prevention Program (DPP) e dalla sua estensione, la somministrazione a lungo termine di metformina ha un effetto particolarmente forte nel prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 2 nelle donne con p[...]

Miglioramenti nel diabete con antivirali ad azione diretta per l’epatite C

L'eradicazione del virus dell'epatite C con antivirali ad azione diretta (DAA) migliora il controllo glicemico nei pazienti affetti da diabete. Lo sostiene uno studio recentemente pubblicato su Diabetes Care in cui i ricercatori non solo annunciano u[...]

Diabete di tipo 2, empagliflozin protegge il rene anche a lungo termine

L'inibitore dell'SGLT2 empagliflozin, oltre ad essere un ipoglicemizzante di provata efficacia, ha un effetto protettivo sul rene sia a breve sia a lungo termine nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari. Lo evidenziano nuovi dati[...]

Diabete di tipo 2, controllo glicemico lievemente inferiore, ma rischio più alto di decesso in caso di terapia con statine

Uno studio su 12.725 pazienti con diabete di tipo 2 che hanno iniziato il trattamento con insulina mostra che quelli non trattati con statine avevano un controllo glicemico leggermente migliore, ma sono sopravvissuti più a lungo e sono andati incontr[...]