Diabete

La maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2 a rischio di infarto o ictus mortale

La prevenzione degli attacchi cardiaci e degli ictus nei pazienti con diabete di tipo 2 gestiti dalle cure primarie dovrebbe essere una prioritÓ urgente. Questa Ŕ la conclusione di uno studio pubblicato in occasione della Giornata Mondiale del Diabete sulla European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della SocietÓ Europea di Cardiologia (ESC)

La prevenzione degli attacchi cardiaci e degli ictus nei pazienti con diabete di tipo 2 gestiti dalle cure primarie dovrebbe essere una priorità urgente. Questa è la conclusione di uno studio pubblicato in occasione della Giornata Mondiale del Diabete sulla European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della Società Europea di Cardiologia (ESC).(1)

"Il risultato più eclatante del nostro studio è stato che la stragrande maggioranza dei pazienti (93%) ha avuto un rischio elevato o molto elevato di eventi fatali nel giro di un decennio. La metà dei pazienti del gruppo ad altissimo rischio non aveva una storia di malattie cardiache, il che significa che non avrebbe ricevuto farmaci per prevenire attacchi di cuore e ictus", ha detto l'autore dello studio Manel Mata-Cases, un medico di medicina generale per l'Istituto Catalano di Salute di Sant Adrià de Besòs. (2)

"Per quanto ne sappiamo, questo studio su quasi 375.000 persone provenienti da un database ben convalidato basato sulla popolazione illustra per la prima volta la situazione nel Mediterraneo. Tradizionalmente, il rischio cardiovascolare nella regione è stato inferiore a quello dell'Europa centrale e settentrionale o degli Stati Uniti; pertanto, i nostri risultati dovrebbero generare preoccupazione e un richiamo all'azione per prevenire gli attacchi di cuore e gli ictus nelle persone con diabete di tipo 2 gestite in cure primarie", ha aggiunto.

Si è trattato di uno studio trasversale che ha utilizzato il database SIDIAP (Information System for the Development of Research in Primary Care), che comprende il 74% della popolazione totale della Catalogna, Spagna. Il database SIDIAP contiene informazioni anonime e longitudinali sui pazienti estratte dal sistema di cartelle cliniche elettroniche (e-CAP) utilizzato da tutti i fornitori di cure primarie in Catalogna.

La popolazione dello studio era composta da 373.185 persone di età pari o superiore ai 18 anni con una diagnosi di diabete di tipo 2 entro il 31 dicembre 2016. L'età media era di 70,1 anni e il 45,2% erano donne. Circa il 72% era iperteso, il 45% era obeso, il 60% aveva il colesterolo alto nel siero e il 14% erano fumatori attuali.

Gli investigatori hanno calcolato la probabilità di ogni partecipante di andare incontro a un infarto o un ictus mortale entro 10 anni, utilizzando le categorie delle linee guida CSE sul diabete e le malattie cardiovascolari. (3).

Le tre categorie sono: rischio molto elevato (superiore al 10%), rischio elevato (tra il 5% e il 10%) e rischio moderato (inferiore al 5%).
Per essere classificati come ad altissimo rischio, i pazienti dovevano aver una malattia cardiovascolare pregressa (ad esempio, un precedente infarto o un ictus), o altre condizioni che minacciano la loro salute, come la compromissione dei reni, o almeno tre fattori di rischio cardiovascolare (età avanzata, pressione elevata, colesterolo sierico elevato, fumo, obesità). (4)

Oltre la metà dei partecipanti (53,4%) era ad altissimo rischio di eventi mortali. Questa osservazione è stata più frequente negli uomini (55,6%) che nelle donne (50,7%). Circa il 39,6% è stato classificato ad alto rischio e solo il 7% ha avuto un rischio moderato di morire di infarto o ictus entro 10 anni.

Mata-Cases ha concluso: "Questi risultati in un contesto di cure primarie dovrebbero alimentare la realizzazione di un'assistenza integrata. Comportamenti sani sono la pietra angolare della prevenzione delle malattie cardiovascolari e devono essere combinati con il controllo del glucosio nel sangue, del colesterolo sierico e della pressione sanguigna. I medici di base e gli infermieri dovrebbero concordare gli obiettivi del trattamento con i pazienti considerando le loro caratteristiche e preferenze".

Consigli sullo stile di vita per i pazienti con diabete
- Smettere di fumare.
- Ridurre l'apporto calorico per ridurre l'eccessivo peso corporeo.
- Adottare una dieta mediterranea integrata con olio d'oliva e/o noci.
- Evitare l'alcol.
- Fare attività fisica da moderata a energica per almeno 150 minuti a settimana.

Bibliografia
1) Cebrián-Cuenca AM, Mata-Cases M, Franch-Nadal J, et al. Half of patients with type 2 diabetes mellitus are at very high cardiovascular risk according to the ESC/EASD: data from a large Mediterranean population. Eur J Prev Cardiol. 2020. doi:10.1093/eurjpc/zwaa073.

2) Dr. Mata-Cases is also a researcher at the Barcelona Ciutat Research Support Unit of the Foundation University Institute for Primary Health Care Research Jordi Gol i Gurina (IDIAPJGol) and the Centre of Investigation of Diabetes and Associated Metabolic Diseases (CIBERDEM) in Barcelona.

3) Cosentino F, Grant PJ, Aboyans V, et al. 2019 ESC Guidelines on diabetes, pre-diabetes, and cardiovascular diseases developed in collaboration with the EASD. Eur Heart J. 2020;41:255–323.

4) The high risk category includes patients with established cardiovascular disease (e.g. prior heart attack or stroke). It also includes those with three or more cardiovascular risk factors (older age, high blood pressure, high blood cholesterol, smoking, obesity) or organ damage (proteinuria, kidney impairment, enlargement/thickening of the heart’s left ventricle, retinopathy).


SEZIONE DOWNLOAD