Diabete di tipo 2, lo stress come fattore di rischio aggiuntivo nelle donne anziane #AHA2018

Nelle donne di etā avanzata, un alto livello di stress č associato a un rischio quasi doppio di sviluppare il diabete di tipo 2. I fattori di rischio tradizionali come l'obesitā, l'ipertensione e uno stile di vita sedentario potrebbero non essere gli unici fattori predittivi della malattia. Č quanto emerge da uno studio statunitense presentato al congresso dell'American Heart Association (AHA) a Chicago.

Nelle donne di età avanzata, un alto livello di stress è associato a un rischio quasi doppio di sviluppare il diabete di tipo 2. I fattori di rischio tradizionali come l'obesità, l'ipertensione e uno stile di vita sedentario potrebbero non essere gli unici fattori predittivi della malattia. È quanto emerge da uno studio statunitense presentato al congresso dell’American Heart Association (AHA) a Chicago.

Il diabete è una malattia cronica in cui il corpo non può regolare correttamente la glicemia. Troppo glucosio nel sangue può portare a malattie cardiovascolari, ictus e malattie renali, solo per citare le principali.
Fattori come il colesterolo alto, 'ipertensione, obesità e inattività fisica rendono le persone più sensibili all’insorgenza di diabete di tipo 2. Tuttavia, i ricercatori stanno iniziando a guardare oltre i fattori di rischio fisiologici.

Uno studio su donne anziane
Gli autori del presente studio hanno esaminato i dati sanitari di oltre 22mila operatrici sanitarie che partecipavano al Women's Health Study e avevano un’età media di 72 anni, seguendole per 3 anni e monitorandone i livelli di stress.

Sono state scelte donne anziane perché, secondo il ricercatore capo dello studio Jonathan Butler, della Università della California, «rappresentano una percentuale sempre maggiore della nostra popolazione, e abbiamo bisogno di capire meglio i fattori di rischio per il diabete in questa fascia di età».

Infatti, secondo i dati del 2015 dei Centers for Disease Control and Prevention, il diabete colpisce circa 30,3 milioni di americani, tra cui 12 milioni di persone con più di 65 anni.

Rischio doppio di sviluppare il diabete
Ricerche precedenti si erano concentrate su singoli fattori di stress, come la depressione o l’ansia, ma questo nuovo studio ha considerato l'impatto sul rischio di malattia di più fattori di stress. Lo stress cumulativo era costituito da una combinazione di eventi acuti (situazioni di vita negative e eventi traumatici) e fattori di stress cronici (stress lavorativo, finanziario, legato alla discriminazione, stress relazionale, cattivi rapporti con il vicinato).

Dopo un follow-up medio di circa 3 anni, 197 donne hanno sviluppato il diabete e, rispetto a quelle che non si sono ammalate, erano più giovani, avevano meno probabilità di essere laureate, più probabilità di essere obese, di avere ipertensione e ipercolesterolemia, e avevano un reddito familiare annuale più elevato.

Nel complesso i ricercatori hanno scoperto che i soggetti sottoposti a livelli di stress maggiori avevano quasi raddoppiato la possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2.

«Gli stress psicosociali come fattori di rischio per il diabete devono essere presi seriamente in considerazione, al pari degli altri fattori di rischio per la malattia», ha detto Butler.

Intervenire sulla stile di vita
Nei dati presentati non erano presenti informazioni sulla dieta e sull’esercizio fisico delle partecipanti, ma i ricercatori hanno precisato che gli interventi sullo stile di vita potrebbero avere una valenza significativa in chi soffre di stress.

«Sappiamo che intervenire sullo stile di vita comporta dei benefici per la prevenzione del diabete, ma può essere difficile farlo, se le persone sono sottoposte a uno stress importante, come perdere il lavoro o prendersi cura di un membro della famiglia, che impedisce loro di comportarsi in modo salutare come fare esercizio, mangiare in modo corretto o smettere di fumare», ha detto Sherita Hill Golden, della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora.

I prossimi passi serviranno a confermare i risultati e identificare delle strategie mirate contro i fattori di stress psicosociale, che potrebbero ridurre il rischio di diabete nelle donne anziane. «Dal punto di vista della salute pubblica, gli operatori sanitari dovrebbero informarsi sugli stress psicosociali come parte della loro valutazione del rischio di diabete», ha affermato l'autore senior Michelle Albert, della Università della California.

Bibliografia

Butler JZ et al. Cumulative Psychosocial Stress and Incident Type II Diabetes in Older Women Participating in the Women’s Health Study

Leggi