Diabete - Endocrinologia

Il 20% degli adulti con diabete di tipo 1 ospedalizzati per chetoacidosi diabetica necessita di un nuovo ricovero entro un mese

Un adulto su cinque con diabete di tipo 1 che necessita di cure ospedaliere a causa della chetoacidosi diabetica viene nuovamente ricoverato entro un mese e ha il doppio delle probabilità di morire in ospedale. È quanto emerge da un nuovo studio presentato al congresso virtuale della Endocrine Society (ENDO) 2021.

Un adulto su cinque con diabete di tipo 1 che necessita di cure ospedaliere a causa della chetoacidosi diabetica viene nuovamente ricoverato entro un mese e ha il doppio delle probabilità di morire in ospedale. È quanto emerge da un nuovo studio presentato al congresso virtuale della Endocrine Society (ENDO) 2021.

La chetoacidosi diabetica (DKA) è una complicanza metabolica acuta del diabete, che si manifesta principalmente nella forma di tipo 1, caratterizzata da iperglicemia, iperchetonemia e acidosi metabolica. L'iperglicemia provoca una diuresi osmotica con significativa perdita di liquidi ed elettroliti. La DKA comporta nausea, vomito e dolori addominali e può progredire fino all'edema cerebrale, al coma e al decesso. Può verificarsi a causa di una dose insufficiente di insulina o di un'infezione, e nella sua forma grave può richiedere il ricovero in ospedale per correggere la disidratazione e per somministrare la terapia insulinica.

«La DKA è una pericolosa complicanza del diabete di tipo 1 perché può portare a un coma diabetico e alla morte» ha detto l'autore principale dello studio Hafeez Shaka del John H. Stroger Jr. Hospital of Cook County, Chicago. «Ma siamo rimasti sorpresi di scoprire che dopo essere stata trattata il tasso di riammissione fosse così alto».

Frequente riammissione entro un mese dal primo ricovero
Nei soggetti adulti con diabete di tipo 1 che sono stati trattati per la chetoacidosi diabetica in un ospedale, i ricercatori hanno studiato il tasso di riammissione a 30 giorni e i fattori che ne hanno aumentato il rischio. Hanno utilizzato una banca dati rappresentativa a livello nazionale, il National Readmissions Database (NRD), il più grande database statunitense delle persone che pagano per un’assicurazione sanitaria.

L’analisi dei dati ha portato a scoprire che oltre 91mila ricoveri correlati alla chetoacidosi diabetica coinvolgevano adulti con diabete di tipo 1. Una volta dimessi, il tasso di riammissioni dopo 30 giorni a causa della DKA era del 20,2% (p<0,001) e coinvolgeva più di 18mila pazienti.

Le donne avevano più probabilità degli uomini di necessitare di un nuovo ricovero, come anche i pazienti che avevano lasciato l'ospedale contro il parere del medico durante il primo ricovero. Altri fattori di rischio per la riammissione includevano anemia, ipertensione o malattie renali croniche (p<0,001 per tutti), ha riferito Shaka. Nel primo caso i motivi non sono ancora chiari, mentre per i pazienti che lasciavano l'ospedale contro il parere del medico, ha ipotizzato che probabilmente non erano stati adeguatamente informati sul corretto controllo della glicemia e sulla gestione di altre condizioni mediche che di solito favoriscono la dimissione.

«Una ragione per l'alta percentuale di riammissione potrebbe dipendere dal fatto che i pazienti non seguono le indicazioni del proprio medico per la gestione della glicemia», ha suggerito. «Chi soffre di chetoacidosi diabetica è ad alto rischio di nuovi eventi di DKA».

I successivi ricoveri dei pazienti non hanno solo portato a raddoppiare le possibilità di decesso in ospedale rispetto al primo ricovero, ma i ricoveri ripetuti erano in media più lunghi di un giorno (p<0,001) e generavano costi sanitari significativamente più alti (p<0,001).

Meno riammissioni negli obesi
Nei soggetti obesi sono invece stati osservati tassi di riammissione più bassi (HR, 0,70, p<0,001) e iperlipidemia (HR, 0,92, p=0,007). Secondo Shaka, anche se i dati precedenti hanno mostrato un vantaggio in termini di sopravvivenza per le persone con obesità in ambito ospedaliero, questi meccanismi probabilmente non si applicano ai pazienti con diabete di tipo 1 ricoverati per DKA. «È più probabile che l'obesità e l'iperlipidemia siano più comuni in quanti assumono unamaggiore quantità di insulina per mantenere il controllo glicemico, mentre le persone con livelli di glucosio meno stabili tendono a essere sottopeso o normopeso» ha commentato.

«Gli sforzi dovrebbero essere incanalati verso l'identificazione dei fattori di rischio per i nuovi ricoveri nei soggetti adulti ospedalizzati con chetoacidosi diabetica, oltre che per garantire una corretta pianificazione delle dimissioni in modo da ridurre il carico di riammissioni», ha concluso.

Bibliografia

Shaka H et al. ENDO 2021. Abstract OR09. Presented March 21, 2021.


SEZIONE DOWNLOAD