Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Diabete, con empagliflozin ricoveri per scompenso ridotti del 40 per cento in studio di real life


Complicanze renali nel diabete di tipo 2, impatto e misure per limitarle


Diabete di tipo 2, protezione cardiorenale assicurata grazie al canagliflozin


L'impegno di Mundipharma nel diabete ed in altre aree terapeutiche


Diabete di tipo 2, intensificazione della terapia insulinica con associazione di un GLP-1 agonista


Diabete 1, sotagliflozin approvato in Europa per uso con insulina, primo anti SGLT a doppia azione


Diabete 1, nuove possibilità di cura con i farmaci orali anti SGLT associati all'insulina


Studi di real world evidence: cosa sono, a cosa servono e due esempi concreti in diabetologia


Diabete di tipo 2, come gestire il passaggio all'insulina e ruolo dell'autocontrollo


Strategia di intensificazione insulinica: di cosa si tratta e le nuove possibilità di cura


Diabete di tipo 2, efficacia a confronto delle insuline basali. Studio BRIGHT


Obesità infantile, è allarme anche in Italia


Obesità e cancro, un collegamento molto stretto


Gli italiani sono obesi? Una fotografia dal Report 2019


Obesità, uniti per combattere lo stigma


Obesità, ricerca ed impegno sociale di Novo Nordisk


Obesità: una patologia da combattere subito senza aspettare le conseguenze


Curare il diabete e le sue conseguenze cardiovascolari: come gestire tanti farmaci?


Che cos'è e come si cura l'ipoparatiroidismo


Diabete ed obesità, quanto uccidono in Italia?


Divergenze tra medico e paziente con diabete, una barriera al controllo glicemico


Diabete e malattie cardiovascolari, uccidono quasi come il cancro ma sono sottovalutate


ARTICOLI

Giornata mondiale del diabete, 1.200 gli eventi di prevenzione e sensibilizzazione in tutta Italia

Dal 7 al 13 novembre in circa 500 città d'Italia avrà luogo la “Giornata Mondiale del Diabete 2016” che vedrà concretizzarsi oltre 1.200 eventi organizzati da Associazioni di persone con diabete, Medici, infermieri, altri professionisti sanitari e is[...]

Il controllo glicemico non migliora con i più recenti farmaci ipoglicemizzanti

Negli ultimi anni non si sono manifestati evidenti miglioramenti sul controllo glicemico e sull’indice complessivo dell’ipoglicemia grave nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 trattati con i più recenti farmaci ipoglicemizzanti. È quanto emerge d[...]

Aflibercept, ancora soddisfazioni nell’edema maculare diabetico

Tra gli inibitori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare (Vegf), l’aflibercept ha mostrato un miglioramento dell’acuità visiva nei pazienti con edema maculare diabetico; questo miglioramento è risultato maggiore rispetto sia al bevacizumab [...]

Si rischia il diabete con troppi soft drinks

L'eccessivo consumo di bevande zuccherate è stato associato a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e il diabete autoimmune dell'adulto (Lada), suggerendo percorsi comuni che coinvolgono la resistenza all'insulina. Queste le conclus[...]

“Contro il diabete gioco d’anticipo”: in un paper la strategia integrata per un ‘assedio efficace’ alla malattia

Diagnosi precoce e tempestiva, presa in carico condivisa, empowerment del paziente e accesso uniforme e appropriato all’innovazione terapeutica: si fondano sul ‘gioco d’anticipo’ i quattro pilastri per un efficace contrasto al diabete, tracciati nell[...]

Diabete di tipo 2, inibitori dell'SGLT2, tanti benefici, ma anche qualche rischio

Il profilo complessivo degli inibitori del cotrasportatore del sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT2) suggerisce che questa classe di farmaci rappresenta un scelta affidabile come terapia di seconda linea per i pazienti adulti con diabete di tipo 2; tuttav[...]

Diabete, parere positivo del Chmp per uso di metformina in pazienti con insufficienza renale di stadio III

Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha emesso un parere positivo raccomandando l'estensione d'uso per tutti i prodotti contenenti metformina per il trattamento di pazienti affetti da diabete di [...]

Vaccino antinfluenzale, nei diabetici s’ha da fare: tanti benefici

I pazienti affetti da diabete di tipo 2 dovrebbero fare ogni anno il vaccino contro l'influenza stagionale, perché così facendo si riduce notevolmente il rischio di ricovero in ospedale o di decesso a causa di complicanze cardiovascolari come ictus, [...]

Diabete di tipo 2, inibitori dell’SGLT2, tanti benefici, ma anche qualche rischio

Il profilo complessivo degli inibitori del cotrasportatore del sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT2) suggerisce che questa classe di farmaci rappresenta un scelta affidabile come terapia di seconda linea per i pazienti adulti con diabete di tipo 2; tuttav[...]

Diabete tipo 2, nuova formulazione di insulina glargine tiene a freno le ipoglicemie notturne

Insulina glargine 300 U/ml (Gla-300) è in grado di fornire un controllo glicemico comparabile a quello osservato con insulina glargine 100 U/ml (Gla-100) e nel contempo ridurre il rischio di ipoglicemia notturna nei pazienti con diabete di tipo 2, in[...]

Più infezioni e consumo di antibiotici nei pazienti con diabete di tipo 2

I pazienti con diabete di tipo 2 hanno mostrato un rischio fino al 55% più alto di infezioni trattate in ospedale e fino al 30% più alto che gli si prescrivano antibiotici al di fuori dell’ospedale rispetto alla popolazione generale; tuttavia, queste[...]

Nell’obeso più chili persi aggiungendo fentermina a canagliflozin

L'aggiunta di fentermina a canagliflozin ha mostrato di aumentare in modo significativo la perdita di peso rispetto al placebo in soggetti adulti obesi in uno studio di fase II presentato a New Orleans in occasione del congresso dell’American Diabete[...]

Diabete di tipo 2, rischio cv e di mortalità diverso a seconda degli agenti

Nei pazienti con diabete di tipo 2, il rischio di malattie cardiovascolari, insufficienza cardiaca e mortalità varia a seconda delle classi di farmaci, da soli e in combinazione con la metformina o una sulfonilurea, rispetto al non fare alcun trattam[...]

Diabete, combinazione di insulina glargine e lixisenatide meglio della sola glargine

In occasione del 52 ° Meeting Annuale dell'EASD a Monaco di Baviera, sono stati presentati nuovi dati che confermano come iGlarLixi, la nuova combinazione titolabile di insulina glargine 100 Unità/mL e l’agonista del recettore del GLP-1, lixisena[...]

Diabete di tipo 2, se ci si cura bene, vita prolungata di 8 anni

Grazie al follow-up a lungo termine di uno studio danese, gli scienziati potuto concludere che un trattamento completo e intenso per i pazienti con diabete di tipo 2 e inziale danno d’organo a livello renale può aumentare l’aspettativa di vita di un [...]

Diabete di tipo 1, Fda approva il primo pancreas artificiale

La Food and Drug Administration americana ha approvato il primo “pancreas artificiale“, un dispositivo che può aiutare alcuni pazienti diabetici a gestire la loro malattia, monitorando costantemente la glicemia e la consegna di insulina in base alle [...]

Diabete, dall’EASD conferme per la combinazione di exenatide a rilascio prolungato e dapagliflozin

Risultati positivi dal trial di fase III, DURATION-8. I dati hanno dimostrato che la combinazione di exenatide a rilascio prolungato (2mg una volta alla settimana) e dapagliflozin (10mg una volta al giorno) riduce significativamente i valori glicemic[...]

La nuova insulina glargine da 300 UI dà meno ipoglicemie della standard

In soggetti adulti con diabete di tipo 2 trattati con insulina glargine 300 unità/mL si è evidenziato un tasso decisamente inferiore di ipoglicemia confermata o grave sia nel periodo notturno sia in qualsiasi momento della giornata rispetto al tratta[...]

Diabete tipo 2, vaccino antinfluenzale può proteggere dagli eventi cardiovascolari

Nelle persone che hanno il diabete di tipo 2, il vaccino antinfluenzale potrebbe avere un effetto protettivo, in particolare nei confronti degli eventi cardiovascolari tali da richiedere un ricovero in ospedale. A suggerirlo è uno studio retrospettiv[...]

Alto rischio di diabete di tipo 2 nei pazienti con cardiopatia congenita

I bambini che nascono con una cardiopatia congenita, in particolare una cardiopatia congenita cianogena, hanno un rischio aumentato di sviluppare il diabete di tipo 2 dopo i 30 anni. È quanto emerge da uno studio osservazionale su una coorte danese p[...]