Dolore

VIDEO

Fibromialgia: quali sono le problematiche ancora aperte per i pazienti?


Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica: novità per i pazienti


Fibromialgia, da cosa dipende il senso di fatica e come risolverlo con la camera iperbarica


Fibromialgia, che cos'è e quali sono i benefici del metodo Feldenkrais


Fibromialgia, che cos'è e a cosa serve la stimolazione transcranica


Fibromialgia e problemi della sfera sessuale: cosa fare?


Fibromialgia e disturbi del sonno: come si possono risolvere?


Inserimento della fibromialgia nei LEA: a che punto siamo?


Fibromialgia, sezioni periferiche AISF: obiettivi e criticità


Quando si parla di dolore cronico? Il quadro della situazione italiana


Dolore cronico moderato, efficacia del nuovo cerotto a base di buprenorfina


Sugammadex, ruolo nel dolore post operatorio e contro la curarizzazione residua


Sonno e dolore, quale relazione?


Dolore lombare, cosa abbiamo a disposizione per trattarlo?


Infermieri e dolore, importanza della formazione


Lesione cutanee dolorose, come gestirle?


Nasce la Rete Terapia del Dolore della città di Milano


I temi caldi del IX congresso SIMPAR e del progetto YAP


Oppioidi nel paziente pediatrico, quando utilizzarli?


Pro e contro degli oppioidi in chirurgia ortopedica


Diclofenac, azione centrale e periferica contro il dolore cronico infiammatorio


Vitamina D e dolore, quale collegamento?


ARTICOLI

Dolore cronico, i test genetici aiutano nell'individuare i pazienti non responsivi ad alcuni analgesici

Come mai alcuni pazienti non rispondono al trattamento del dolore cronico con oppioidi come la morfina? E' la domanda che si sono posti dei ricercatori americani dopo aver analizzato diversi casi di soggetti non responsivi neanche all'aumento della d[...]

Meno oppioidi prima di interventi ortopedici, maggiore soddisfazione del paziente nel post operatorio

Due studi presentati questa settimana al meeting annuale 2016 dell' American Academy of Orthopaedic Surgeons (AAOS), hanno evidenziato un collegamento tra la diminuzione dell'uso di oppioidi prima dell'intervento di sostituzione dell'articolazione co[...]

Febbre nei bambini, diclofenac più rapido del paracetamolo nell'abbassare la temperatura

Ci avreste mai pensato al diclofenac come antipiretico? Un recente studio ha confrontato l'azione di diclofenac a quella del paracetamolo nel contrastare l'aumento febbrile nei bambini. Il risultato, mostrato nella rivista Iranian Red Crescent Medica[...]

Emergenza pediatrica, l'OMS aggiorna le linee guida per valutazione e trattamento tempestivo

Il decesso di bambini in ospedale spesso si verifica entro le prime 24 ore dal ricovero. Molte di queste morti potrebbero essere evitate attraverso una identificazione precoce dei piccoli pazienti gravemente malati in modo da iniziare subito, al loro[...]

Bambini prematuri, elevato rischio di eventi avversi da anestesia o sedazione

I pazienti nati pretermine hanno quasi il doppio di probabilità di sviluppare eventi avversi correlati alla sedazione/anestesia rispetto ai piccoli nati a termine, e questo rischio persiste in età adulta fino a 23 anni. Questo è quanto deriva dai ris[...]

Farmaci analgesici, la risonanza magnetica ci indica bersagli ed efficacia

Il trattamento del dolore con analgesici può essere misurato attraverso l'uso della risonanza magnetica, che potrebbe anche affiancarsi come tecnica per seguire lo sviluppo di questi farmaci. Questo è quanto emerge da una ricerca pubblicata su Anesth[...]

Propofol meglio di sevoflurano nel controllo del dolore post operatorio con risparmio dell'oppioide

Un recente studio retrospettivo ha evidenziato che l'anestesia totale IV con propofol in pazienti sottoposti a chirurgia epatica, assicura un maggior sollievo dal dolore post operatorio rispetto al trattamento anestetico con sevoflurano inalatorio. I[...]

Rapporto rischio/beneficio: punto chiave nell'utilizzo degli oppiacei, lo dicono le linee guida americane

Quali sono i rischi dell'utilizzo di farmaci oppiacei per il trattamento di pazienti con dolore cronico? Ieri abbiamo pubblicato la prima parte delle nuove raccomandazioni sull'utilizzo dei farmaci oppioidi per il dolore cronico come riportate dalla [...]

Dolore cronico non oncologico, arrivano le linee guida americane a “regolamentare” l'uso degli oppioidi

Quando iniziare il trattamento con oppioidi in pazienti con dolore cronico? Quale oppioide scegliere e a quale dosaggio? Sono alcune domande a cui ha cercato di dare una risposta una recente linea guida americana del CDC (Centers for Disease Control [...]

Dolore dopo chirurgia artroscopica, celecoxib più efficace del paracetamolo

Celecoxib e loxoprofene sono risultati superiori al paracetamolo nel sollievo dal dolore post operatorio dopo intervento chirurgico al ginocchio in artroscopia, anche se la superiorità di loxoprofen sul paracetamolo è stata modesta. E' quanto mostra [...]

Gestione del dolore post operatorio, cosa dicono le nuove raccomandazioni dell'American Pain Society

Trentadue raccomandazioni, un documento corposo e ben strutturato basato su esperienze di pratica clinica in adulti e bambini. Parliamo delle linee guida americane sulla gestione del dolore post-operatorio emesse pochi giorni fa e pubblicate su “The [...]

Oppioidi, utilizzo più che raddoppiato worldwide (anche in Italia) ma restano Paesi ancora indietro

Un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica “Lancet” sottolinea che l'uso di analgesici oppioidi è aumentato a livello globale, ma rimane ancora basso in Africa, Asia, America Centrale, Caraibi, Sud America e Europa orientale e[...]

Dolore da artrosi del ginocchio, il testa a testa Fans vs oppioidi finisce in parità

Antinfiammatori non steroidei e oppioidi offrono simile sollievo dal dolore nei pazienti con artrosi del ginocchio. Questo è quanto emerge da una revisione sistematica della letteratura pubblicata su Osteoarthitis and Cartilagine.

Dexmedetomidina, riduzione del dolore e della somministrazione di oppioidi nel postoperatorio nei bambini

La somministrazione intraoperatoria di dexmedetomidina (dex) nei bambini riduce il consumo postoperatorio di oppioidi e il dolore postoperatorio nelle PACU (unità di cura post anestesia). La dose ottimale in bolo è risultata essere ≥0.5 mg/kg. [...]

Farmaci antinfiammatori non steroidei, efficaci e sicuri nel dolore cronico da lombalgia?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) sono ampiamente utilizzati per il trattamento di persone con mal di schiena, soprattutto nei casi di mal di schiena acuto. L'uso di Fans a breve termine è consigliato anche per alleviare il dolore nelle [...]

5 cose da fare (e 5 da non fare) nella gestione del dolore episodico intenso da cancro

La gestione clinica del dolore episodico intenso da cancro (BTcP o DEI) non è ancora soddisfacente, nonostante la disponibilità di agenti farmacologici efficaci. I motivi di questa inadeguata gestione sono molteplici e un gruppo di esperti italiani d[...]

Dolore cronico intenso: maggiore efficacia e flessibilità con il nuovo dosaggio di ossicodone/naloxone

L'efficacia analgesica e il favorevole profilo di sicurezza dell'associazione dell'associazione ossicodone/naloxone a rilascio prolungato sono stati dimostrati anche nell'impiego ad alti dosaggi e a lungo termine. La conferma arriva dallo studio OXN [...]

Oppioidi nel dolore cronico, arriva il questionario per identificare i soggetti a rischio dipendenza

Sempre più persone soffrono di dolore cronico e hanno necessità di trattamento con farmaci oppioidi per gestire questo dolore. Esperti italiani del settore hanno quindi pensato a uno strumento rivolto al medico di medicina generale per aiutarlo a cap[...]

Meno dolore post operatorio grazie al fentanil transdermico per iontoforesi

Il 75% dei pazienti sottoposti a interventi chirurgici prova dolore da moderato a severo. Se questi soggetti non sono trattati nel modo adeguato la situazione può evolvere in gravi effetti collaterali. Per un'adeguata gestione del dolore post operato[...]

Collaborazione tra Chirurgo e Anestesista e adeguato supporto farmacologico per il completo recupero del paziente

Il miglioramento delle tecniche chirurgiche e anestesiologiche ha portato, negli ultimi anni, a una riduzione della mortalità, della morbilità e della durata del ricovero ospedaliero a seguito di un intervento. Nonostante ciò, una quota di pazienti c[...]