Diabete gestazionale, peso corporeo stabile in gravidanza fa bene a madre e bambino

Alti livelli di aumento di peso corporeo dopo la diagnosi di diabete gestazionale comportano un maggior rischio di parti complicati, compreso il parto cesareo e quello assistito. Lo dicono i risultati di uno studio presentato alla Diabetes UK Professional Conference (DUPC) 2018.

Alti livelli di aumento di peso corporeo dopo la diagnosi di diabete gestazionale comportano un maggior rischio di parti complicati, compreso il parto cesareo e quello assistito. Lo dicono i risultati di uno studio presentato alla Diabetes UK Professional Conference (DUPC) 2018.

Il diabete gestazionale consiste in un’alterazione del metabolismo del glucosio diagnosticata per la prima volta durante la gravidanza e che può essere tenuta sotto controllo efficacemente con la dieta e, in un numero esiguo di casi, con il ricorso all’insulina.

«Le donne con diabete gestazionale che erano eccessivamente aumentate di peso durante la gravidanza, erano a maggior rischio di subire un taglio cesareo e avevano meno possibilità di partorire in modo normale, come anche più probabilità di dare alla luce un bambino con un peso alla nascita troppo elevato», ha detto Claire Meek, del Wellcome Trust-MRC Institute of Metabolic Science, Università di Cambridge, Regno Unito, che ha presentato i risultati.

Al contrario, le donne che mantenevano stabile il loro peso, avevano migliori benefici sulla salute a breve e a lungo termine. «In generale, hanno fatto meglio, con meno cesarei e più parti normali: tutte queste donne, indipendentemente dal controllo del glucosio o dall'indice di massa corporea, hanno fatto meglio», ha affermato.

Il moderatore della sessione, Anne Dornhorst, endocrinologo dell'Imperial College Hospital di Londra, ha affermato che in Inghilterra il problema è che le donne con diabete gestazionale non vengono pesate regolarmente.
Di fatto, vengono in genere pesate una sola volta durante tutta la gravidanza, nel loro primo appuntamento prenatale (a circa 6 settimane di gravidanza). Peraltro non è obbligatorio che tutte le donne in questa condizione abbiano necessariamente bisogno di mantenere stabile il loro peso, intanto dipende da quanto pesano e da quanto ne hanno preso durante la gravidanza.

Peggio prendere peso in fase avanzata
Lo studio osservazionale retrospettivo ha valutato 546 donne con diabete gestazionale che hanno partorito nel Cambridge University Hospitals NHS Foundation Trust negli anni 2014-2017. L'età media della madre era di 34 anni e l'indice di massa corporea pre-gravidanza medio era di 28,8 kg/m2. L'effetto dell'aumento di peso gestazionale sui risultati della gravidanza è stato valutato utilizzando l'analisi di regressione logistica multivariata.

L'aumento più elevato di peso totale è stato associato a un maggior rischio di neonati di grandi dimensioni in rapporto all’età gestazionale [LGA] (odds ratio [OR], 1,08; p<0,001) e a un rischio ridotto di neonati di piccole dimensioni (OR, 0.93; p<0.01). Inoltre, il maggior incremento di peso è stato associato a un rischio più alto di parto cesareo (OR, 1,06; p<0,001) e a un minor numero di parti vaginali (OR, 0,95; p<0,001).

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che le donne che avevano assunto un peso eccessivo nelle fasi avanzate della gravidanza (28-36 settimane di gestazione, n=144) avevano maggiori probabilità di avere un travaglio difficile, con interventi come l’uso del forcipe e il parto assistito (OR, 1,18; p<0,05), con maggiori effetti sui bambini e un rischio più elevato di neonati LGA (OR 1,17; p<0,001).

Queste donne avevano anche bisogno di una dose più alta di insulina ad azione prolungata alla 36a settimana (OR, 1.42; p<0,001) e avevano concentrazioni di glucosio più elevate dopo il parto (2-h post-carico) (OR, 0.12; p<0,05).

Benefici per il bambino se il peso è sotto controllo
«Le pazienti che mantenevano stabile il loro peso, guadagnavano poco meno di 1 Kg. Le percentuali di LGA erano molto diverse tra le donne che lo mantenevano stabile nelle fasi avanzate della gravidanza e quante invece aumentavano di peso (4,3% vs 16,7% rispettivamente. Lo stesso dicasi per i tassi di parto vaginale [53,2% vs 36,0%], e di parto assistito [8,5% vs 22,0%]» ha sottolineato Meek.

Ha aggiunto che, se il peso materno non era mantenuto sotto controllo dopo la diagnosi, il bambino aveva un rischio maggiore di essere sovrappeso o obeso, e di sviluppare il diabete di tipo 2 più avanti nella vita. «Questi rischi si possono ridurre con un controllo attento della glicemia durante la gravidanza, che si ottiene modificando la dieta o con farmaci come l'insulina», ha osservato.

Poche indicazioni sul controllo del peso dopo la diagnosi
Meek ha detto che molte donne hanno già un sostanziale aumento di peso al momento della diagnosi di diabete gestazionale a 28 settimane. Ciò che ha spinto il suo interesse sull'argomento è stato il domandarsi se in questa fase fosse ancora possibile intervenire.

Essere sovrappeso/obesi prima della gravidanza rende le donne più suscettibili alla malattia, ma «ci sono molte donne che, pur non essendolo, guadagnano molto peso nei primi mesi e sviluppano il diabete gestazionale», ha osservato.
Il rischio aumenta se hanno già avuto la malattia in precedenza, se hanno già partorito un bambino di grandi dimensioni, o hanno una storia familiare di diabete di tipo 2.

«Essenzialmente sappiamo che alti livelli di aumento di peso sono un fattore di rischio per il diabete gestazionale, ma questo studio aggiunge che è possibile intervenire», ha sottolineato. «Tuttavia, ci sono poche indicazioni sul controllo del peso in questa condizione».

Il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) nel Regno Unito, alle donne con questo problema raccomanda dieta ed esercizio fisico, e fornisce consigli sullo stile di vita post-parto.

L'Istituto di Medicina degli Stati Uniti raccomanda l'aumento di peso sulla base di quello pre-gravidanza, ma si tratta di linee guida per le donne sane, inadatte alla gestione del diabete gestazionale.

Dornhorst ha avvertito che potrebbe inoltre essere pericoloso per alcune donne limitare l'assunzione di calorie. «Abbiamo donne con diabete gestazionale che arrivano con pesi di ogni tipo. Alcune non sono sovrappeso e non vogliamo che mangino troppo poco solo per evitare l'insulina, ma ce ne sono altre che mangiano abbastanza per quattro e non hanno bisogno di prendere peso».

Meek ha riconosciuto che i suoi risultati sono "preliminari", ma «suggeriscono un'opportunità per le donne per migliorare la loro salute durante la gravidanza, di avere gravidanze e bambini più sani e sicuri se mantengono stabile il loro peso dopo la diagnosi».

Tuttavia, ha sottolineato che sono necessari studi più ampi per confermare questi risultati e determinare esattamente quale dovrebbe essere l’obiettivo di peso sia nelle fasi precoci che in quelle avanzate della gravidanza. «Un’altra ricerca deve stabilire quante calorie dovrebbe assumere una donna per raggiungere questi obiettivi».
La prossima ricerca della Meek si occuperà di trovare una risposta a queste domande, dal momento che verrà presto avviato lo studio Dietary Intervention in Gestational Diabetes (DIGEST).

Diabetes UK Professional Conference 2018. March 15, 2018; London, UK. Abstract A38