Diabete, Aifa aggiorna Algoritmo terapeutico in collaborazione con SID e AMD

L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) pubblica, nella sezione dedicata del Portale istituzionale, l'aggiornamento dell'Algoritmo per la terapia del diabete mellito di tipo 2 (T2DM), realizzato in collaborazione con SocietÓ Italiana di Diabetologia (SID) e l'Associazione Medici Diabetologi (AMD).

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) pubblica, nella sezione dedicata del Portale istituzionale, l’aggiornamento dell’Algoritmo per la terapia del diabete mellito di tipo 2 (T2DM), realizzato in collaborazione con Società Italiana di Diabetologia (SID) e l’Associazione Medici Diabetologi (AMD).

Gli aggiornamenti e le revisioni dell’Algoritmo per la terapia del T2DM mirano al raggiungimento di un obiettivo primario: continuare a perseguire l’appropriatezza prescrittiva offrendo una panoramica guidata, il più possibile aggiornata e di facile utilizzo, all'approccio personalizzato evidence-based alla terapia del T2DM, con un’attenzione particolare alla valutazione costo-efficacia e ai benefici clinici maggiori sul lungo periodo.

Le modifiche sono state numerose, sia di tipo strutturale che di contenuto. La migrazione dalla vecchia piattaforma alla nuova piattaforma a disposizione di AIFA tra i propri sistemi informativi, ha permesso di integrare i tre precedenti Algoritmi (Target glicemico, Terapia con metformina, Terapia senza metformina) in un unico flusso logico, di snellire e rendere di più immediata comprensione alcuni passaggi lungo il percorso decisionale, nonché di dare all’Algoritmo una nuova veste grafica. Gli aggiornamenti di contenuto a seguito dell’attività regolatoria di AIFA sono stati numerosi, per via dell’incalzante disponibilità nell’ultimo anno di nuovi principi attivi insieme a nuove evidenze per altri più vecchi.

Tra i maggiori Aifa ricorda l’inserimento della nuova classe degli inibitori SGLT-2, dei nuovi agonisti del GLP-1R a lunga durata di azione e dell’insulina glargine biosimilare; si è inoltre provveduto a inserire le versioni aggiornate dei piani terapeutici, i riferimenti a nuove evidenze di sicurezza e/o beneficio cardiovascolare di alcuni principi attivi, e a revisionare le bibliografie a supporto.

L’Aifa ricorda che l’Algoritmo nasce come uno strumento informatico in grado di guidare l’utente tra le opzioni disponibili e attualmente rimborsate, riportandole tutte nella massima trasparenza, lasciando comunque libertà decisionale al medico. Questo strumento informatico vuol essere dedicato anche a tutti i pazienti i quali possono attingere informazioni, da condividere con il proprio medico curante, sulle possibilità di cura.

Consulta l'Algoritmo sul sito dell’AIFA