Dolore

Anticonvulsivanti nel dolore lombare, inefficaci secondo una review americana

Una nuova review pubblicata sul Canadian Medical Association Journal mostra che l'uso di farmaci anticonvulsivanti per il trattamento della lombalgia o del dolore lombare radicolare Ŕ inefficace. Lo studio ha anche dimostrato che l'uso di gabapentinoidi Ŕ collegato a un aumentato rischio di eventi avversi.

Una nuova review pubblicata sul Canadian Medical Association Journal mostra che l'uso di farmaci anticonvulsivanti per il trattamento della lombalgia o del dolore lombare radicolare è inefficace. Lo studio ha anche dimostrato che l'uso di gabapentinoidi è collegato a un aumentato rischio di eventi avversi.

L'uso di anticonvulsivanti (ad esempio, gabapentin, pregabalin) per il trattamento della lombalgia è aumentato notevolmente negli ultimi anni, nonostante le prove a sostegno siano limitate.

"Tra il 2013 e il 2014, oltre 1,3 milioni di prescrizioni sono state scritte per il farmaco anticonvulsivante pregabalin in Australia, e la prescrizione di anticonvulsivanti nelle cure primarie è aumentata del 535% negli ultimi 10 anni," ha evidenziato Oliver Enke, dell'Università di Sydney, primo autore dello studio.
In questa revisione della letteratura gli autori hanno mirato a determinare l'efficacia e la tollerabilità degli anticonvulsivi nel trattamento della lombalgia e del dolore lombare radicolare rispetto al placebo.

"Abbiamo anche condotto un nostro studio sul farmaco anticonvulsivante pregabalin-ha proseguito Enke- in pazienti con sciatica, dimostrando che il pregabalin non è efficace su questo problema.
Questa nuova revisione sistematica intendeva raccogliere dati da vari studi per avere una visione globale delle prove esistenti".

Enke e colleghi hanno condotto una revisione sistematica di nove studi randomizzati controllati verso placebo che studiano gli effetti degli anticonvulsivanti per la lombalgia e il dolore lombare radicolare. Gli studi hanno incluso 859 pazienti e confrontato topiramato, gabapentin o pregabalin con placebo.

Quattro prove hanno reclutato partecipanti con lombalgia cronica con o senza dolore radiante alle gambe, e 5 studi hanno reclutato partecipanti con dolore radicolare lombare (4 in sciatica, 1 in claudicazione neurogena). Solo 1 studio ha incluso partecipanti con sintomi acuti (<3 mesi). Tre studi hanno confermato la patologia della colonna vertebrale lombare.

La durata media del trattamento era di 6,7 settimane (intervallo da 10 a 12 settimane). Gli anticonvulsivanti considerati sono stati gabapentinoidi (pregabalin o gabapentin) e topiramato. La maggior parte degli studi ha applicato scale di valutazione del dolore numeriche autorizzate (NPRS) e 1 ha utilizzato un indice di valutazione del dolore basato sul descrittore. La disabilità è stata riportata utilizzando l'indice di disabilità Oswestry o il questionario sulla disabilità di Roland-Morris. La maggior parte degli studi riportava solo dati immediati o a breve termine

Dei 15 confronti effettuati in questi studi, 14 hanno dimostrato che gli anticonvulsivi sono inefficaci nel ridurre il mal di schiena. Gli studi hanno mostrato evidenze di alta qualità di nessun beneficio da gabapentinoidi vs placebo nella gestione a breve termine del dolore lombare cronico (differenza media cumulata [MD] -0,0, IC 95% -0,8 a 0,7) o gestione a medio termine del dolore lombare radicolare (pool MD -0.1, 95% CI -0.7 a 0.5).

Solo sette studi hanno incluso dati su eventi avversi, uno dei quali non ha esaminato i gabapentinoidi. I risultati aggregati dei rimanenti sei studi hanno mostrato che i gabapentinoidi erano associati ad un aumentato rischio di eventi avversi più comunemente sonnolenza, vertigini e nausea, rispetto al placebo (rapporto di rischio aggregato [RR] 1,4, IC 95% 1,2-7,7).
L’analisi dei dati degli studi considerati ha mostrato che esistono prove da moderata a elevata qualità che gli anticonvulsivi sono inefficaci per il trattamento della lombalgia o del dolore lombare radicolare mentre esistono prove di alta qualità che i gabapentinoidi presentano un rischio più elevato di eventi avversi.

"Il messaggio da portare a casa è che gli anticonvulsivi non sono efficaci e possono portare a effetti avversi nelle persone con lombalgia e dolore radiante alle gambe (ad esempio, sciatica), quindi non dovrebbero essere raccomandati in questa popolazione di pazienti", ha precisato Enke.
Gli autori hanno evidenziato che la fisioterapia è qualcosa che dovrebbe essere considerata precocemente in modo che i pazienti rimangano attivi e mobili.

"Le raccomandazioni di consenso per il trattamento della lombalgia non specifica, enfatizzano l'istruzione del paziente e i consigli per rimanere attivi", ha affermato Enke. "Molto spesso i sintomi migliorano nel tempo e il paziente può essere rassicurato."

Enke O. et al., Anticonvulsants in the treatment of low back pain and lumbar radicular pain: a systematic review and meta-analysis. CMAJ. 2018 Jul 3;190(26):E786-E793. doi: 10.1503/cmaj.171333.

leggi