Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Diabete, arriva semaglutide si somministra una volta a settimana e agisce su glicemia, cuore e reni


Diabete di tipo 2, come agisce semaglutide il nuovo GLP-1 a somministrazione settimanale?


Diabete di tipo 2, effetto di semaglutide sulla qualità di vita dei pazienti


Nella cura del diabete ridurre la glicemia non basta, bisogna #spingersioltre


Diabete di tipo 2, arriva ertugliflozin, nuovo potente anti SGLT -2


La dieta perfetta per il diabetico


Diabete, la prevenzione inizia in famiglia. La Sid celebra la giornata mondiale #wdd2019


Finalmente una battuta d’arresto del diabete in Italia negli ultimi 5 anni. Rapporto Arno 2019


#diabeteontheroad, con la tecnologia una nuova libertà per le persone con diabete di tipo 1


Autocontrollo della glicemia, oggi più libertà con nuovi sensori impiantabili a lunga durata


Diabete, prevenzione la prima arma per sconfiggerlo


Ipoglicemie, quanto impattano sul paziente e su chi si se ne prende cura


Come capire se si ha il diabete?


Diabete e ipoglicemie: perché è importante parlarne in famiglia


Ipoglicemie: cose da fare e cose da non fare per contrastarle


Per la prima volta un farmaco antidiabetico, il dapagliflozin, riduce lo scompenso cardiaco anche nei non diabetici


Insulina glargine/lixisenatide migliora glicemia in chi non è ben controllato con GLP-1 agonisti


Diabete, insulina glargine ad alta concentrazione vince la sfida in chi ha insufficienza renale


Diabete, perché sono utili e quando utilizzare le fixed-ratio combination


Diabete, con insulina glargine di nuova generazione anche il paziente può gestire la propria terapia


‘Diabete integra', la nuova app che migliora la cura del paziente


Diabete, prediabete e malattie cardiovascolari: le novità delle linee guida europee


ARTICOLI

Diabete: approvata in Europa Qtrilmet, tripla associazione di AstraZeneca

La Commissione europea ha approvato le compresse a rilascio modificato a base di cloridrato di metformina, saxagliptina e dapagliflozin indicate per migliorare il controllo glicemico negli adulti con diabete di tipo 2 (T2D). Sviluppato da AstraZeneca[...]

Diabete stabile in Italia, la fotografia del rapporto ARNO

La ‘corsa’ del diabete sta forse rallentando. E' quanto emerge dall’ultima edizione del rapporto ARNO diabete, relativa a 11 milioni di cittadini italiani e rappresentativa dell’intera penisola.

Diabete di tipo 2, albumina glicata "buon predittore" per il controllo glicemico

Nel valutare la gestione glicemica nel diabete, la misurazione dell'albumina glicata può essere uno strumento più efficace rispetto alla misurazione dell'HbA1c, in particolare tra i pazienti con una diagnosi recente di diabete, secondo i risultati di[...]

Diabete gestazionale evolve in diabete di tipo 2 anche in base all’etnia. Cinesi più a rischio

Le donne con diabete gestazionale, in particolare quelle di etnia cinese, hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 dopo la gravidanza rispetto alle donne che non ne soffrivano, secondo i risultati di uno studio appena pubblicato [...]

Compie 10 anni il manifesto dei diritti e dei doveri della persona con diabete

‘Il Manifesto dei diritti e dei doveri della persona con diabete’, compie dieci anni e celebra il suo anniversario in occasione della Giornata Mondiale del diabete 2019 al Ministero della salute, con il patrocinio dell’Intergruppo parlamentare obesit[...]

Diabete di tipo 1, conferme per insulina glargine U300 anche in bambini e adolescenti

Nei bambini e adolescenti di età compresa tra 6 e 17 anni con diabete di tipo 1 l’insulina glargine 300 unità/ml (Gla-300) ha dimostrato risultati sovrapponibili all’insulina glargine 100 unità/ml (Gla-100) in termini di riduzione dell’emoglobina gli[...]

Diabete di tipo 1, glicemia più a lungo a target con il pancreas artificiale

I pazienti con diabete di tipo 1 che utilizzano un sistema di somministrazione di insulina a circuito chiuso, noto anche come pancreas artificiale, hanno trascorso una percentuale maggiore di tempo con il glucosio ematico nell’intervallo target rispe[...]

Le statine aumentano il rischio di sviluppare diabete e infezioni cutanee

L'uso di statine per un minimo di 91 giorni è associato a un maggior rischio di infezioni cutanee e dei tessuti molli, sia attraverso meccanismi diretti che, indirettamente, tramite il fatto di favorire il diabete di nuova insorgenza, a sua volta un [...]

Hai un peso corporeo nella norma? Potresti comunque sviluppare il diabete

È noto che lo sviluppo del diabete di tipo 2 è spesso legato al sovrappeso o all'obesità ma, secondo quanto emerso da uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes Care, sorprendentemente anche chi ha un peso nella norma o è addirittura sottopeso potr[...]

Diabete di tipo 2, benefici metabolici duraturi se la perdita di peso persiste nel tempo

Le persone con diabete di tipo 2 che mantengono la perdita di peso dopo un intervento intensivo sullo stile di vita hanno migliorato i fattori di rischio cardiometabolico, mentre quelle che riacquistano peso, non solo perdono i benefici, ma possono a[...]

Chi soffre di diabete ha un maggior rischio di ricovero per infezione

La percentuale di ricoveri ospedalieri a causa di un’infezione nei soggetti adulti affetti da diabete sono cresciuti dal 2000 al 2015 rispetto a chi non aveva il diabete, suggerendo la necessità di proteggere queste persone da complicanze prevenibili[...]

Diabete di tipo 2, maggior rischio di fratture dopo gravi ipoglicemie

Gli uomini adulti e le donne in postmenopausa con diabete di tipo 2 che hanno avuto un episodio di grave ipoglicemia presentano un elevato rischio di frattura, che cresce all’aumentare del numero di eventi ipoglicemici gravi, secondo i risultati di u[...]

Diabetologia, tutte le novità del congresso EASD 2019. On line il Quaderno di PharmaStar

Articoli, video e immagini in uno speciale di 80 pagine con la sintesi delle principali novità nel campo del diabete e gli aggiornamenti sui principali studi clinici presentati al 55mo congresso annuale della European Association for the Study of Dia[...]

Ipoglicemia severa, approvazione europea preliminare per il primo glucagone somministrato per via intranasale

Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i medicinali ha raccomandato l'approvazione di una nuova formulazione di glucagone indicata per il trattamento dell'ipoglicemia grave in pazienti con diabete di quattro anni e[...]

Obesità, ancora scarso il ricorso al supporto del medico

In Italia, il 62 per cento delle persone con obesità è consapevole del fatto che si tratti di una malattia ma, nonostante ciò, l'84 per cento cerca di perdere peso autonomamente e impiega mediamente sei anni per rivolgersi a un medico. Questi sono al[...]

Diabete, un giorno potremo fare a meno dell’insulina?

La scoperta di una nuova proteina in grado migliorare l’equilibrio metabolico regolando i livelli di glucosio, di chetoni e di lipidi potrebbe aprire la strada a nuove strategie terapeutiche in grado di limitare o eliminare il ricorso all’insulina, e[...]

Diabete e ipertensione, dieta ricca di fibre riduce il rischio cardiovascolare

Nei pazienti con diabete di tipo 2 e ipertensione una dieta ricche di fibre può migliorare la pressione sanguigna, il livello di colesterolo e la glicemia a digiuno, riducendo il rischio cardiovascolare, suggerisce un nuovo studio presentato al congr[...]

Diabete, quasi il 20% dei malati presenta ipertrigliceridemia nonostante le statine

All’interno di una coorte di adulti con diabete, il 20% presentava ipertrigliceridemia residua nonostante l’uso di statine e oltre tre quarti di essi ha un rischio a 10 anni moderato/alto di sviluppare la malattia cardiovascolare aterosclerotica, sec[...]

Al via #diabeteontheroad, la piena libertà di essere se stessi anche con il diabete

Al via la campagna “#diabeteontheroad - la piena libertà di essere se stessi”, un viaggio attraverso l'Italia per scoprire come le nuove tecnologie stanno cambiando la vita delle persone con diabete.

Diabete di tipo 2, remissione possibile anche con una modesta perdita di peso

Secondo i risultati di una ricerca britannica appena pubblicata sulla rivista Diabetic Medicine, anche una perdita di peso modesta entro i primi anni dalla diagnosi di diabete di tipo 2 può essere sufficiente a mandare la malattia in remissione.