Diabete - Endocrinologia

Diabete, l'uso regolare di metformina rallenta la progressione dell'artrosi del ginocchio

I pazienti con diabete di tipo 2 che riferiscono un uso regolare di metformina dimostrano un potenziale rallentamento della progressione dell'artrosi del ginocchio, secondo i dati di uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

I pazienti con diabete di tipo 2 che riferiscono un uso regolare di metformina dimostrano un potenziale rallentamento della progressione dell'artrosi del ginocchio, secondo i dati di uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

Oltre ai suoi effetti ipoglicemizzanti nel diabete di tipo 2, la metformina modula anche fattori infiammatori e metabolici, con conseguente riduzione dei livelli di infiammazione e lipidi plasmatici, hanno scritto il primo autore Francisco Lai e colleghi dell'Università di Hong Kong. La metformina, un noto attivatore della chinasi attivata dall'adenosina monofosfato (AMPK), può sopprimere l'espressione dell'mRNA della ciclossigenasi-2 (COX-2) e dell'ossido nitrico sintasi (iNOS) con una modalità dose-dipendente.

«Il suo meccanismo sulla riduzione dell'intensità del dolore in molti disturbi infiammatori è spiegato dai suoi effetti inibitori a livello di alcuni mediatori pro-infiammatori, che riducono il livello di citochine infiammatorie tra cui TNF-, interleuchina (IL)-1, IL-6, IL-10 e adipochine» hanno aggiunto. «La soppressione di COX-2 e iNOS riduce anche i livelli di NO e PGE2 nei terreni di coltura cellulare. Questo effetto antinfiammatorio e antiossidante sul tessuto articolare sinoviale può ridurre il dolore in base alla regolazione metabolica dell'infiammazione nell'artrosi».

L'uso terapeutico della metformina nei pazienti diabetici di tipo 2 con artrosi è stato sostenuto di recente, dal momento che le due condizioni condividono fattori di rischio simili, come l’invecchiamento, l'obesità e l'infiammazione mediata da citochine e adipochine. Pertanto, sulla base degli effetti biologici del farmaco sulla riduzione del peso e sulla meta-infiammazione, la sua assunzione regolare può potenzialmente rallentare la progressione dell'artrosi del ginocchio, hanno premesso gli autori.

Uno studio retrospettivo basato sulle cartelle cliniche
Per studiare il potenziale impatto della metformina sulla progressione dell'artrosi del ginocchio nei pazienti con diabete di tipo 2, i ricercatori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo sui dati estratti dal Clinical Data Analysis and Reporting System (CDARS) della Hospital Authority di Hong Kong, che raccoglie informazioni da tutte le consultazioni cliniche come parte della pratica di routine.

Hanno ottenuto l'accesso ai record di routine di tutti i pazienti del settore pubblico di età pari o superiore a 45 anni e creato una coorte chiusa composta da tutti i pazienti con diabete di tipo 2 che hanno visitato una clinica qualsiasi gestita dall'autorità ospedaliera tra il 1 gennaio 2007 e il 31 dicembre 2010. Dopo l'arruolamento, i pazienti sono stati seguiti fino al ricovero in ospedale per una sostituzione totale del ginocchio, fino al decesso in ospedale o comunque per un periodo di 4 anni dall’arruolamento.

Sono stati definiti consumatori regolari di metformina quanti avevano ricevuto almeno quattro prescrizioni nell'anno precedente l'arruolamento. L'outcome primario era l'incidenza della prima sostituzione totale del ginocchio subita in un ospedale pubblico tra il 1 gennaio 2011 e il 31 dicembre 2014, come surrogato della progressione dell’artrosi.

Riduzione significativa della progressione dell’artrosi
L'analisi ha coinvolto un totale di oltre 93mila pazienti, metà dei quali erano utilizzatori regolari di metformina. Tra questi, 184 sono stati ammessi per una sostituzione totale del ginocchio entro 4 anni. Nel gruppo che non assumeva il farmaco, 222 soggetti sono stati sottoposti a sostituzione totale del ginocchio entro 4 anni. Nella regressione di Cox, il rapporto di rischio (HR) per la sostituzione totale del ginocchio tra i consumatori regolari di metformina, rispetto ai non utilizzatori, era 0,81.

Nonostante una bassa incidenza di sostituzione totale del ginocchio e un periodo di follow-up relativamente breve di 4 anni, lo studio ha rilevato una riduzione statisticamente significativa del 19% della procedura in una popolazione diabetica che fa uso regolare di metformina rispetto ai non utilizzatori, con un’apparente relazione dose-risposta.

«I nostri risultati suggeriscono un potenziale rallentamento della progressione della malattia artrosica nei pazienti con diabete di tipo 2 associato all'uso regolare di metformina. Considerati gli effetti biologici proposti sulla meta-infiammazione e sulla riduzione del peso, la metformina può essere riproposta come agente modificante la malattia per i pazienti con artrosi del ginocchio» hanno concluso gli autori. «Sono necessari ulteriori studi per chiarire ulteriormente il meccanismo biologico e il potenziale ruolo clinico. La ricerca futura dovrebbe includere studi longitudinali su un periodo di follow-up più lungo, una selezione più specifica di pazienti con diagnosi preesistenti di artrosi del ginocchio, la sua gravità e le informazioni sul dosaggio di metformina».

Referenze

Lai FTT et al. Metformin use and the risk of total knee replacement among diabetic patients: a propensity-score-matched retrospective cohort study. Sci Rep. 2022 Jul 7;12(1):11571.

Leggi