Diabete - Endocrinologia

Obesitą, da Pfizer stop al GLP-1 danuglipron dato due volte al giorno. Si punta sul once a day  

Pfizer ha deciso che non farą progredire lo sviluppo di un farmaco sperimentale per l'obesitą nella formulazione somministrata una dose due volte al giorno dopo che i risultati di uno studio intermedio hanno mostrato un'alta percentuale di effetti collaterali gastrointestinali e di abbandono dei partecipanti. Pfizer si concentrerą su una versione una versione monogiornaliera, attualmente in fase 1.

Pfizer ha deciso che non farà progredire lo sviluppo di un farmaco sperimentale per l'obesità nella formulazione somministrata una dose due volte al giorno dopo che i risultati di uno studio intermedio hanno mostrato un'alta percentuale di effetti collaterali gastrointestinali e di abbandono dei partecipanti.

Il trattamento ha portato a una significativa perdita di peso rispetto al placebo nel corso dello studio di Fase 2b. Le riduzioni del peso corporeo corrette per il placebo variavano dall'8% al 13% a 32 settimane. Tuttavia, i tassi di interruzione sono stati superiori al 50% per alcune dosi di farmaco.

Pfizer si concentrerà su una versione monogiornaliera dello stesso farmaco, attualmente in fase 1 di sperimentazione in uno studio volto a determinare il modo in cui il farmaco viene elaborato dall'organismo. I dati sono attesi per la prima metà del prossimo anno.

Noto come danuglipron, il farmaco di Pfizer è un agonista del GLP-1 come i trattamenti per sviluppati da Novo Nordisk ed Eli Lilly. Ma a differenza di questi farmaci, che sono dati per via iniettiva, il danuglipron viene assunto per via orale, un vantaggio in termini di praticità che Pfizer spera di poter sfruttare in un mercato in rapida crescita.

I dati pubblicati venerdì non rappresentano certo una buona notizia per queste speranze, soprattutto dopo che Pfizer ha interrotto i test di un'altra pillola sperimentale contro l'obesità a giugno.

Louise Chen, analista di Cantor Fitzgerald, ha descritto i dati come "deludenti" in una nota ai clienti. Secondo Chen, gli investitori speravano di vedere una riduzione del peso corretta per il placebo di circa il 14-15%, che secondo i medici interpellati da Cantor sarebbe stata sufficiente a giustificare il passaggio da farmaci iniettabili come il Wegovy di Novo.
Pfizer non ha suddiviso i tassi di eventi avversi in base alla dose di danuglipron testata, ma ha dichiarato che fino al 73% dei partecipanti ha sperimentato nausea, fino al 47% vomito e fino al 25% diarrea.

Secondo l'azienda, gli effetti collaterali sono stati generalmente lievi.In particolare, il danuglipron non è stato associato a segni di tossicità epatica, motivo per cui Pfizer aveva eliminato l'altra pillola sperimentale, chiamata lotiglipron.

"Riteniamo che una formulazione migliorata di danuglipron da assumere una volta al giorno possa svolgere un ruolo importante nel paradigma di trattamento dell'obesità e concentreremo i nostri sforzi sulla raccolta di dati per comprenderne il profilo potenziale", ha dichiarato Mikael Dolsten, scienziato di punta e responsabile della R&S di Pfizer, nel comunicato dell'azienda. I risultati dello studio farmacocinetico in corso sulla versione una volta al giorno "informeranno un potenziale percorso da seguire", ha aggiunto Dolsten.

Pfizer rischia di rimanere indietro in una gara di sviluppo estremamente competitiva. Lilly, che ha recentemente ottenuto l'approvazione negli Stati Uniti del suo farmaco GLP-1 per la perdita di peso Zepbound, sta anche sviluppando un farmaco orale per l'obesità chiamato oforglipron, che si è dimostrato promettente in uno studio di metà anno.

L'amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha dichiarato di aspettarsi che il mercato dei farmaci GLP-1, utilizzati anche per il trattamento del diabete di tipo 2, raggiunga i 90 miliardi di dollari di vendite. Secondo le sue stime, le versioni orali potrebbero assorbire circa un terzo di questa cifra.