Diabete - Endocrinologia

Perdere peso con la pasta? Si, ma nel contesto di una dieta a basso indice glicemico

La pasta consumata nel contesto di una dieta a basso indice glicemico (IG) non solo non contribuisce all'aumento di peso, ma aiuta a ridurlo lievemente rispetto a una dieta a pił alto indice glicemico, almeno su un follow-up medio di 12 settimane. Questi i risultati di una meta-analisi pubblicata di recente sulla rivista BMJ Open.

La pasta consumata nel contesto di una dieta a basso indice glicemico (IG) non solo non contribuisce all'aumento di peso, ma aiuta a ridurlo lievemente rispetto a una dieta a più alto indice glicemico, almeno su un follow-up medio di 12 settimane. Questi i risultati di una meta-analisi pubblicata di recente sulla rivista BMJ Open.

«La pasta è un importante esempio di un alimento considerato un carboidrato raffinato ma con un IG basso», scrivono Laura Chiavaroli, dell'Università di Toronto, Ontario, Canada e colleghi. «Le diete a basso indice glicemico possono determinare una maggiore riduzione del peso corporeo rispetto a quelle con un indice glicemico più alto, perché si tratta di alimenti più sazianti, che ritardano la fame e riducono il successivo apporto energetico»

«Incoraggiare il consumo di pasta nel contesto di un regime alimentare a basso indice glicemico non provoca danni, e può addirittura portare alla perdita di peso spontanea», hanno ribadito gli autori dello studio.

Riduzione di peso, indice di massa corporea e circonferenza vita
«La meta-analisi ha mostrato che la pasta, nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico, aveva l'effetto di ridurre il peso corporeo di 0,63 kg rispetto alle diete di controllo con IG più alto (p<0,001), senza evidenza di eterogeneità», hanno osservato i ricercatori.

La stessa analisi supporta anche un effetto benefico significativo (p<0,001) sull'indice di massa corporea, sceso di 0,26 kg/m2, rispetto alle diete di controllo con IG più alto.

Al contrario, apparentemente non vi è stato alcun effetto dalla stessa dieta sulla circonferenza della vita, il rapporto vita-fianchi o il diametro addominale sagittale. Risultato che è però cambiato dopo avere escluso due studi dalla meta-analisi. L’assunzione di pasta a questo punto ha mostrato un effetto significativo sulla circonferenza della vita, con una riduzione di circa 60 cm rispetto a una dieta ad alto indice glicemico.

«Questi risultati erano consistenti in tutti i sottogruppi, e non differivano in base al fenotipo metabolico in coloro che erano sovrappeso o obesi o che soffrivano di diabete, un fatto degno di nota dal momento che si tratta di popolazioni che trarrebbero beneficio dalle strategie di controllo del peso» hanno osservato gli autori.

IG simile a quello di altri carboidrati ricchi di fibre
La perdita di peso pari a 0,63 kg con pasta consumata in un contesto a basso IG era simile tra i partecipanti a studi di durata sia inferiore che superiore alle 24 settimane. «Questa scoperta è di particolare importanza dal momento che molti studi dietetici sono riusciti a dimostrare la perdita di peso a breve termine, ma non nel lungo periodo», scrivono i ricercatori.

Riconoscono che le tipologie di pasta possono variare molto tra loro, non solo nella forma, ma anche negli ingredienti e nelle tecniche di lavorazione.
«Nonostante le leggere variazioni nella risposta glicemica causate da queste differenze, con la pasta le risposte glicemiche sono inferiori rispetto a un controllo come il pane bianco».

Sottolineano inoltre che la pasta ha un IG simile a quello di altri carboidrati ricchi di fibre come l'avena tagliata in acciaio, e inferiore a quello dei cibi consumati più comunemente, come i cereali per la colazione e le patate con la buccia. La maggior parte delle persone mangia pasta di grano bianco, fanno notare gli autori.

Tuttavia «la pasta di grano bianco ha un contenuto di micronutrienti più elevato rispetto ad altri prodotti fatti con il grano bianco, come il pane, poiché contiene il glutine, che viene preservato grazie all’uso del grano duro. Anche se il pane è fatto con il grano duro, «la pasta mantiene una risposta glicemica inferiore, principalmente a causa delle tecniche di lavorazione utilizzate durante la produzione», affermano gli autori.

Pasta e metabolismo
Commentando lo studio, Elena Philippou, dell’Università di Nicosia, Cipro, si è detta d'accordo con le conclusioni e le implicazioni dei risultati, dato che provengono da un gruppo altamente stimabile di ricercatori dell'Università di Toronto.

Ha convenuto che «il consumo di pasta come parte di una dieta a basso indice glicemico non dovrebbe portare a un aumento di peso e potrebbe anche contribuire a ridurlo lievemente».

Una spiegazione potrebbe essere legata al fatto che il consumo di pasta, come parte di un regime a basso indice glicemico come la dieta mediterranea, può avere un effetto positivo sull'aumento della sazietà come anche effetti benefici sul metabolismo del glucosio e sull’insulina, ha aggiunto.

Quindi può aiutare a ridurre o prevenire l’insulino-resistenza e l’accumulo di grasso corporeo, in particolare il grasso viscerale. «Certo, è importante che il pubblico capisca che questo non significa che si possa mangiare tutta la pasta che si vuole senza aumentare di peso», ha sottolineato la Philippou.
«Tutto va fatto con moderazione e come parte di un sano programma di dieta a basso indice glicemico»", ha concluso.

Bibliografia

Chiavaroli L et al. Effect of pasta in the context of low-glycaemic index dietary patterns on body weight and markers of adiposity: a systematic review and meta-analysis of randomised controlled trials in adults. BMJ Open 2018;8:e019438. doi: 10.1136/bmjopen-2017-019438

Leggi

SEZIONE DOWNLOAD