Diabete

Scompenso cardiaco, empagliflozin riduce la pressione diastolica dell'arteria polmonare in diabetici e no

Empagliflozin aiuta a ridurre la pressione diastolica dell'arteria polmonare nei pazienti che hanno insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF) o frazione di eiezione conservata (HFpEF), indipendentemente dallo stato del diabete, secondo i risultati dello studio EMBRACE HF. Lo studio Ŕ stato presentato durante la riunione scientifica annuale virtuale 2020 della Heart Failure Society of America (HFSA).

Empagliflozin aiuta a ridurre la pressione diastolica dell'arteria polmonare nei pazienti che hanno insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF) o frazione di eiezione conservata (HFpEF), indipendentemente dallo stato del diabete, secondo i risultati dello studio EMBRACE HF. Lo studio è stato presentato durante la riunione scientifica annuale virtuale 2020 della Heart Failure Society of America (HFSA).

Le pressione, specificano gli autori, sono state monitorate a distanza nei pazienti che avevano un dispositivo impiantato. «Abbiamo visto un effetto precoce e significativo sull'abbassamento della pressione diastolica dell'arteria polmonare che è diventato evidente entro poche settimane e ha continuato ad aumentare nel tempo», ha detto Mikhail Kosiborod, del Saint Luke's Mid America Heart Institute di Kansas City.

Forte predittore di stato clinico finora non esaminnato
La pressione dell'arteria polmonare è un forte predittore di stato clinico, ospedalizzazioni e morte che non era stata precedentemente esaminata con gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2 (SGLT2) in questo contesto, ha aggiunto.

«Sappiamo anche che l'effetto che abbiamo osservato sembra essere indipendente dalla gestione del diuretico dell'ansa perché non c'è stato alcun cambiamento nella gestione del diuretico tra i gruppi di trattamento durante il corso dello studio» ha aggiunto Kosiborod.

La stragrande maggioranza dei pazienti in entrambi i gruppi empagliflozin e placebo erano in terapia con diuretici dell'ansa al basale. Kosiborod ha detto che EMBRACE HF aggiunge prove ai dati di DAPA-HF, trial che ha anche suggerito come gli effetti degli inibitori SGLT2 nel migliorare lo scompenso cardiaco non siano mediati dai diuretici.

Beneficio precoce evidente, da indagare sul lungo termine
EMBRACE HF ha arruolato 65 pazienti da otto centri negli Stati Uniti che sono stati randomizzati a empagliflozin 10 mg o placebo. Tutti avevano almeno una storia di 16 settimane di HFrEF o HFpEF, con o senza diabete di tipo 2, e avevano un sensore di pressione remoto impiantato che misura la pressione sistolica e diastolica media dell'arteria polmonare.

Il dispositivo è indicato per il monitoraggio della pressione arteriosa polmonare e della frequenza cardiaca in pazienti con scompenso cardiaco con sintomi di classe III NYHA che hanno avuto un ricovero per scompenso cardiaco nell'anno precedente. I pazienti inclusi presentavano anche sintomi di classe NYHA II-IV, con pressione diastolica dell'arteria polmonare di 12 mm Hg o superiore al basale. Il monitoraggio remoto della pressione arteriosa polmonare è stato eseguito due volte al giorno.

I pazienti erano prevalentemente uomini sulla sessantina e la maggior parte era stata precedentemente ricoverata per scompenso cardiaco. Le frazioni di eiezione medie erano del 47% nel gruppo di trattamento e del 41% nel gruppo placebo, e circa la metà dei pazienti in ciascun gruppo aveva il diabete.

Rispetto al placebo, la differenza nella pressione diastolica dell'arteria polmonare tra le settimane 8 e 12 era inferiore di 1,5 mm Hg nel gruppo empagliflozin (P = 0,02). Inoltre, Kosiborod ha notato che le curve si sono separate quasi immediatamente nella prima settimana e sono rimaste divergenti per tutto il periodo di studio, mostrando un chiaro vantaggio per l'inibitore SGLT2.

In un'analisi durante il trattamento che ha escluso i pochi pazienti in ciascun gruppo che non hanno completato lo studio, la differenza è rimasta significativa. Risultati simili sono stati osservati per la pressione sistolica e media dell'arteria polmonare, sebbene tali risultati non abbiano raggiunto la significatività statistica.

Non c'erano differenze significative nel test del cammino a 6 minuti o HbA1c tra i gruppi di trattamento, ma entro 12 settimaneil gruppo empagliflozin pesava meno (P = 0,02). Inoltre, una percentuale significativamente maggiore di pazienti trattati con empagliflozin ha avuto un calo di NT-proBNP e BNP rispetto al placebo a 6 e 12 settimane. Empagliflozin è stato ben tollerato e non vi è stato alcuno squilibrio tra i gruppi in eventi chiave per la sicurezza.

Valori pressori polmonari considerati potenziali endpoint
Dato che i pazienti nell’EMBRACE HF sono stati seguiti solo per 3 mesi, Kosiborod ha anche affermato che lo studio lascia aperta la questione di quanto empagliflozin ridurrà la pressione polmonare a lungo termine.

«Quello che abbiamo osservato è che l'effetto è emerso presto, ma le curve hanno continuato a divergere nel tempo» ha detto. «Sarà importante vedere cosa succede a 6 mesi, 9 mesi, 12 mesi e quando si verifica un effetto di stabilizzazione, perché non abbiamo visto alcuna indicazione in questo senso». Inoltre, Kosiborod ha detto che all'epoca in cui lui ei suoi colleghi hanno avviato EMBRACE HF nel 2016, il monitoraggio remoto della pressione dell'arteria polmonare non veniva eseguito comunemente.

L’importanza del monitoraggio emodinamico remoto, in ricerca e in clinica
Dopo la presentazione, Lynn W. Stevenson, del Vanderbilt University Medical Center di Nashville, ha affermato che lo studio, sebbene piccolo, fornisce prove importanti che il monitoraggio emodinamico ambulatoriale può fornire valore quando si iniziano nuove terapie per lo scompenso cardiaco. «Questo ci aiuterà a comprendere l'impatto emodinamico e personalizzare il dosaggio di nuovi farmaci e terapie in corso, per migliorare la tollerabilità emodinamica senza eccessiva diuresi o vasodilatazione» ha osservato.

Kosiborod ha concordato con l'affermazione di Stevenson secondo cui la capacità di utilizzare il monitoraggio remoto in modo non invasivo nei pazienti con dispositivi impiantati apre nuove strade importanti per la ricerca sullo scompenso cardiaco.

«Ciò solleva la questione se le pressioni polmonari dovrebbero ora essere considerate come uno degli endpoint intermedi negli studi sull'insufficienza cardiaca, sia per comprendere meglio i meccanismi di qualunque sia l'agente che si sta sperimentando sia, potenzialmente anche negli studi di fase II come parte dello sviluppo di farmaci, per prendere decisioni "accettabili" o "da evitare"» ha concluso.

Fonte: Kosiborod M. EMBRACE HF trial results. Presented at: HFSA 2020. October 5, 2020.


SEZIONE DOWNLOAD