Diabete

Diabete gestazionale, attenzione allo sviluppo di eventi cardiovascolari successivi

Il diabete gestazionale è associato all'insorgenza di malattie cardiovascolari nel corso della vita, anche se il tasso assoluto di queste malattie è risultato relativamente modesto in questa coorte di donne più giovani. Lo affermano gli autori di un nuovo studio pubblicato su JAMA Internal Medicine aggiungendo che questa relazione è in parte probabilmente dovuta al successivo aumento di peso e alla mancanza di uno stile di vita sano.

Il diabete gestazionale è associato all’insorgenza di malattie cardiovascolari nel corso della vita, anche se il tasso assoluto di queste malattie è risultato relativamente modesto in questa coorte di donne più giovani. Lo affermano gli autori di un nuovo studio pubblicato su JAMA Internal Medicine aggiungendo che questa relazione è in parte probabilmente dovuta al successivo aumento di peso e alla mancanza di uno stile di vita sano.

“La novità di questo studio è che il rischio di eventi cardiovascolari nelle donne con diabete gestazionale che non sviluppano successivamente diabete di tipo 2 può essere ridotto se si interviene con un corretto stile di vita" ha puntualizzato Deirdre Tobias, professoressa e ricercatrice alla Harvard Medical School e al Brigham and Women's Hospital, di Boston, Massachusetts.

Diabete gestazionale, necessaria una valutazione prospettica
Molto spesso le donne in gravidanza fanno i conti con il diabete gestazionale e le complicanze ad esso collegate; circa il 6% delle gravidanze negli Stati Uniti è complicato da diabete gestazionale e le tendenze indicano un aumento della prevalenza negli ultimi decenni.

Questa alterazione del metabolismo del glucosio, che si verifica solo in gravidanza, è considerata dall'American Heart Association come fattore di rischio per le malattie cardiovascolari nelle donne, sulla base di consistenti evidenze di rapporti tra diabete gestazionale e successiva ipertensione, dislipidemia, diabete di tipo 2, disfunzioni vascolari e aterosclerosi, oltre ad altri marcatori di rischio cardiometabolico.

Inoltre le analisi retrospettive indicano una relazione positiva tra diabete gestazionale e importanti eventi cardiovascolari, come l’infarto miocardico e l’ictus.
Ad oggi, la relazione tra diabete gestazionale e successive malattie cardiovascolari non è stata valutata in modo prospettico né con particolare attenzione ai fattori di rischio comuni o alle caratteristiche sullo stile di vita, lavoro che hanno condotto gli autori del presente studio.

“Abbiamo cercato di determinare in modo prospettico l'associazione tra diabete gestazionale e rischio di eventi cardiovascolari, inclusi l’infarto miocardico e l’ictus, nella coorte NHS II (Nurses 'Health Study II)” hanno fatto sapere gli autori, specificando che questa coorte beneficia di un follow-up a lungo termine con informazioni sulla storia riproduttiva e di ripetuti accertamenti su numerose caratteristiche di salute e di stile di vita.

In precedenza gli stessi ricercatori avevano dimostrato che tra le partecipanti al NHS II c’era un’associazione tra diabete gestazionale e elevato rischio di ipertensione oltre ad osservare che i fattori dietetici e lo stile di vita salutare erano associati ad un minor rischio di progressione dal diabete gestazionale.

“Individuare le donne a rischio elevato di malattie cardiovascolari diversi anni prima di un evento fornirebbe l'opportunità di intervenire con terapie preventive e modifiche dello stile di vita” sostengono gli autori.

Lo studio ha incluso 89.479 donne, di età superiore ai 26 anni (età media: 34,9 anni), che avevano riportato almeno 1 gravidanza e che al basale non presentavano malattie cardiovascolari e tumori. L’osservazione, mediante questionari aggiornati ogni due anni, è iniziata nel 1989 e terminata a maggio 2015.

“Durante il follow-up sono stati riportati 1.161 infarti miocardici fatali o non fatali, confermati dalle registrazioni mediche” hanno tenuto a precisare i ricercatori, facendo inoltre sapere che:
•    aggiustando per età, indice di massa corporea prima della gravidanza e altre covariate, il diabete gestazionale, rispetto alle gravidanze senza l’alterazione del metabolismo del glucosio, era associato a malattie cardiovascolari successive (Hr: 1,43; 95% Ic: 1,12-1,81)
•    effettuando ulteriori aggiustamenti, per l'aumento di peso in gravidanza e fattori sullo stile di vita, questa l'associazione risultava attenuata (Hr: 1,29; 95% Ic: 1,01-1,65).

Diabete gestazionale e rischio cardiovascolare, associazione evitabile
"Rispetto alle donne in gravidanza senza diabete gestazionale, coloro che hanno avuto una storia di diabete gestazionale hanno sperimentato un rischio di malattie cardiovascolari superiore del 60% durante il follow-up", hanno riferito gli autori, ma il rischio è stato attenuato quando è stato aggiustato per diversi fattori di rischio come l'aumento di peso, il fumo, la qualità della dieta, il consumo di alcol e l'attività fisica; “tuttavia, le donne con una storia di diabete gestazionale hanno ancora un rischio di eventi cardiovascolari maggiore del 29% su follow-up a lungo termine rispetto alle donne senza diabete gestazionale”.

Dalla valutazione dei dati, è anche emerso che il diabete gestazionale porta, in molti casi, ad una successiva diagnosi di diabete mellito di tipo 2; “In questa analisi a lungo termine, il 19% delle donne con una storia di diabete gestazionale ha sviluppato successivamente il diabete di tipo 2 rispetto al 4,8% delle donne senza precedente diabete gestazionale”.

Il dato importante che gli autori hanno voluto mettere in evidenza è che, dopo aggiustamento per peso corporeo e altri fattori relativi allo stile di vita, le donne con una storia di diabete gestazionale, che non sviluppavano diabete di tipo 2, non erano a maggior rischio per gli eventi cardiovascolari.

Questo risultato, in particolare, indica che le donne che tengono uno stile di vita sano possono ridurre il rischio di eventi cardiovascolari nonostante abbiano una storia di diabete gestazionale.

“Anche se le donne con precedente diabete gestazionale hanno un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, aderire a uno stile di vita sano può limitare questo rischio” ha concluso la dottoressa Tobias.

Deirdre K. Tobias, ScD et al. Association of History of Gestational Diabetes With Long-term Cardiovascular Disease Risk in a Large Prospective Cohort of US Women. JAMA Intern Med. Published online October 16, 2017. doi:10.1001/jamainternmed.2017.2790
leggi



SEZIONE DOWNLOAD