Analgesici, uso eccessivo causa perdita dell'udito nelle donne

Dolore
Secondo uno studio americano pubblicato sull’American Journal of Epidemiology, l’uso eccessivo di farmaci antidolorifici potrebbe causere la perdita dell’udito nelle donne, soprattutto in quelle più giovani di 50 anni.

La perdita dell’udito è il più frequente disturbo sensoriale negli USA e colpisce oltre 36 milioni di persone, in particolare i soggetti anziani. L’aspirina, il paracetamolo e l’ibuprofene sono i farmaci più utilizzati negli Usa a scopo analgesico. Studi precedenti avevano dimostrato l’associazione tra l’uso eccessivo di analgesici e la riduzione dell’udito negli uomini. Nessun studio aveva però valutato questa associazione nelle donne.

Secondo gli esperti, la riduzione dell’udito è dovuta alla diminuzione del flusso di sangue nella coclea una componente dell'orecchio interno che ha il compito di trasmettere le onde sonore all'intero apparato uditivo col fine di essere trasformate in suono dal cervello. Inoltre, il paracetamolo potrebbe indurre la deplezione di glutatione, che protegge la coclea dai danni indotti dai rumori.

Gli esperti del Brigham Women’s Hospital in Massachussetts hanno esaminato il rapporto tra la riduzione dell’udito e l’uso di aspirina, ibuprofene e paracetamolo, analizzando 62.261 donne arruolate nel Nurses Health Study II, un vastissimo studio osservazionale con un follow up molto ampio. All’inizio dello studio le partecipanti avevano un età compresa tra i 31 e i 48 anni e sono state seguite per un periodo di 14 anni nel periodo compreso tra il 1995 e il 2009.

In totale, 12.012 donne hanno riportato una riduzione dell’udito nel periodo analizzato. Il rischio di presentare una riduzione dell’udito aumentava del 13% nelle donne che facevano uso di ibuprofene o acetaminofene per due o più volte alla settimana e del 24% nelle donne che facevano uso di antidolorifici per più di 6 giorni a settimana. L’uso di aspirina non era associato alla riduzione dell’udito.

In particolare, l’HR di perdita dell’udito per l’uso di ibuprofene per 2-3 giorni a settimana era di 1,13 (IC 95% 1,06 - 1,19), di 1,21 (1,11- 1,32) per 4 - 5 giorni / settimana, e 1,24 (1,14 - 1,35) per  ≥ 6 giorni / settimana (P-trend <0,0001), rispetto all’utilizzo del medicinale con una frequenza minore di una sola volta a settimana. L’HR per l’uso del paracetamolo era rispettivamente di 1,11 (1,02 – 1,19), 1,21 (1.07- 1,37), e 1,08 (0,95 - 1,22), (P-trend = 0,0007).

Nel 1986, l’Health Professionals Follow-up Study, pubblicato sull’American Journal of Medicine, aveva arruolato 51.529 uomini di età compresa tra 40 e 75 anni al basale. Il follow up dello studio era di 20 anni.

Su 31.496 uomini che avevano completato lo studio 8291 (26,3%) avevano riportato una diagnosi di perdita dell’udito. Durante il follow-up (369.079 anni-persona), erano stati riportati 3488 casi di perdita dell’udito.

L’uso regolare di analgesici era risultato associato in maniera indipendente ad un aumento del rischio di perdita dell’udito per tutti e 3 i tipi di analgesici. Dopo aggiustamento per diversi fattori di confondimento, rispetto agli utilizzatori non abituali (<2 volte/settimana), negli utilizzatori abituali, l’HR di perdita dell’udito era pari a 1,12 (IC 95% 1,04-1,20) per l’aspirina, a 1,21 (1,11-1,33) per i FANS e a 1,22 (1,07-1,39) per il paracetamolo.

In particolare, l’uso abituale di aspirina per 1-4 anni era associato ad un aumento della probabilità (28%; 17-40%) di sviluppare perdita dell’udito rispetto ad un utilizzo non abituale. Tuttavia, il rischio non aumentava ulteriormente con una maggiore durata d’uso. L’uso abituale di FANS per ≥4 anni era associato ad un aumento della probabilità (33%; 18-49%) di sviluppare perdita dell’udito rispetto ad un utilizzo non abituale. L’uso abituale di paracetamolo per ≥4 anni era associato ad un aumento della probabilità (33%; 14-56%) di sviluppare perdita dell’udito rispetto ad un utilizzo non abituale. L’associazione tra perdita dell’udito e uso regolare di aspirina (p=0,005), FANS (p=0,10) e paracetamolo (p=0,09) variava in base all’età. Per ogni classe di analgesico, l’associazione tendeva a diminuire con l’avanzare dell’età, mentre il rischio è risultato superiore fra gli uomini più giovani (<60 anni).

Inoltre, l’associazione tra perdita dell’udito e uso concomitante di più di una classe di analgesici sembrava essere additiva. Per l’uso combinato di 2 analgesici, il rischio era maggiore negli utilizzatori di FANS e paracetamolo (HR 1,58; 1,16-2,16), rispetto a chi non ha utilizzato nessun analgesico con regolarità. Il rischio era simile all’impatto dell’uso abituale di tutti e 3 gli analgesici (1,60; 1,23-2,09).

Sharon G. Curhan et al., Analgesic Use and the Risk of Hearing Loss in Women, Am. J. Epidemiol. kws146 doi:10.1093/aje/kws146

leggi

SEZIONE DOWNLOAD