Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Diabete, con empagliflozin ricoveri per scompenso ridotti del 40 per cento in studio di real life


Complicanze renali nel diabete di tipo 2, impatto e misure per limitarle


Diabete di tipo 2, protezione cardiorenale assicurata grazie al canagliflozin


L'impegno di Mundipharma nel diabete ed in altre aree terapeutiche


Diabete di tipo 2, intensificazione della terapia insulinica con associazione di un GLP-1 agonista


Diabete 1, sotagliflozin approvato in Europa per uso con insulina, primo anti SGLT a doppia azione


Diabete 1, nuove possibilità di cura con i farmaci orali anti SGLT associati all'insulina


Studi di real world evidence: cosa sono, a cosa servono e due esempi concreti in diabetologia


Diabete di tipo 2, come gestire il passaggio all'insulina e ruolo dell'autocontrollo


Strategia di intensificazione insulinica: di cosa si tratta e le nuove possibilità di cura


Diabete di tipo 2, efficacia a confronto delle insuline basali. Studio BRIGHT


Obesità infantile, è allarme anche in Italia


Obesità e cancro, un collegamento molto stretto


Gli italiani sono obesi? Una fotografia dal Report 2019


Obesità, uniti per combattere lo stigma


Obesità, ricerca ed impegno sociale di Novo Nordisk


Obesità: una patologia da combattere subito senza aspettare le conseguenze


Curare il diabete e le sue conseguenze cardiovascolari: come gestire tanti farmaci?


Che cos'è e come si cura l'ipoparatiroidismo


Diabete ed obesità, quanto uccidono in Italia?


Divergenze tra medico e paziente con diabete, una barriera al controllo glicemico


Diabete e malattie cardiovascolari, uccidono quasi come il cancro ma sono sottovalutate


ARTICOLI

Diabete, con insulina glargine 300 U/mL meno ipoglicemie gravi

Lo studio di real world evidence LIGHTNING-PM dimostra che l'insulina glargine 300 U/mL riduce significativamente il tasso di eventi ipoglicemici gravi nel 25% dei casi rispetto a insulina degludec in persone che iniziano il trattamento del diabete d[...]

Diabete di tipo 1, buoni risultati sulla glicemia di tre dosaggi di empagliflozin in aggiunta a insulina

Nei pazienti con diabete di tipo 1, l'inibitore del co-trasportatore sodio glucosio di tipo 2 empagliflozin, in aggiunta alla terapia insulinica, ha ridotto l'emoglobina glicata dopo 26 settimane di trattamento. Sono i risultati di due studi clinici [...]

Diabete di tipo 2 nei giovani, metformina da sola o in combinazione con insulina inefficace sulla funzione delle cellule beta pancreatiche

Nei giovani con ridotta tolleranza al glucosio o nelle fase iniziale del diabete di tipo 2, la resistenza all'insulina e la disfunzione delle cellule beta pancreatiche associate al diabete non hanno risposto al trattamento con metformina da sola o in[...]

Diabete di tipo 2, canagliflozin non aumenta il rischio di amputazioni in uno studio real-life su 700mila pazienti

L'antidiabetico canagliflozin non aumenta il rischio di amputazione nei pazienti diabetici o con malattia cardiovascolare accertata, e conferma di ridurre il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca già emerso in precedenza.

Diabete di tipo 2, miglior controllo della glicemia con insulina degludec

I pazienti adulti con diabete di tipo 2 che assumevano insulina basale per la prima volta hanno avuto una riduzione significativa dell'emoglobina glicata (HbA1c) e un numero inferiore di episodi ipoglicemici con insulina degludec rispetto all'insulin[...]

Diabete di tipo 2, semaglutide orale superiore a liraglutide e sitagliptin in due nuovi studi di Fase IIIa

I pazienti adulti con diabete di tipo 2 trattati con l’analogo GLP-1 orale semaglutide hanno ottenuto una riduzione dell’emoglobina glicata (HbA1c) e del peso corporeo superiori rispetto a quanti hanno ricevuto liraglutide o l'inibitore DPP-4 sitagli[...]

Diabete in Italia, quali i farmaci più utilizzati? La fotografia scattata dall’AMD

Arriva la prima monografia degli Annali AMD dedicata ai “Full Data Circle” (FDC), ossia i dati che misurano l’assistenza diabetologica in Italia, raccolti presso il “circolo” di Centri più virtuosi nella compilazione corretta e completa delle cartell[...]

Diabete di tipo 2, uno studio lo associa a un maggior rischio di sviluppare il Parkinson

Le persone con diabete di tipo 2 sembrano avere un maggiore rischio di sviluppare in futuro la malattia di Parkinson, rispetto a quelle senza diabete. L'aumento era maggiore nei pazienti con complicanze diabetiche e nei soggetti più giovani con diabe[...]

Diabete di tipo 2, la prole esposta durante la gravidanza ha un rischio più alto di svilupparlo in futuro

L’esposizione al diabete di tipo 2 o al diabete gestazionale durante la gravidanza, può aumentare il rischio per la prole di sviluppare in futuro il diabete di tipo 2, oltre cha favorire un più rapido sviluppo della malattia. Sono i risultati di uno [...]

Diabete, anche il cancro è un fattore di rischio, non solo il contrario

Non solo il diabete è un fattore di rischio per lo sviluppo di cancro, ma il cancro stesso è un fattore di rischio per il diabete per coloro che sopravvivono, specialmente il tumore al pancreas, al rene e al fegato. E’ quanto emerge da un’analisi re[...]

Diabete di tipo 2, identificato nuovo target terapeutico e nuovo composto che agisce come la metformina

I ricercatori hanno identificato un nuovo composto chimico che potrebbe rivelarsi un'alternativa alla metformina, in grado di regolare la secrezione di insulina e abbassare i livelli di zucchero nel sangue nei diabetici con la stessa efficacia del fa[...]

Diabete gestazionale, maggior rischio di insorgenza con alti livelli di ormoni tiroidei nella prima parte della gravidanza

La disfunzione tiroidea durante la prima metà della gravidanza è associata a un rischio maggiore di diabete gestazionale. Un livello più alto di triiodotironina libera (fT3), dovuto a nuova sintesi o alla maggiore conversione di tiroxina libera (fT4)[...]

Diabete di tipo 2, sostituire i carboidrati con le noci può ridurre glicemia e colesterolo LDL

Secondo scienziati canadesi l'assunzione di circa 70 g di noci al giorno al posto di carboidrati ricchi di amidi migliora il controllo glicemico ed è associato negativamente ai fattori di rischio lipidico per gli eventi cardiovascolari negli adulti c[...]

Lavoro stressante? Rischio di morte pari a quello del fumo in presenza di diabete o malattie cardiache

Tra gli uomini con malattia cardiometabolica - diabete, malattia coronarica o ictus - quelli con un lavoro impegnativo ma con poco potere decisionale (quindi sotto tensione lavorativa) hanno un rischio più elevato di morire precocemente. Un rischio c[...]

Diabete, nelle donne triplica il rischio di morte per ischemia o ictus

In un'ampia coorte internazionale di adulti senza precedenti patologie vascolari, il diabete ha triplicato il rischio di morte per cardiopatia ischemica o ictus nelle donne, e lo ha raddoppiato negli uomini, in particolar modo in un'età compresa tra [...]

Obesità e rischio cardiovascolare, la correlazione resta anche in presenza di “salute metabolica”

L'obesità rimane un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, anche tra coloro che sono "metabolicamente sani", cioè senza diabete di base, ipertensione o ipercolesterolemia. E’ quanto suggeriscono i nuovi dati di uno studio sulla salute de[...]

Diabete di tipo 2, metformina sicura anche in presenza di malattia renale cronica lieve e moderata

Nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica lieve/moderata (con velocità di filtrazione glomerulare stimata superiore a 30 ml/min/1,73 m²), l'uso di metformina non ha aumentato l’incidenza di acidosi lattica. E’ quanto emerge da uno [...]

Diabete di tipo 2, la pancreatite acuta ne aumenta l’insorgenza entro cinque anni

Nei pazienti con un episodio di pancreatite acuta si è osservata una più alta insorgenza di diabete di tipo 2. Circa il 20% di pazienti con pancreatite acuta lo ha sviluppato entro 5 anni dalla pancreatite e di questi, tre quarti hanno avuto bisogno [...]

Diabete, 4 farmaci in arrivo che potrebbero modificare la gestione della malattia

Delle quattro promettenti opzioni di trattamento attualmente in fase di sperimentazione, almeno due potrebbero cambiare il modo in cui la malattia viene trattata nel lungo termine: semaglutide orale e le ossintomoduline.

Diabete, il programma alimentare Fresh Food riduce emoglobina glicata e il bisogno di farmaci. Un esempio da imitare

Il programma alimentare del sistema sanitario Geisinger in Pennsylvania fornisce ai pazienti con diabete di tipo 2 l'accesso a cibo sano senza alcun costo, e può portare a grandi miglioramenti nella malattia e nella qualità di vita.