Diabete

Canagfliflozin ha effetti protettivi sui reni dei pazienti con malattia renale avanzata 

Una recente analisi indica che il farmaco antidiabete canagliflozin che aveva dimostrato in precedenza di rallentare la progressione della malattia renale è efficace anche in pazienti con malattia avanzata. I risultati verranno pubblicati sul prossimo numero di CJASN.

Una recente analisi indica che il farmaco antidiabete canagliflozin che aveva dimostrato in precedenza di rallentare la progressione della malattia renale è efficace anche in pazienti con malattia avanzata. I risultati verranno pubblicati sul prossimo numero di CJASN.

Lo studio Canagliflozin and Renal Events in Diabetes with Established Nephropathy Clinical Evaluation (CREDENCE) pubblicato sul NEJM nel giugno dello scorso anno aveva dimostrato che il canagliflozin, un farmaco per il diabete che fa parte della classe degli inibitori del co-trasportatore di glucosio di sodio 2 (SGLT2), ha ridotto il rischio di insufficienza renale e di eventi cardiovascolari negli adulti con diabete di tipo 2 e malattie renali croniche (CKD).
Tuttavia, poco si sa sull'uso degli inibitori SGLT2 nei pazienti con CKD avanzata.

Per indagare questo aspetto, George Bakris (University of Chicago Medicine) e i suoi colleghi hanno condotto un'analisi post hoc dei dati dello studio CREDENCE relativi ai 174 pazienti che all'inizio dello studio avevano la CKD avanzata, o un tasso di filtrazione glomerulare stimato (eGFR) inferiore a 30 mL/min/1,73 m2.

I ricercatori hanno trovato che il canagliflozin ha rallentato la progressione del CKD rispetto al placebo, con una differenza del 66% (diminuzione media dell'eGFR di -1,30 vs. -3,83 mL/min/1,73 m2 all'anno). Inoltre, gli effetti della canagliflozina sui reni, sul cardiovascolare e sulla mortalità sono stati coerenti con quelli osservati per i soggetti con CKD meno avanzata.

"Fino a poco tempo fa, c'erano pochi dati relativi all'uso di inibitori SGLT2 in pazienti con funzionalità renale compromessa, e c'erano poche opzioni di trattamento per questa popolazione di pazienti che sono ad alto rischio di sviluppare un'insufficienza renale", ha detto Bakris. "Questa ricerca suggerisce che canagliflozin è un'opzione di trattamento sicuro per questa popolazione di pazienti che può aiutare a rallentare la progressione della malattia renale".
Un editoriale di accompagnamento nota che altri 2 studi clinici che stanno esaminando gli effetti di altri inibitori SGLT2 includono partecipanti con eGFR inferiore a 30 mL/min/1,73 m2.

Megumi Oshima, Kenneth W. Mahaffey, Rajiv Agarwal et al. Effects of Canagliflozin in Patients with Baseline eGFR <30 mL/min/1.73 m2: Subgroup Analysis of the Randomized CREDENCE Trial
CJASN November 19, 2020, doi: 10.2215/CJN.10140620.
leggi


SEZIONE DOWNLOAD