Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Per la FAND un nuovo sito internet e tanti progetti per le persone con diabete


Diabete: 5 cose da sapere sulla metformina


Un nuovo farmaco antiobesità: l'associazione bupropione e naltrexone


Acromegalia, i nuovi farmaci in arrivo


Diabete, ruolo della politica per contrastare la pandemia


Global Diabetes Policy Forum: cosa fare per contrastare l'emergenza diabete


Diabete, cosa chiedono i pazienti?


Diabete e malattie cardiovascolari: un binomio inscindibile?


Effetti clinici ed economici della cardiopatia diabetica


Ci sono dei farmaci antidiabetici che fanno bene al cuore?


Metformina: è ancora un farmaco attuale?


Aderenza alla terapia antidiabetica: come migliorarla?


Il trattamento del diabete con i GLP-1 analoghi: razionale terapeutico e dati efficacia


Come garantire la salute agli abitanti delle aree metropolitane: ruolo dell'Ente pubblico


Impatto degli antidiabetici sul sistema cardiovascolare


Qual è il ruolo del medico di famiglia nella gestione del diabete


Come si cambia lo stile di vita per contrastare obesità e diabete?


La salute in città: perché le malattie non trasmissibili sono così diffuse?


Perchè la gravità del diabete è così sottovalutata?


Internet e diabete: come ottenere le giuste informazioni?


Perché bisogna curare l’obesità?


Cos'è il diabete urbano?


ARTICOLI

Diabete, saxagliptin può rallentare il declino delle beta-cellule

L'inibitore della DPP-4 saxagliptin, ampiamente prescritto per il trattamento del diabete di tipo 2, può migliorare la glicemia e avere effetti positivi sulla funzione delle beta-cellule, rallentandone il declino. Lo rivela un'analisi dello studio SA[...]

Diabete tipo 2, insulina come terzo farmaco forse meno sicura per cuore e vasi degli inibitori della DPP-4

Un nuovo studio retrospettivo su pazienti con diabete di tipo 2 in terapia con metformina e sulfoniluree a cui si è aggiunto come terapia di terza linea un inibitore della dipeptidil peptidasi 4 (DPP-4) oppure l'insulina sembra suggerire che quest'ul[...]

Donne obese che ingrassano dopo il diabete gestazionale più a rischio di sviluppare diabete di tipo 2

Per le donne che hanno sviluppato un diabete gestazionale quando erano incinte, il fatto di essere obese prima della gravidanza e di aver ulteriormente messo su peso dopo il parto aumenta massicciamente il rischio di sviluppare un diabete di tipo 2. [...]

Diabete tipo 2, possibile aumento del rischio tra chi usa le statine

Chi prende le statine potrebbe essere esposto a un rischio significativo di sviluppare il diabete di tipo 2. A suggerirlo è lo studio METSIM, un nuovo studio osservazionale finlandese pubblicato di recente su Diabetologia.

Diabete tipo 2, possibile riduzione del rischio con l'uso prolungato di bifosfonati

L'uso a lungo termine di bifosfonati è risultato associato a una riduzione del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. L'indicazione arriva uno studio retrospettivo di autori inglesi pubblicato di recente sul Journal of Clinical Endocronology and[...]

Astrazeneca e Harvard Stem Cell Institute: assieme contro il diabete

Nasce una collaborazione di ricerca quinquennale fra AstraZeneca e l'Harvard Stem Cell Institute (HSCI) per adattare una tecnica che crea beta cellule pancreatiche umane da cellule staminali e usarla negli screening sulla gamma di composti di AstraZe[...]

Diabete tipo 2, promettente terapia con cellule staminali

Di recente, è stato dimostrato che un trattamento con cellule staminali embrionali umane è in grado di invertire il diabete di tipo 1 nei topi. Ora, un nuovo studio, sempre sul modello murino, suggerisce un possibile ruolo delle cellule staminali anc[...]

Diabete tipo 1, raddoppio del mercato entro il 2023

Sono rosee le prospettive per le aziende con una presenza forte nell'area diabete. Secondo le stime della società di analisi e consulenza Global Data, infatti, il mercato globale dei prodotti per il trattamento del diabete di tipo 1 vedrà nei prossim[...]

Diabete tipo 2, scoperta molecola legata alla resistenza all’insulina

Scoperta una molecola infiammatoria che promuove la resistenza all'insulina, il primo passo, come è noto, verso lo sviluppo del diabete di tipo 2. La molecola in questione si chiama LTB4 e a individuarla è stato un team di ricercatori della Universit[...]

Diabete tipo 2, peso e glicata giù con liraglutide negli obesi o in sovrappeso

Il trattamento con liraglutide 3 mg e 1,8 mg permette a un maggior numero di pazienti in sovrappeso oppure obesi di ottenere un calo ponderale clinicamente significativo rispetto ai pazienti trattati con un placebo.

Terapia sostitutiva con testosterone, anche gli andrologi italiani prendono posizione

Anche la Società Italiana di Endocrinologia (SIE) e la Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS) prendono posizione sulla terapia sostitutiva con testosterone.

Diabete tipo 1, all'orizzonte possibile strategia per un vaccino

Un frammento di insulina mutato si è dimostrato in grado non solo di impedire il diabete di tipo 1 nei topi, ma anche di provocare una risposta immunitaria nelle cellule umane.

Diabete: in Lombardia ogni anno oltre 1 miliardo di euro la spesa e più di 13mila i morti

Il 3% della popolazione tra i 46 e i 55 anni, il 7,2% tra i 56 e i 65, l'11,1% tra i 66 e i 75, per un totale di oltre 310mila cittadini lombardi, soffre di diabete. 3.315 euro pro capite spesi ogni anno per la cura di questa malattia, pari a oltre 1[...]

Diabete, trattare la depressione non migliora il controllo glicemico

Sia la terapia cognitivo-comportamentale specifica per il diabete sia il trattamento farmacologico con sertralina sono efficaci nel ridurre la depressione nei pazienti diabetici, ma non servono a migliorare il controllo glicemico.

Diabete, lixisenatide non aumenta il rischio cardiovascolare

L'antidiabetico lixisenatide non aumenta il rischio cardiovascolare nei pazienti ad alto rischio, Lo ha reso noto l'azienda produttrice, Sanofi, riportando i dati preliminari di un trial che sarà utilizzato per supportare la richiesta di approvazione[...]

Diabete tipo 1, adiponectina nelle urine predittiva di progressione verso la nefropatia diabetica

In uno studio appena pubblicato su Diabetes Care, l’adiponectina urinaria si è rivelata un forte fattore predittivo indipendente di progressione della nefropatia diabetica da una macroalbuminuria a una malattia renale in stadio terminale nei pazienti[...]

Diabete, insulina detemir non attraversa la placenta

Insulina detemir, un analogo dell'insulina ad azione prolungata relativamente nuovo, può essere utilizzato in tutta sicurezza dalle donne incinte perché non attraversa la placenta umana. È questa la rassicurante conclusione di uno studio pubblicato d[...]

Diabete tipo 2, terapia antipertensiva offre benefici anche ai non ipertesi

I pazienti con diabete di tipo 2 che assumono antipetensivi hanno meno probabilità di avere infarti e ictus o di morire precocemente, anche se non sono ipertesi. A indicarlo è una revisione sistematica e metanalisi pubblicata di recente su Jama.

Sicurezza cardiovascolare di alogliptin, conferme da The Lancet

Pubblicata su The Lancet un'analisi post hoc di dati derivanti dallo studio EXAMINE (EXamination of CArdiovascular OutcoMes: AlogliptIN vs. Standard of CarE in Patients with Type 2 Diabetes Mellitus and Acute Coronary Syndrome), uno studio clinico di[...]

Diabete di tipo 2 e GLP-1 agonisti, valori di glicata a 3 mesi predittivi della risposta successiva alla terapia

I pazienti con diabete di tipo 2 che mostrano riduzioni significative dell’emoglobina glicata (HbA1c) entro 3 mesi dall'inizio del trattamento con l’agonista del recettore del glucagone-like peptide-1 (GLP-1) exenatide hanno maggiori probabilità di r[...]