Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Che cos'è e come si cura l'ipoparatiroidismo


Diabete ed obesità, quanto uccidono in Italia?


Divergenze tra medico e paziente con diabete, una barriera al controllo glicemico


Diabete e malattie cardiovascolari, uccidono quasi come il cancro ma sono sottovalutate


Impatto socio-economico di diabete e malattie cardiovascolari


Lotta al diabete urbano, il progetto City Changing diabetes


Diabete, le nuove tecnologie in aiuto alla medicina del territorio


Diabete di tipo I, informare con una campagna di comunicazione


Piede diabetico: cos'è, caratteristiche, impatto sulla qualità di vita


Piede diabetico, pubblicato su Lancet Diabetes & Endocrinology studio Explorer su nuova medicazione


Terapia insulinica efficace? E' anche una questione di aghi


Diabete, microsensore sottocutaneo monitora glicemia fino a 6 mesi


Standard di cura del diabete: le novità dell'edizione 2018


Diabete, anche i grassi "cattivi" ne sono causa


Quali farmaci utilizzare al momento della diagnosi del diabete?


Diabete, i farmaci anti DDP-4 compiono 10 anni. Sono ancora attuali?


Quali sono i primi sintomi del diabete?


Farmaci antidiabetici innovativi: saranno a disposizione anche del medico di famiglia?


Diabete, cosa fare quando la terapia insulinica non basta per controllare la glicemia


Diabete tipo 2: come funziona e vantaggi della nuova combinazione insulina degludec e liraglutide


Controllo diabete e intensificazione terapia insulinica: il punto di vista del paziente e del medico


Per la FAND un nuovo sito internet e tanti progetti per le persone con diabete


ARTICOLI

Pre-diabete, liraglutide riduce dell’80 per cento la progressione a diabete

In soggetti con pre diabete, combinare dieta ed esercizio fisico con l’assunzione del farmaco liraglutide è in grado di ridurre dell’80% il rischio di sviluppare diabete. Al termine dello studio, nel 60% dei casi i pazienti non erano più nella condiz[...]

Dieta del digiuno, promettente arma contro il diabete

Far riposare le betacellule del pancreas che come noto sono quelle deputate alla produzione di insulina. E' questo il segreto della dieta mima-digiuno. Pochi giorni dopo la pubblicazione di uno studio che ne evidenziava i potenziali effetti anti-inve[...]

Il diabete o un suo peggioramento precoce possibili segnali di allarme per un ca pancreatico

L'insorgenza di diabete o un rapido deterioramento del diabete esistente potrebbe essere un segnale precoce di tumore al pancreas in alcuni pazienti. È quanto emerge dai risultati di uno studio osservazionale presentato da poco allo European Cancer C[...]

Diabete, avvertenza Ema sugli anti SGLT2

L'Agenzia europea dei medicinali (EMA) sta informando sul potenziale aumento del rischio di amputazione degli arti inferiori (che riguarda soprattutto le dita del piede) in pazienti che assumono gli inibitori SGLT2 canagliflozin, dapagliflozin e empa[...]

Diabete, livelli ridotti di ormone anti-age predicono malattia renale

La carenza di un particolare ormone chiamato Klotho nelle persone con diabete potrebbe essere un marcatore di malattia renale di stadio precoce, secondo i risultati di una ricerca condotta da un team di esperti del King's College di Londra e pubblica[...]

Diabete: è epidemia. Oltre 4 milioni gli italiani colpiti

L'Associazione Medici Endocrinologi (AME) lancia l'allarme: il diabete è divenuta una vera e propria epidemia. Una situazione drammatica che interessa, per ora, oltre 4 milioni di italiani. E nel mondo si sono già superati i 400 milioni: cifre da cap[...]

Diabete tipo 1 e sport: come comportarsi secondo la Canadian Diabetes Association

Chi ha il diabete di Tipo 1 è stato spesso incoraggiato a fare sport per i molti benefici che può trarne. Di recente, la Canadian Diabetes Association ha redatto le proprie linee guida su come fare attività fisica in modo sicuro e tenere i livelli li[...]

Diabete di tipo 2, aggiunta di empagliflozin migliora peso e controllo glicemico in alcuni pazienti

Nei pazienti con diabete di tipo 2 non controllato con linagliptin e metformina, l'aggiunta dell'inibitore dell'SGLT-2 empagliflozin aiuta a migliorare il controllo glicemico e il peso corporeo. È quanto emerge da uno studio di fase IIII da poco pubb[...]

Diabete di tipo 2, nuove linee guida ACP: metformina resta il farmaco di prima linea

Pubblicate su Annals of Internal Medicine le nuove linee guida dell'American College of Physicians sul trattamento con farmaci orali dei pazienti con diabete di tipo 2. La versione precedente risaliva al 2012 e l'aggiornamento si è reso necessario al[...]

Diabete tipo 2, ADA: empagliflozin e liraglutide da considerare per ridurre i decessi nei pazienti con malattie cardiovascolari

L’inibitore dell’SGLT2 empagliflozin e il GLP-1-agonista liraglutide dovrebbero essere presi in considerazione nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 con malattia cardiovascolare documentata per ridurre il rischio di decessi per cause vascolari. A[...]

Diabete più frequente nei pazienti con HIV

Le persone affette da HIV sono più suscettibili a sviluppare diabete di tipo 2 in età più giovane rispetto alla popolazione e, spesso, anche in condizioni di normopeso. E’ quanto emerso da uno studio pubblicato da BMJ Diabetes Research & Care.

Il diabete di tipo 2 uccide più di quanto si pensi

Il diabete di tipo 2 rappresenta il 12% di tutte le cause di morte negli Stati Uniti, una percentuale significativamente maggiore di quella indicata da una precedente stima. Si presume che la stessa situazione ci sia in Italia, in altri paesi svilupp[...]

Diabete di tipo 2, metformina offre benefici anche nei pazienti con controindicazioni

Trattare con metformina pazienti con diabete di tipo 2 che hanno controindicazioni storiche all’'uso dei questo farmaco porta comunque a un miglioramento degli outcome clinici. Lo evidenzia una nuova review da poco pubblicata su Annals of Internal Me[...]

Dieta ad alto contenuto proteico porta a remissione del prediabete in pazienti obesi

La prevalenza del diabete di tipo 2 negli Stati Uniti è aumentata drammaticamente negli ultimi 10 anni. Secondo il report nazionale sul diabete 2014 del Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le persone che soffrono della malattia sono 29.[...]

Gliburide e metformina, efficacia comparabile nel diabete gestazionale

Gliburide e metformina hanno un'efficacia comparabile nel controllo del glucosio nelle donne con diabete gestazionale e la loro combinazione riduce significativamente la necessità di ricorrere all'insulina. E' quanto emerso da uno studio pubblicato s[...]

Diabete, SGLT2 inibitori associati a danno renale in particolari condizioni

L'uso di inibitori di SGLT2 per il trattamento del diabete di tipo 2 può portare a un danno acuto renale in un setting di disidratazione e/o durante l'uso di Fans o negli studi di radio contrasto. E' quanto emerso da uno studio condotto dai ricercato[...]

Semaglutide promettente nel diabete di tipo 2. Studio su The Lancet Endocrinology

Rispetto al placebo, semaglutide in monoterapia ha assicurato un miglior controllo e una superiore perdita di peso corporeo in pazienti con diabete di tipo 2. I dati provengono da un trial internazionale pubblicato online il 16 gennaio su Lancet Dia[...]

Diabete, empagliflozin migliora il controllo glicemico e riduce il peso corporeo

Il trattamento con empagliflozin per un periodo di 24 settimane, in aggiunta alla terapia con 5 mg di linagliptin e metformina, migliora il controllo glicemico e il peso corporeo rispetto alla combinazione dei farmaci più placebo. E' quanto emerso da[...]

Diabete, empagliflozin primo antidiabetico i cui dati sulla riduzione della mortalità cardiovascolare siano in scheda tecnica

Empagliflozin, un inibitore del co-trasportatore sodio- glucosio di tipo 2 (SGLT2), è il primo farmaco antidiabetico per il quale in scheda tecnica, oltre all'attività sul controllo glicemico, siano stati inseriti i dati che confermano la sua capacit[...]

Infiammazione e alterazioni intestinali, nei diabetici esiste una “firma” identificativa

Gli adulti con diabete di tipo 1 hanno una "firma infiammatoria" che caratterizza la loro mucosa duodenale e li distingue dagli adulti con la malattia celiaca, anche se rimane poco chiaro se l'infiammazione è una causa o conseguenza del processo auto[...]