Diabete

Pazienti anziani con diabete spesso sovratrattati

Secondo un nuovo studio pubblicato su Diabetes, Obesity and Metabolism, buona parte dei pazienti anziani con diabete di tipo 2 Ŕ trattato in maniera troppo aggressiva, con possibili conseguenze pericolose per la salute.

Secondo un nuovo studio pubblicato su Diabetes, Obesity and Metabolism, buona parte dei pazienti anziani con diabete di tipo 2 è trattato in maniera troppo aggressiva, con possibili conseguenze pericolose per la salute.

Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori dello University Medical Center Utrecht nei Paesi Bassi.

I benefici dello stretto controllo glicemico non sono stati provati nei pazienti anziani che soffrono di diabete da un lungo periodo e con complicanze vascolari. Inoltre, nei soggetti con una minore aspettativa di vita, i benefici di questo approccio potrebbero essere superati dal rischio di ipoglicemia.

Per questo motivo, le linee guida di diverse società scientifiche consigliano target glicemici meno serrati per i pazienti più anziani. Nonostante questo, il nuovo studio dimostra che circa il 20% dei 319 pazienti analizzati, adulti con diabete di tipo 2 e con età ≥ 70, era sovra trattato in base alle linee guida olandesi per l’individuazione del target glicemico. Inoltre, questo accadeva nonostante la comparsa di complicanze, la presenza di comorbidità  e l’utilizzo di farmaci che potevano causare ipoglicemia. Infine, i trattamenti venivano poi de-intensificati  anche quando venivano riportati casi di ipoglicemia o fallimento terapeutico.

“Anche se il numero di pazienti analizzati in questo studio non è molto elevato, i risultati danno un chiaro segnale che il sovra trattamento nei pazienti più anziano con diabete di tipo 2 è un reale problema”, spiegano gli esperti.

Lo studio
Nel loro studio gli esperti hanno valutato il livello di personalizzazione del trattamento del diabete a livello di cure primarie in pazienti anziani affetti dalla malattia. Come spiegano gli esperti, l’85% delle persone con diabete nei Paesi Bassi è trattato dai medici di medicina generale.

In base alle linee guida di medicina generale olandesi del 2013, i target glicemici per i pazienti con ≥ 70 sono i seguenti: HbA1c ≤ 7% (53 mmol / mol) per i pazienti che hanno ricevuto solo consigli sullo stile di vita o metformina in monoterapia; HbA1c ≤ 7,5% (58 mmol / mol) per i pazienti che usano altri farmaci ipoglicemizzanti oltre a metformina, con una durata del diabete
I ricercatori hanno analizzato le cartelle elettroniche di 1002 pazienti con diabete di tipo 2, inclusi 319 soggetti di età ≥ 70. Dei pazienti più anziani, 165 avrebbero dovuto avere un target di emoglobina glicata > 7% secondo le linee guida.

In generale, 64 pazienti erano sovra trattati, il 40% dei 165 pazienti e il 20% di tutti i partecipanti con più di 70 anni. Molte delle persone sovra trattate presentavano complicanze micro o macro vascolari, comorbidità, facevano uso di più farmaci, potevano essere considerate fragili e utilizzavano farmaci che potevano causare ipoglicemia. Episodi di ipoglicemia si sono verificati nel 20,3% dei pazienti e circa il 30% ha riportato di aver avuto incidenti a causa di cadute.

“In generale, nei pazienti più anziani con diabete di lunga data e un regime di trattamento complesso, il rapporto rischio-beneficio di uno stretto controllo della glicemia è dubbio", affermano gli autori dello studio.

Huberta E. Hart et al., Overtreatment of older patients with type 2 diabetes mellitus in primary care, Diabetes, Obesity and Metabolism.
Leggi






SEZIONE DOWNLOAD