Diabete

Fda dà via libera preliminare a teplizumab, primo farmaco per prevenire il diabete di tipo 1

Le azioni di Provention Bio sono scese di quasi il 30 per cento dopo che un comitato consultivo dell'Fda ha sostenuto con una esigua maggioranza teplizumab, il farmaco di prevenzione del diabete sviluppato dell'azienda biotech con sede nel New Jersey, Stati Uniti.

Le azioni di Provention Bio sono scese di quasi il 30 per cento dopo che un comitato consultivo dell’Fda ha sostenuto con una esigua maggioranza teplizumab, il farmaco di prevenzione del diabete di tipo 1 sviluppato dell'azienda biotech con sede nel New Jersey, Stati Uniti.

Giovedì scorso, il comitato consultivo dei farmaci endocrinologici e metabolici dell’Fda (EMDAC) ha votato 10-7 a favore dell’approvazione di teplizumab per ritardare il diabete mellito di tipo 1 clinico. La domanda posta al comitato era se i benefici di teplizumab, anticorpo monoclonale anti-CD3, superassero o meni i rischi connessi al trattamento.

Sebbene il comitato di esperti alla fine abbia sostenuto la domanda in modo affermativo, ci sono state molte preoccupazioni sollevate dai suoi membri, in particolare intorno alla dimensione dello studio e dati di sicurezza.

Lo studio Provention non ha raggiunto il suo obiettivo di arruolamento, valutando il farmaco su soli 44 pazienti. C'erano anche domande sulla sicurezza del farmaco. Provention ha incluso dati da altre prove di teplizumab in una diversa indicazione. I membri del comitato consultivo della FDA hanno notato che questo non era un confronto rilevante.

Alcuni rappresentanti di Beyond Type I, un'organizzazione senza scopo di lucro di difesa del diabete, hanno detto che ci sarebbe bisogno di più dati di sicurezza e hanno richiesto adeguati studi post-marketing. "Più specificamente, i membri del comitato hanno sottolineato che non potevano comprendere appieno le malignità a lungo termine, compreso il rischio di chetoacidosi diabetica (DKA) e tre morti documentate nello studio" .

Beyond Type I ha riferito che le cause di morte includevano la chetoacidosi diabetica (DKA) e infarto miocardico anteriore. L'ultima causa di morte era sconosciuta.

"Non sappiamo davvero quanto sia sicuro questo farmaco e non sono sicuro di quanto rischio possiamo accettare perché la popolazione target prevista sarebbero persone che non hanno effettivamente una malattia, ma sono a rischio di malattia", ha detto Connie Newman, un endocrinologo e consulente del comitato della FDA.

"Penso che abbiamo bisogno di più dati di sicurezza se questo può verificarsi dopo l'approvazione è ancora una domanda per me e in termini di malignità a lungo termine, penso che non abbiamo abbastanza dati per prendere una decisione su questo."

Provention ha basato la sua domanda sui risultati dello studio registrativo TN-10. I risultati di quello studio hanno mostrato che un singolo corso di 14 giorni di teplizumab ha ritardato la malattia insulino-dipendente e allo stadio clinico di una mediana di almeno due anni in pazienti presintomatici con diabete di tipo 1 (T1D) stadio 2 rispetto al placebo.

C'è un significativo bisogno insoddisfatto che affrontano i pazienti T1D allo stadio iniziale, che la FDA ha preso in considerazione prima della riunione.
Il diabete di tipo I è una malattia autoimmune causata dalla distruzione delle cellule beta. Ci sono più di 1,6 milioni di americani diagnosticati con la malattia. Attualmente, non c'è nessun trattamento che modifichi la malattia che mira alle cause sottostanti del diabete di tipo 1.

"Sappiamo che la comunità T1D e i pazienti a rischio e le loro famiglie in particolare stanno aspettando con urgenza l'accesso ai progressi clinici per affrontare i loro significativi bisogni medici", ha detto Ashleigh Palmer, co-fondatore e amministratore delegato di Provention Bio in una dichiarazione.
"Rimaniamo impegnati a lavorare a stretto contatto con la FDA per sperare di ottenere l'approvazione di teplizumab e potenzialmente portare la prima terapia che modifica la malattia nella T1D ai pazienti a rischio il più presto possibile".

La data di azione del Prescription Drug User Fee Act (PDUFA) è il 2 luglio. La FDA non è tenuta a seguire le raccomandazioni del comitato consultivo, ma quasi sempre lo fa.


SEZIONE DOWNLOAD