Diabete - Endocrinologia

Diabete di tipo 2, perdita di massa muscolare scheletrica associata a declino cognitivo negli anziani

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Diabetes and its Complications, nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 le diminuzioni della massa muscolare scheletrica sono associate al declino cognitivo, specialmente nei soggetti anziani.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Diabetes and its Complications, nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 le diminuzioni della massa muscolare scheletrica sono associate al declino cognitivo, specialmente nei soggetti anziani.

«La misurazione dell'analisi della bioimpedenza del declino della massa muscolare scheletrica nel tempo è stata associata a una riduzione corrispondente delle prestazioni cognitive a livello globale e nei domini della memoria immediata, della memoria ritardata e della costruzione visuospaziale nei pazienti con diabete di tipo 2» hanno scritto l’autore senior Su Chi Lim, vicedirettore del Diabetes Center e consulente senior nel dipartimento di medicina presso l'Admiralty Medical Center di Singapore, e colleghi.

Analisi della relazione tra perdita di massa muscolare e declino cognitivo
I ricercatori hanno reclutato 453 partecipanti dal Singapore Study of Macroangiopathy and Microvascular Reactivity in Type 2 Diabetes (SMART2D) tra settembre 2014 e gennaio 2019 (età media 60,3 anni, 55,2% uomini). Sono stati inclusi gli adulti con diabete di tipo 2 visitati presso le cliniche di cure primarie per il diabete in ospedali pubblici nella regione settentrionale di Singapore. Dati demografici, comorbidità e istruzione sono stati raccolti tramite questionari e per misurare la composizione corporea è stata utilizzata l'analisi della bioimpedenza.

L'indice di massa muscolare scheletrica è stato calcolato come la massa muscolare scheletrica totale divisa per il peso corporeo per 100. La coorte di studio è stata stratificata in terzili in base al tasso di variazione annuale dell'indice di massa muscolare scheletrica, dove il terzile più basso presentava un aumento o un piccolo calo della massa e il terzo terzile mostrava la riduzione maggiore.

La funzione cognitiva è stata valutata utilizzando la Repeatable Battery for the Assessment of Neuropsychological Status (RBANS). L'attività fisica è stata misurata utilizzando il Global Physical Activity Questionnaire. La coorte è stata seguita fino a maggio 2021.

Declino cognitivo associato alla perdita di massa muscolare scheletrica
Durante un follow-up mediano di 6,4 anni, la coorte ha avuto un calo del punteggio cognitivo di 0,38 punti all'anno. Dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti, che includevano l'uso di metformina e sulfonilurea e una bassa attività fisica, gli adulti nel terzile con la maggior perdita di massa muscolare scheletrica hanno avuto la maggiore riduzione del punteggio cognitivo rispetto ai soggetti con la minore perdita di massa muscolare scheletrica (beta = –0,35, P = 0,017).

Quando la coorte è stata stratificata per gruppi di età, gli adulti dai 65 anni in avanti con la perdita di massa muscolare scheletrica più elevata presentavano un declino cognitivo maggiore rispetto a quelli con la diminuzione più bassa (beta = –0,62, P = 0,02). Nessuna differenza nel declino cognitivo è stata osservata tra gli adulti di età inferiore ai 65 anni.

Riduzioni maggiori della massa muscolare scheletrica sono state associate a una maggiore diminuzione del punteggio nel dominio di costruzione visuospaziale (beta = –0,67, P = 0,037) e nel dominio della memoria ritardata (beta = –0,64, P = 0,015) nella RBANS in un modello completamente aggiustato.

Le associazioni erano indipendenti da dati demografici, istruzione, covariate cliniche, presenza dell'allele apolipoproteina E4 e farmaci. L'associazione tra massa muscolare scheletrica e punteggio totale della RBANS sembrava dipendere dall'età ed è stata osservata principalmente tra i pazienti più anziani.

«Il declino della massa muscolare scheletrica dovrebbe indurre il medico a verificare in modo proattivo il conseguente declino cognitivo nei domini della memoria e della costruzione visuospaziale e a rivedere l’approccio terapeutico per migliorare gli aspetti della cura di sé, come il monitoraggio della glicemia e l'aderenza ai farmaci» hanno scritto i ricercatori. «Il declino cognitivo soggettivo o oggettivo potrebbe essere monitorato tramite un servizio di memoria integrato all'interno di un servizio multidisciplinare completo per il diabete».

Referenze

Low S et al. Decline in skeletal muscle mass is associated with cognitive decline in type 2 diabetes mellitus. J Diabetes Complications. 2022 Sep;36(9):108258. 

Leggi