Diabete

Diabete di tipo 1, meno danni cardiaci se si usa a lungo termine la metformina

La terapia con metformina pu˛ costituire una strategia a lungo termine del diabete efficace anche al fine di ridurre il rischio di malattie cardiache. Lo dicono i risultati dello studio REMOVAL, il pi¨ ampio trial mai condotto con la metformina in pazienti con diabete di tipo 1, presentato oggi al 77¬ congresso annuale dell'Associazione Americana del Diabete in corso di svolgimento a San Diego.

La terapia con metformina può costituire una strategia a lungo termine del diabete efficace anche al fine di ridurre il rischio di malattie cardiache. Lo dicono i risultati dello studio REMOVAL, il più ampio trial mai condotto con la metformina in pazienti con diabete di tipo 1, presentato oggi al 77ª congresso annuale dell'Associazione Americana del Diabete in corso di svolgimento a San Diego.

Lo studio completo sarà pubblicato contemporaneamente oggi su Lancet Diabetes and Endocrinology.

La metformina è un medicinale poco costoso considerato la terapia di prima linea per il trattamento della glicemia in pazienti con diabete di tipo 2. È anche ampiamente usato per migliorare il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete di tipo 2. Questo studio ha esaminato se potrebbero esserci vantaggi simili per le persone con diabete di tipo 1.

La metformina può essere prescritta in pazienti con diabete di tipo 1 che sono anche in sovrappeso, per aiutare a controllare la glicemia e il peso corporeo, consentendo di assumere una minore dose giornaliera di insulina.

Questo studio clinico multicentrico internazionale ha arruolato pazienti in 23 centri del Regno Unito, Australia, Canada, Danimarca e Paesi Bassi.

I ricercatori hanno valutato se tre anni di trattamento continuativo con metformina erano in grado di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari in soggetti di mezza età con diabete di tipo 1 che presentavano un rischio maggiore di malattia cardiovascolare (CVD). Gli ultrasuoni sono stati utilizzati come marker surrogato di malattia cardiaca. L'aterosclerosi è infatti una forma di indurimento delle arterie che è la causa principale di attacchi di cuore, tratti e malattie vascolari periferiche.

Lo studio REMOVAL ha valutato 428 adulti di mezza età con diabete di tipo 1 di lunga durata, in media per 33 anni. I pazienti presentavano tre o più fattori di rischio per la malattia cardiovascolare, tra cui BMI oltre i 27, A1C maggiore di 8.0; malattia cardiovascolare, malattia vascolare periferica, abitudine al fumo di sigaretta, pressione elevata, colesterolo elevato o trigliceridi elevati, durata del diabete da oltre 20 anni.

I partecipanti al trial sono stati assegnati a un trattamento di durata triennale con metformina orale (due compresse da 500mg, con la possibilità di aumentare il dosaggio fino a 4 compresse a giorno) oppure placebo.

La progressione dell'aterosclerosi, misurata usando un test specifico con gli ultrasuoni, è stata ridotta ma non in misura statisticamente significativa (p = 0.167). dopo tre anni di metformina e il trend andava nella stessa direzione utilizzando un protocollo raccomandato per le persone senza diabete.
Poiché nei partecipanti al trial si è osservata solo una modesta riduzione a breve termine dell’emoglobina glicosilata, il controllo del glucosio non può essere la causa del beneficio osservato a livello cardiovascolare.

La metformina ha effetti diretti per combattere l'aterosclerosi, inclusa l'inibizione della funzione dei globuli bianchi, il miglioramento della funzione endoteliale e rallentamento della produzione di prodotti avanzati di glicosilazione.

Petrie JR, Chaturverdi N, Ford I, et al. Cardiovascular and metabolic effects of metformin in patients with type 1 diabetes (REMOVAL): a double-blind, randomised, placebo-controlled trial.  Presented at: The American Diabetes Association’s 77th Scientific Sessions, June 9-13, 2017. San Diego. 


SEZIONE DOWNLOAD