Diabete - Endocrinologia

Diabete materno associato al deficit di attenzione/iperattività nei figli

I bambini nati da donne che sviluppano il diabete prima o durante la gravidanza potrebbero essere a rischio di sviluppare un disturbo da deficit di attenzione/iperattività, come evidenziato dai dati di un ampio studio di coorte multinazionale presentati al congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD) 2022.

I bambini nati da donne che sviluppano il diabete prima o durante la gravidanza potrebbero essere a rischio di sviluppare un disturbo da deficit di attenzione/iperattività, come evidenziato dai dati di un ampio studio di coorte multinazionale presentati al congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD) 2022.

Nello studio, che ha considerato oltre 4,5 milioni di coppie madre-figlio, è stato riscontrato che i bambini le cui madri avevano il diabete nel periodo della gravidanza avevano il 16% di probabilità in più di avere una diagnosi di deficit di attenzione/iperattività (ADHD) rispetto a quelli nati da madri non diabetiche. L’aumento del rischio era indipendente dal tipo di diabete e non era legato alla presenza o meno prima della gravidanza o al fatto che si fosse manifestato durante la gestazione.

«Abbiamo riscontrato un piccolo aumento del rischio di ADHD nei bambini nati da madri con diabete, incluso il diabete pregestazionale e quello gestazionale» ha riferito Carolyn Cesta del Center for Pharmacoepidemiology del Karolinska Institutet di Stoccolma, che ha anche fatto presente come le dimensioni degli effetti osservati fossero inferiori a quanto riportato in precedenza. «Questo potrebbe essere dovuto al fatto che ci siamo adattati a un gran numero di covariate, tra cui l'ADHD materno e i disturbi psichiatrici».

Analisi del rapporto tra diabete e ADHD
Precedenti studi hanno riportato un aumento del rischio di ADHD nei bambini nati da madri con diabete, ha spiegato Cesta, tuttavia avevano alcune limitazioni, come l'utilizzo di dati auto-riportati, piccole dimensioni del campione, mancanza di aggiustamento per importanti fattori di confondimento e spesso una popolazione prevalentemente di razza bianca.

Per cercare di appianare le differenze osservate nelle ricerche precedenti, i ricercatori hanno preso in esame i dati di diversi database con sede a Hong Kong (Clinical Data Analysis and Reporting System), quattro paesi nordici (Population Health Registers for Finland, Iceland, Norway, and Sweden) e Taiwan (National Health Insurance Database).

Per creare le coppie madre-bambino abbinate, nei database sono state cercate le donne che avevano partorito tra il 2001 e il 2018 e che avevano dati di follow-up disponibili fino al 2020, non solo sul loro stato di diabete e sullo stato di ADHD del bambino, ma anche su altri parametri, come altre diagnosi materne, assunzione di farmaci e una serie di fattori sociodemografici.

«Abbiamo valutato se le madri stesse avevano una diagnosi di ADHD o di altri disturbi psichiatrici, perché sono disturbi a elevata ereditabilità» ha osservato Cesta.

ADHD nei bambini associato al diabete della madre
I risultati hanno mostrato alcune differenze nella prevalenza del diabete e dell'ADHD tra le tre coorti utilizzate nell'analisi. La prevalenza di qualsiasi diabete materno variava dall'8,8% nella coorte di Hong Kong al 3,3% nella coorte di Taiwan, con una prevalenza del 6,8% nella coorte nordica. I tassi di diabete pregestazionale erano più bassi nelle coorti di Taiwan e Hong Kong, rispettivamente dello 0,2% e dello 0,5%, rispetto al 2,2% nella coorte nordica. I tassi di diabete gestazionale erano rispettivamente del 3,1%, 7,8% e 4,6%.

Il tasso più alto di ADHD nei bambini è stato osservato nella coorte di Taiwan (9,6%), seguita la coorte di Hong Kong (4,2%) e da quella nordica (2,6%).

L' hazard ratio (HR) per la presenza di ADHD infantile era 1,16 quando si confrontava qualsiasi diabete materno con nessun diabete materno, 1,40 confrontando madri con e senza diabete pregestazionale e, rispettivamente, 1,36 e 1,37 confrontando le madri con e senza diabete di tipo 1 e quelle con e senza diabete di tipo 2. L'HR per l'ADHD infantile confrontando le madri con e senza diabete gestazionale era 1,13.

«All'interno dell'analisi per il diabete gestazionale avevamo numeri sufficienti per valutare i fratelli che sono discordanti per il diabete gestazionale materno» ha spiegato Cesta. «In sostanza abbiamo potuto confrontare due fratelli nati dalla stessa madre, uno esposto al diabete gestazionale e uno no. È interessante notare che non abbiamo rilevato nessuna associazione tra ADHD e diabete gestazionale materno nell'analisi dei fratelli (HR 1,0)».

«Questi dati aiuteranno molto a rispondere alle domande che i medici si pongono da molto tempo» ha commentato Jardena Puder, endocrinologo e diabetologo presso il reparto donna-madre-bambino del Centro ospedaliero universitario di Vaud, Losanna, Svizzera. «Rimane ancora un po' sconcertante che fattori genetici e ambientali possano essere responsabili, se si vede lo stesso effetto nel diabete di tipo 1, di tipo 2 e nel diabete gestazionale».

Il prossimo passo sarà esaminare il ruolo del trattamento e quali effetti il ​​controllo glicemico potrebbe avere sulla piccola, ma ancora evidente, associazione tra diabete materno e ADHD.

Referenze

Presented at: European Association for the Study of Diabetes Annual Meeting; Sept. 19-23, 2022; Stockholm (hybrid meeting).