Diabete ed Endocrinologia

VIDEO

Che cos'è e come si cura l'ipoparatiroidismo


Diabete ed obesità, quanto uccidono in Italia?


Divergenze tra medico e paziente con diabete, una barriera al controllo glicemico


Diabete e malattie cardiovascolari, uccidono quasi come il cancro ma sono sottovalutate


Impatto socio-economico di diabete e malattie cardiovascolari


Lotta al diabete urbano, il progetto City Changing diabetes


Diabete, le nuove tecnologie in aiuto alla medicina del territorio


Diabete di tipo I, informare con una campagna di comunicazione


Piede diabetico: cos'è, caratteristiche, impatto sulla qualità di vita


Piede diabetico, pubblicato su Lancet Diabetes & Endocrinology studio Explorer su nuova medicazione


Terapia insulinica efficace? E' anche una questione di aghi


Diabete, microsensore sottocutaneo monitora glicemia fino a 6 mesi


Standard di cura del diabete: le novità dell'edizione 2018


Diabete, anche i grassi "cattivi" ne sono causa


Quali farmaci utilizzare al momento della diagnosi del diabete?


Diabete, i farmaci anti DDP-4 compiono 10 anni. Sono ancora attuali?


Quali sono i primi sintomi del diabete?


Farmaci antidiabetici innovativi: saranno a disposizione anche del medico di famiglia?


Diabete, cosa fare quando la terapia insulinica non basta per controllare la glicemia


Diabete tipo 2: come funziona e vantaggi della nuova combinazione insulina degludec e liraglutide


Controllo diabete e intensificazione terapia insulinica: il punto di vista del paziente e del medico


Per la FAND un nuovo sito internet e tanti progetti per le persone con diabete


ARTICOLI

Il latte vaccino non provoca il diabete di tipo 1 nel bambino. Studio su JAMA

Lo svezzamento con latte in formula idrolizzato rispetto al latte vaccino non riduce l’incidenza cumulativa del diabete di tipo 1, quindi non serve evitare il latte di mucca a tale fine. Sono i risultati a lungo termine dello studio multinazionale, r[...]

Diabete pregestazionale, outcome avversi dovuti al diabete e non alla metformina

Le donne in gravidanza con diabete pregestazionale trattate con metformina, rispetto alla popolazione generale, sono ad alto rischio per gli esiti avversi della gravidanza. Lo affermano gli autori dello studio pubblicato sul British Journal of Clinic[...]

Diabete, la tecnologia cambia la gestione della malattia

Come sarà il paziente del futuro? Quali innovazioni sono oggi a disposizione dei medici diabetologi per controllare la malattia? Come possiamo utilizzare in modo più efficiente ed efficace i sistemi di controllo della malattia per migliorare la quali[...]

Allattamento al seno per più di sei mesi dimezza il rischio di diabete nelle mamme

L'allattamento al seno dimezza il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 nelle donne che lo praticano per almeno 6 mesi. E' quanto emerso da uno studio iniziato nel 1985 e quindi durato più di 30 anni, che è stato pubblicato su JAMA.

Diabete: in alcuni pazienti, gli eventi cardiovascolari gravi possono aumentare il rischio di ipoglicemie severe

I pazienti adulti con diabete di tipo 2 che presentano episodi ipoglicemici severi hanno un rischio aumentato di presentare un evento cardiovascolare non fatale o di ospedalizzazione per angina instabile, infarto del miocardio non fatale, stroke non [...]

Diabete, impianto sottocute che rilascia exenatide migliora il controllo glicemico nei pazienti con livelli elevati di emoglobina glicata

La somministrazione continuativa del GLP1-agonista exenatide per via sottocutanea tramite una mini pompa osmotica, migliora significativamente il controllo glicemico nei pazienti adulti con diabete di tipo 2 e valori di emoglobina glicata (HbA1c) ele[...]

Diabete di tipo 1: la terapia genica potrebbe essere il futuro?

La terapia genica potrebbe rappresentare una nuova speranza per i pazienti affetti da diabete di tipo 1. Secondo uno studio americano pubblicato su Cell Stem Cell questo approccio si infatti è mostrato capace di far regredire la malattia in modelli m[...]

Insulina degludec riduce le ipoglicemie indipendentemente dal raggiungimento del target glicemico

Le persone con diabete 1 e 2 trattate con insulina degludec mostrano meno episodi di ipoglicemia rispetto alle persone trattate con insulina glargine 100 U, indipendentemente dal raggiungimento del target glicemico. E' quanto emerso da una nuova anal[...]

Diabete, l'anti SGLT2 ertugliflozin approvato dall'Fda

Un nuovo un inibitore del SGLT2 si aggiunge all'armamentario medico del diabetologo. Si tratta di ertugliflozin, un farmaco sviluppato congiuntamente da MSD e Pfizer appena approvato dall'Fda e che in Usa sarà messo in commercio con il marchio Stegla[...]

Diabete, il rapporto albumina-creatinina predice il rischio cardiovascolare

Nei pazienti con diabete di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare, quando il rapporto albumina/creatinina è elevato, si osserva un rischio più elevato di mortalità per tutte le cause e di eventi cardiovascolari avversi. Lo sostengono i ricercatori d[...]

Diabete e malattia renale cronica, con la metformina si sopravvive di più

Iniziare la terapia antidiabetica con metformina, rispetto alle sulfaniluree, riduce il rischio di morte nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica. Sono le conclusioni di uno studio pubblicato su Journal of General Internal Medicin[...]

Diabete, la nuova insulina glargine pareggia con la degludec. Studio BRIGHT

La nuova insulina glargine ad alta concentrazione di principio attivo (300 U/mL) ha raggiunto l'obiettivo principale nel primo ampio studio clinico testa a testa, denominato BRIGHT, che la confronta versus insulina degludec. I i risultati completi[...]

Diabete, per le ipogliceme nella real life finisce pari tra le insuline degludec a glargine 300 UI/ml

Negli adulti con diabete di tipo 2 passati a una terapia insulinica basale con iunsulina glargine 300 UI/mL da una terapia con insulina degludec si osserva un simile numero di eventi ipoglicemici. E' quanto dimostrano i risultati di due studi compara[...]

Remissione del diabete? Si può con una dieta ipocalorica e tanta costanza

I pazienti con diabete di tipo 2 possono ribaltare la loro condizione patologica se per 3-5 mesi seguono una dieta liquida a bassissimo contenuto calorico e successivamente reintroducono gradualmente il cibo. È la clamorosa scoperta che i ricercatori[...]

Diabete di tipo 1: iniziano gli studi nell'uomo con le staminali

Tre anni fa, Doug Melton di Harvard ha pubblicato uno studio che illustrava come aveva usato con successo le cellule staminali per creare cellule beta pancreatiche produttrici di insulina che, una volta trapiantate in topi con diabete, avevano protet[...]

Diabete di tipo 2, Fda approva semaglutide nuovo GLP-1 agonista long acting

La Food and Drug Administration statunitense ha approvato semaglutide come aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico per il trattamento del diabete di tipo 2 negli adulti. Sviluppato da Novo Nordisk sarà messo in commercio con il marchio Ozempic.

Diabete, i pazienti sottovalutano i rischi

Presentati i risultati preliminari dell'indagine, promossa da IDF, “Taking Diabetes to Heart”; rivelano che le persone con diabete di tipo 2 sottovalutano il rischio cardiovascolare correlato alla malattia. Tra gli intervistati, 1 su 3 si considera a[...]

Statine, a maggior rischio diabete i soggetti in sovrappeso

I pazienti sovrappeso o obesi in terapia con statine hanno un aumentato rischio di diabete. Lo affermano gli autori dello studio, pubblicato su BMJ, Open Diabetes Research & Care, che hanno esaminato i pazienti inclusi nel Diabetes Prevention Program[...]

Diabete, canagliflozin bene in prevenzione cardiovascolare primaria e secondaria

L’antidiabetico canagliflozin, inibitore del SGLT2, riduce i rischi degli outcome cardiovascolari e il peggioramento della malattia renale o conseguente mortalità, indipendentemente dal fatto che i pazienti presentino fattori di rischio per malattie [...]

Diabete gestazionale e ipertensione, combinazione critica anche dopo la gravidanza

In gravidanza, la concomitante presenza di diabete gestazionale e ipertensione aumenta notevolmente il rischio di sviluppare successivamente diabete di tipo 2, ipertensione e malattie cardiovascolari. È quanto sostengono gli autori di un recente stud[...]