Semaglutide orale meglio di liraglutide su emoglobina glicata e peso corporeo

In pazienti adulti giapponesi con diabete di tipo 2, la monoterapia con semaglutide orale in monosomministrazione giornaliera dopo 52 settimane ha ridotto il livello di emoglobina glicata e il peso in misura significativamente superiore a liraglutide per via sottocutanea. Alla dose più alta di semaglutide, l'80% dei soggetti ha raggiunto il target glicemico. Sono i risultati dello studio di fase IIIa PIONEER 9.

In pazienti adulti giapponesi con diabete di tipo 2, la monoterapia con semaglutide orale in monosomministrazione giornaliera dopo 52 settimane ha ridotto il livello di emoglobina glicata e il peso in misura significativamente superiore a liraglutide per via sottocutanea. Alla dose più alta di semaglutide, l’80% dei soggetti ha raggiunto il target glicemico. Sono i risultati dello studio di fase IIIa PIONEER 9.

Il trial ha reclutato 243 pazienti giapponesi con diabete di tipo 2 che sono stati randomizzati a ricevere il trattamento con semaglutide orale in monosomministrazione giornaliera alle dosi di 3, 7 e 14 mg, oppure liraglutide sottocute alla dose di 0,9 mg o placebo.

Lo studio ha raggiunto con successo il suo obiettivo primario dimostrando che, da un valore basale medio di HbA1c di 8,2%, i soggetti trattati con 3, 7 e 14 mg di semaglutide orale dopo 26 settimane hanno registrato riduzioni significative dell'emoglobina glicata, rispettivamente dell'1,1%, 1,5% e 1,7%, rispetto allo 0,1% ottenuto con il placebo. La diminuzione con semaglutide 14 mg è inoltre risultata significativa nei confronti di liraglutide (1,4%).

Dopo 52 settimane, la riduzione di HbA1c con le tre dosi di semaglutide è stata dello 0,9%, 1,3% e 1,5%, significativamente superiore alla diminuzione dello 0,5% nei pazienti trattati con placebo. La terapia con liraglutide ha invece portato a una riduzione dell'1,1%, che non era statisticamente significativa rispetto a semaglutide orale.

Fino all’80% di raggiungimento del target glicemico
Il livello target di HbA1c <7,0% della Japan Diabetes Society (JDS) è stato raggiunto dal 50%, 67% e 80% dei pazienti che hanno ricevuto le tre dosi di semaglutide orale, rispetto al 49% di quelli trattati con liraglutide e il 12% con placebo alla settimana 52.

Al termine dello studio il peso corporeo, da un valore basale medio di 71,1 kg, si è ridotto di 2,8 kg con semaglutide alla dose di 14 mg, significativamente superiore rispetto alla diminuzione di 1,0 kg con placebo e a un aumento di 0,4 kg con liraglutide. Con le dosi di 3 e 7 mg di semaglutide il peso corporeo è diminuito rispettivamente di 0,0 kg e 0,6 kg.

Nel complesso semaglutide orale era è stato ben tollerato e ha mostrato un profilo di sicurezza coerente con la terapia con GLP-1 agonisti. Gli eventi avversi più comuni sono stati stitichezza e nausea lieve/moderata, che si sono attenuati nel tempo. La percentuale interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stata del 2-4%.

Informazioni su PIONEER 9 e sul programma clinico PIONEER
PIONEER 9 era uno studio di sicurezza ed efficacia di fase III randomizzato, controllato con placebo-in doppio cieco e controllato con attivo-in aperto della durata di 52 settimane. Aveva 5 bracci di trattamento che confrontavano dose-risposta, sicurezza ed efficacia di 3, 7 e 14 mg di semaglutide orale rispetto a placebo e liraglutide 0.9 mg sottocute in 243 pazienti giapponesi con diabete di tipo 2, trattati con dieta ed esercizio fisico da soli o in aggiunta a un farmaco antidiabetico orale in monoterapia.

L'endpoint primario era la variazione dell'HbA1c basale alla settimana 26. I principali endpoint secondari comprendevano il cambiamento di HbA1c alla settimana 52, la variazione della glicemia, il peso corporeo e il numero di partecipanti che raggiungevano un obiettivo di HbA1c <7% alle settimane 26 e 52.

Il programma PIONEER di fase IIIa per semaglutide orale è un programma di sviluppo clinico globale con ha arruolato 8.845 soggetti con diabete di tipo 2 in 10 studi clinici, che dovrebbero essere completati entro la fine dell’anno in corso.