Diabete - Endocrinologia

Diabete di tipo 2, consumare più cereali integrali e pesce può aiutare a vivere più a lungo

Nelle persone affette da diabete di tipo 2, un maggior consumo di pesce, cereali integrali e cibi ricchi di fibre e acidi grassi polinsaturi omega-3 può ridurre il rischio di decesso per qualsiasi causa, secondo i risultati di uno studio presentati al congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD) 2022.

Nelle persone affette da diabete di tipo 2, un maggior consumo di pesce, cereali integrali e cibi ricchi di fibre e acidi grassi polinsaturi omega-3 può ridurre il rischio di decesso per qualsiasi causa, secondo i risultati di uno studio presentati al congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD) 2022.

Anche una maggiore assunzione di verdure e proteine ​​vegetali è stato collegato a un ridotto rischio di mortalità per tutte le cause nel diabete di tipo 2, mentre mangiare più uova e cibi ad alto contenuto di colesterolo può accrescere il rischio. Tuttavia alcune delle associazioni avevano una bassa certezza delle evidenze, pertanto sono necessari ulteriori approfondimenti nelle ricerche future.

«Ci sono alcune raccomandazioni e linee guida dietetiche per le persone con diabete di tipo 2, ma la maggior parte non sono basate sull'evidenza o derivano da studi sulla popolazione generale» ha affermato il primo autore Janett Barbaresko dell'Institute for Biometrics and Epidemiology presso il German Diabetes Center di Dusseldorf, in Germania. La nostra rigorosa valutazione delle migliori evidenze attualmente disponibili indica con ragionevole certezza che una dieta ricca di cereali integrali, fibre, pesce e PUFA, oltre a un maggior consumo di verdure e proteine vegetali, può aiutare le persone con diabete di tipo 2 a vivere più a lungo».

Le persone affette da diabete di tipo 2 sono più inclini a sviluppare malattie circolatorie, demenza, cancro e fratture ossee e, nonostante la disponibilità di farmaci efficaci, le modifiche dello stile di vita come l'esercizio fisico e la dieta rimangono elementi fondamentali della terapia.

Tuttavia non si sa molto sulla dieta e sulla prevenzione delle malattie e della mortalità in questi pazienti. Alcuni studi hanno valutato l'associazione tra fattori dietetici specifici come la dieta mediterranea o l'assunzione di verdure sulla mortalità per tutte le cause, ma la relazione con diversi fattori dietetici non è stata valutata in modo esaustivo.

Una revisione sistematica e metanalisi
Per questo motivo i ricercatori hanno condotto una revisione sistematica e una metanalisi di studi osservazionali che analizzavano gli effetti di qualsiasi fattore dietetico sulla mortalità per tutte le cause negli adulti con diabete di tipo 2. Sono state condotte metanalisi a coppie e dose-risposta per calcolare i rapporti di rischio riassuntivi per ogni fattore dietetico.

La revisione sistematica ha incluso 107 studi e la metanalisi 82, con una coorte media di 5.879 partecipanti. Dei 107 studi, 42 sono stati condotti negli Stati Uniti, 37 in Europa, 24 in Asia, tre erano internazionali e uno è stato condotto in Australia.

Più pesce, cereali integrali, verdure e acidi grassi omega-3
Tra i fattori dietetici che avevano una moderata certezza dell'evidenza, consumare una porzione di pesce a settimana (RR = 0,95) e 20 g di cereali integrali al giorno (RR = 0,84) erano associati a un rischio ridotto di mortalità per tutte le cause, come anche l’assunzione di 5 g di fibre al giorno (RR = 0,86) e 0,1 g di acidi grassi polinsaturi omega-3 (RR = 0,87).

Gli adulti con diabete di tipo 2 sono risultati avere un rischio più basso di mortalità per tutte le cause con il consumo giornaliero di una porzione di 100 g di verdure (RR = 0,88) e 10 g di proteine ​​vegetali (RR = 0,91), per esempio da noci, tofu, fagioli, lenticchie e piselli. I possibili effetti benefici di questi alimenti sono legati ai loro effetti benefici su pressione sanguigna, colesterolo, livelli di zucchero nel sangue e agli effetti antinfiammatori, che potrebbero aiutare a ridurre il rischio di comorbilità come malattie cardiovascolari e cancro.

Al contrario è stato osservato un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause nei diabetici adulti che mangiavano 10 g di uova al giorno (equivalenti 2 uova a settimana) (RR = 1,05) e 300 mg di colesterolo al giorno (RR = 1,19). Tuttavia, le associazioni tra verdure, proteine ​​vegetali, uova e colesterolo con la mortalità per tutte le cause avevano una bassa certezza delle evidenze. Per altri fattori dietetici esaminati nello studio, le evidenze erano limitate e avevano una certezza bassa o molto bassa.

«Sono necessari ulteriori studi primari per rafforzare le evidenze di molti fattori dietetici, come modelli dietetici come la dieta mediterranea, alimenti e micronutrienti» hanno fatto presente gli autori. «In questo contesto, gli studi futuri dovrebbero utilizzare strumenti di valutazione dietetica convalidati per raccogliere dati affidabili sull'assunzione di cibo e includere partecipanti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi, per ridurre al minimo i bias di selezione. Inoltre dovrebbero tenere conto di importanti fattori confondenti che potrebbero influenzare le associazioni».

Referenze

Barbaresko J et al. Diet and all-cause mortality in individuals with type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis of prospective studies. OP 01. Presented at: European Association for the Study of Diabetes Annual Meeting; Sept. 19-23, 2022; Stockholm (hybrid meeting).