Diabete

Diabete, trattare la depressione non migliora il controllo glicemico

Sia la terapia cognitivo-comportamentale specifica per il diabete sia il trattamento farmacologico con sertralina sono efficaci nel ridurre la depressione nei pazienti diabetici, ma non servono a migliorare il controllo glicemico. È questa la conclusione dello studio DAD, un trial multicentrico tedesco pubblicato di recente su Diabetes Care.

"I nostri risultati dimostrano che la terapia cognitivo-comportamentale specifica per il diabete e il trattamento con sertralina, due interventi ampiamente utilizzati nella pratica clinica, non possono essere considerati sufficientemente efficaci nel trattamento dei pazienti che presentano depressione associata a un diabete scarsamente controllato. Il miglioramento dell’umore, da solo, non si traduce automaticamente in un miglioramento degli outcome del diabete” ha detto il primo firmatario dello studio, Frank Petrak, della Ruhr-Universität Bochum, in un’intervista.

Nel loro articolo, Petrak e i colleghi osservano che la depressione è una comorbilità del diabete comune e potenzialmente letale. Tra gli effetti avversi noti ci sono la scarsa aderenza al trattamento e l’iperglicemia. La terapia cognitivo-comportamentale ha dimostrato di migliorare l'aderenza al trattamento. Tuttavia, il beneficio a lungo termine di questo trattamento non è chiaro.

Inoltre, metanalisi recenti hanno dimostrato che la depressione può essere trattata con discreto successo nei pazienti diabetici che utilizzano interventi di tipo psicologico, farmacologico o interventi combinati; tuttavia, il risultato complessivo sul controllo glicemico è controverso.

Per saperne di più, i ricercatori tedeschi hanno condotto uno studio iniziale su 251 pazienti affetti contemporaneamente da diabete di tipo 1 o 2 e depressione maggiore, assegnati in modo casuale al trattamento con la terapia cognitivo-comportamentale o con sertralina.

Dopo questa prima fase, durata 12 settimane, i pazienti che hanno risposto al trattamento (quelli, cioè, che hanno mostrato una riduzione di almeno il 50% del punteggio della Hamilton Depression Rating Scale), in totale 112, hanno proseguito lo studio, per un’ulteriore fase di un anno. Entrambi i gruppi hanno proseguito la loro terapia standard per il diabete e quelli sottoposti originariamente alla terapia cognitivo-comportamentale sono stati incoraggiati a far ricorso alla biblioterapia, mentre quelli originariamente trattati con sertralina hanno continuato a prendere quest’antidepressivo.

Alla fine dello studio, la depressione era migliorata in entrambi i gruppi, ma in misura significativamente maggiore nel gruppo trattato con sertralina. Tuttavia, in nessuno dei due i ricercatori hanno osservato alcun cambiamento significativo rispetto al basale del controllo glicemico.

"In realtà" scrivono Petrak e i colleghi " il controllo glicemico molto scarso è rimasto pressoché invariato durante l'intero studio in entrambi i gruppi di trattamento".

Tuttavia, gli autori sottolineano anche che i recenti risultati di un altro gruppo di ricercatori in uno studio in qualche modo simile hanno evidenziato che una terapia cognitivo-comportamentale finalizzata al rispetto dell’aderenza e al trattamento della depressione ha portato a un miglioramento degli outcome su entrambi questi fronti, ma anche a un miglioramento del controllo glicemico.

Commentando i risultati, Khalida Ismail, psichiatria del King’sCollege di Londra, ha rimarcato che questo studio mostra come “il trattamento della depressione nei pazienti diabetici migliori gli outcome della depressione, ma non quelli del diabete", il che, ha concluso la specialista, "è in contrasto con l'opinione ampiamente diffusa che la depressione porti a un peggioramento del controllo glicemico".

F. Petrak, et al. Cognitive Behavioral Therapy Versus Sertraline in Patients With Depression and Poorly Controlled Diabetes: The Diabetes and Depression (DAD) Study. A Randomized, Controlled, Multicenter Trial. Diabetes Care 2015; doi: 10.2337/dc14-1599.
leggi

SEZIONE DOWNLOAD