Diabete di tipo 2 legato al rischio di cancro al seno pi¨ avanzato e aggressivo

Le donne affette da diabete sembrano avere maggiori probabilitÓ di ricevere una diagnosi di una forma di cancro al seno pi¨ avanzata e difficile da trattare rispetto a quelle non diabetiche, mentre l'uso di insulina non sembra influenzare le caratteristiche del tumore. ╚ quanto suggeriscono i risultati di uno studio olandese appena pubblicato sulla rivista Diabetes Care.

Le donne affette da diabete sembrano avere maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di una forma di cancro al seno più avanzata e difficile da trattare rispetto a quelle non diabetiche, mentre l’uso di insulina non sembra influenzare le caratteristiche del tumore. È quanto suggeriscono i risultati di uno studio olandese appena pubblicato sulla rivista Diabetes Care.

Nel complesso, le donne con diabete sono risultate avere il 28% in più di probabilità di avere una diagnosi di tumore più avanzato e aggressivo rispetto a quelle senza diabete.

Legame tra diabete e cancro al seno
Le evidenze scientifiche hanno collegato il diabete a una maggiore incidenza, una progressione accelerata e una maggiore aggressività di diversi tipi di cancro. Tra questi, la ricerca ha identificato un legame più forte tra il diabete e il rischio di cancro al seno. Alcuni studi hanno specificamente correlato il diabete con il carcinoma mammario altamente aggressivo triplo negativo (TNBC) che non risponde agli interventi mirati ormonali/HER2, ha probabilità di recidiva precoce, metastasi, tende a essere di natura più invasiva e sviluppa resistenza ai farmaci.

Nel diabete, la resistenza all'insulina viene compensata dalla secrezione di quantità sovra-fisiologiche di questo ormone da parte delle cellule beta del pancreas. Nel tempo, il deterioramento della funzione β-cellulare pancreatica comporta una riduzione della secrezione di insulina e, in ultimo, l'iperglicemia.

La riprogrammazione metabolica porta a un alterato metabolismo dei carboidrati e dei lipidi nelle cellule di cancro al seno, dove l’iperlipidemia associata al diabete, l’iperinsulinemia e l’iperglicemia attivano diversi percorsi pro-sopravvivenza e inibiscono l'apoptosi che, insieme alla disregolazione dei meccanismi metabolici e mitogeni, avvia o promuove il cancro nelle cellule del seno.

Tumori più avanzati e aggressivi con il diabete
I ricercatori hanno esaminato i dati di 6267 donne con diagnosi di cancro al seno dal 2002 al 2014 inserite nel Netherlands Cancer Registry–PHARMO Database Network, tra cui 1567 pazienti con diabete di tipo 2.

Le partecipanti allo studio sono risultate avere maggiori probabilità di sviluppare tumori più avanzati, ossia di dimensioni maggiori e diffusi a più linfonodi intorno al seno. Inoltre avevano anche maggiori probabilità di avere tumori più aggressivi e più inclini a crescere e diffondersi rapidamente nel corpo.

L’autrice principale, Jetty Overbeek del VU University Medical Center di Amsterdam, e colleghi hanno fatto presente che lo studio aveva dei limiti, come le piccole dimensioni del campione e la mancanza di dati su diverse caratteristiche individuali dei pazienti, tra cui l'obesità e qualsiasi storia di reperti anomali di mammografia.

L’insulina non sembra avere un impatto sul cancro
Molte persone con diabete di tipo 2 possono controllare i propri sintomi utilizzando farmaci ipoglicemizzanti e adottando uno stile di vita più salutare, come mangiare cibi più sani e fare più esercizio fisico. Molti devono fare uso di insulina per migliorare il controllo della glicemia.

Metà delle 388 pazienti che assumevano insulina ne facevano uso da almeno 3,4 anni. I ricercatori non hanno trovato nessuna connessione tra la durata dell'uso del farmaco e le caratteristiche del cancro al seno. Alcune ricerche precedenti avevano collegato l'impiego di insulina a un maggior rischio di questo tumore nelle donne con diabete di tipo 2, ma i risultati erano discordanti e spesso mancavano informazioni dettagliate sui tipi esatti di carcinoma sviluppati dalle donne, hanno osservato gli autori.

«Questa scoperta è importante per le pazienti con diabete di tipo 2 che potrebbero essere preoccupate di come il trattamento insulinico possa influire sul rischio di cancro al seno», ha affermato Christina Dieli-Conwright, ricercatrice della University of Southern California a Los Angeles, non coinvolta nello studio.

«Forse lo studio non ha rilevato un potenziale ruolo dell’insulina nella progressione del cancro al seno per via della piccola dimensione del campione», ha aggiunto. «Questa è un fattore sottostimato nell’ambito del rapporto tra diabete e rischio di cancro, quindi servirebbero ulteriori studi più ampi per analizzare meglio la questione».

È importante sottoporsi a controlli periodici
I pazienti dovrebbero capire che il diabete stesso può rappresentare un rischio di cancro, ha detto il dottor Tahseen Chowdhury del Royal London Hospital nel Regno Unito, non coinvolto nello studio.

«Oltre ad assumere i farmaci prescritti e apportare cambiamenti nello stile di vita per perdere peso, le donne con diabete dovrebbero anche assicurarsi di sottoporsi regolarmente a mammografie di screening e rivolgersi immediatamente a un medico quando rilevano dolore o grumi nel loro seno», ha consigliato.

Bibliografia

Jetty A. Overbeek JA et al. Type 2 Diabetes, but Not Insulin (Analog) Treatment, Is Associated With More Advanced Stages of Breast Cancer: A National Linkage of Cancer and Pharmacy Registries. Diabetes Care 2019 Mar; 42(3): 434-442.

leggi