Diabete - Endocrinologia

Diabete, metformina sicura nei pazienti con malattia renale cronica moderata-severa

Il trattamento con metformina sembra essere sicuro ed efficace nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica da moderata a severa quando la dose del farmaco viene "aggiustata" per la funzionalitą renale, secondo uno studio pubblicato su Diabetes Care.

Il trattamento con metformina  sembra essere sicuro ed efficace nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica da moderata a severa quando la dose del farmaco viene “aggiustata” per la funzionalità renale, secondo uno studio pubblicato su Diabetes Care.

Si tratta di uno studio in aperto condotto presso un singolo centro in cui sono state condotte tre differenti analisi. La prima in cui i ricercatori hanno voluto identificare la dose ottimale di metformina per i pazienti con malattia renale cronica di stadio 1-5, la seconda in cui il trattamento di 4 mesi con il farmaco è stato valutato per identificare la dose ottimale in funzione dello stadio di malattia (3A, 3B e 4), monitorando la concentrazione ematica della molecola, il lattato e la HbA1c  e la terza analisi in cui sono stati valutati parametri farmacocinetici dopo la somministrazione di una singola dose di metformina, nelle diverse fasi della malattia.

Attraverso le loro analisi, gli esperti hanno identificato che la dose ottimale di metformina per i pazienti con malattia renale cronica di stadio 3A e 3B era pari rispettivamente a 1,5g (0,5g la mattina e 1g la sera) e 1g (0,5g la mattina e 0,5g la sera).

Dopo 4 mesi di trattamento, i pazienti hanno mostrato concentrazioni di metformina stabili che non superavano il limite i sicurezza di 5,0 mg/L. L’iperlattatemia (>5mmol/L) era assente, tranne in un paziente con infarto del miocardio, senza cambiamenti dei livelli di emoglobina glicata e non sono state osservate differenze significative nei parametri farmacocinetici tra i diversi stadi di malattia.

Inoltre, gli esperti hanno sottolineato che la stima del tasso di filtrazione glomerulare (eGFR) dovrebbe essere valutata ogni 6 mesi nei pazienti con malattia renale cronica di stadio 3 e la metformina dovrebbe essere interrotta nei pazienti con danno renale acuto.

Come spiegato dai ricercatori, siccome le elevate concentrazioni plasmatiche del farmaco sono possibilmente associate a iperlattatemia, il lattato dovrebbe essere misurato nei pazienti fragili e la metformina dovrebbe essere interrotta nei pazienti con una concentrazione plasmatica di lattato superiore a 5 mmol/L.

Nei pazienti con livelli di lattato superiori a 2,5 mmol/L, tale misurazione dovrebbe essere ripetuta dopo poco tempo e la metformina dovrebbe essere interrotta dopo due misurazioni consecutive di lattato superiori a 2,5 mmol/L.

Questo è il primo studio a fornire solide basi per continuare la metformina nei pazienti con malattia renale cronica da moderata a severa. Gli autori dello studio concludono che, “I nostri risultati supportano quanto detto nelle recenti linee guida sull’utilizzo di metformina in questi pazienti e aprono la via per iniziare il trattamento con il farmaco nei pazienti con malattia renale cronica quando la dose di metfromina viene aggiustata in base all’eGFR”.

Metformina e insufficienza renale
Quando la metformina è stata approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) nel 1995, era controindicata nei pazienti con livelli di creatinina sierica più elevati, a causa dei timori dell’acidosi lattica, ma nell'aprile 2016, l’FDA ha riportato che la metformina potrebbe essere utilizzata in modo sicuro in pazienti con qualche compromissione renale, definita dai livelli di eGFR piuttosto che dai valori sierici di creatinina.

La metformina è controindicata nei pazienti con eGFR inferiore a 30 ml/min/1,73 m2 ma può essere tranquillamente somministrata nei pazienti con malattia renale cronica lieve (45-59 ml/min/1,73 m2); è stato inoltre affermato che i pazienti che sono già in terapia con la metformina possono continuare il trattamento farmacologico se ne beneficiano anche quando la eGFR scende a 30-44 ml/min/1,73 m2.

Jean-Daniel Lalau et al., Metformin Treatment in Patients With Type 2 Diabetes and Chronic Kidney Disease Stages 3A, 3B, or 4. Diabetes Care
Leggi




SEZIONE DOWNLOAD