Dolore

Appendicectomia nei bambini, l'uso di oppioidi post-operatorio pu˛ essere ridotto

Gli oppioidi possono essere ridotti o eliminati alla dimissione nei bambini sottoposti ad appendicectomia senza compromettere l'assistenza clinica o la soddisfazione del paziente. ╚ quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Surgeons.

Gli oppioidi possono essere ridotti o eliminati alla dimissione nei bambini sottoposti ad appendicectomia senza compromettere l'assistenza clinica o la soddisfazione del paziente. È quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Surgeons.

Vi è un'ampia variazione nella prescrizione di oppioidi dopo l'appendicectomia nei bambini e negli adolescenti.L'obiettivo di questo progetto era ridurre al minimo la prescrizione di oppioidi al momento della dimissione per i bambini sottoposti ad appendicectomia utilizzando la metodologia del miglioramento della qualità (QI).

Lo studio ha interessato bambini (di età pari o inferiore a 18 anni) sottoposti ad appendicectomia che sono stati valutati da gennaio a dicembre 2019 utilizzando la piattaforma NSQIP-Pediatric presso 10 ospedali pediatrici all'interno del Western Pediatric Surgery Research Consortium.
Prima dell'inizio del progetto, 5 ospedali non prescrivevano oppioidi di routine dopo l'appendicectomia (protocollo). Nei restanti 5 ospedali, la prescrizione non era standardizzata e variava a seconda del chirurgo (senza protocollo).

È stato utilizzato un progetto di QI multiistituzionale (Quality Improvement (QI) methodology quindi di miglioramento della qualità dell’intervento) prospettico per ridurre al minimo le prescrizioni ambulatoriali di oppioidi per i bambini dopo l'appendicectomia. La percentuale di bambini in ciascun ospedale che ricevevano una prescrizione di oppioidi alla dimissione è stata confrontata per 6 mesi prima e dopo l'intervento utilizzando l'analisi del chi-quadrato.

Complessivamente, da gennaio a dicembre 2019 sono stati valutati 1.524 bambini sottoposti ad appendicectomia. Dopo l'intervento di QI, la prescrizione complessiva di oppioidi è diminuita dal 18,2% al 4,0% (p<0,001), con diminuzioni significative negli ospedali protocollari (2,7% vs 0,8%, p=0,038) e ospedali senza protocollo (37,9% vs 8,8%, p<0,001). La percentuale di visite al pronto soccorso di 30 giorni non è cambiata dopo l'intervento QI (8,9% vs 9,9%, p = 0,54) e i punteggi medi di soddisfazione per la gestione del dolore post-intervento erano alti.
“Attualmente, esiste una variazione significativa nella pratica riguardo al fatto che un bambino riceverà una prescrizione di oppioidi quando viene dimesso dopo un'appendicectomia. Per risolvere questo problema, il WPSRC ha utilizzato la metodologia di miglioramento della qualità (QI) per migliorare l'assistenza e i risultati", ha affermato l'autrice principale Lorraine Kelley-Quon, chirurgo pediatrico presso il Children's Hospital di Los Angeles.

"L'epidemia di oppioidi ha aumentato la consapevolezza delle sottospecialità chirurgiche pediatriche per quanto riguarda l'uso di oppioidi per i bambini", ha affermato Mary E. Fallat, vicepresidente del programma di chirurgia pediatrica dell'American College of Surgeons (ACS) e professore di chirurgia presso il Scuola di Medicina dell'Università di Louisville, nel Kentucky.
"Molti chirurghi negli ospedali pediatrici hanno abbracciato il concetto che la maggior parte dei bambini non ha bisogno di oppioidi dopo le procedure ambulatoriali e può essere gestita con paracetamolo e farmaci antinfiammatori non steroidei dopo procedure importanti".

Lo studio ha rilevato una durata mediana della degenza ospedaliera significativamente più lunga tra il 30% dei bambini che presentavano appendicite complicata rispetto a quella non complicata e "tassi relativamente più bassi di prescrizioni di oppioidi sia prima che dopo l'intervento", secondo i ricercatori.
Il programma Pediatric National Surgical Quality Improvement (QI) definisce l'appendicite complicata come un buco visibile nell'appendice.

“I bambini con appendicite complicata hanno un aumentato rischio di infezione del sito chirurgico o di un ascesso intraaddominale. Ciò si traduce in un aumento delle visite al pronto soccorso di 30 giorni a causa della gravità della malattia, indipendentemente dal fatto che un bambino abbia ricevuto una prescrizione per gli oppioidi", ha affermato Kelley-Quon.
"L'appendicite complicata ha un rischio intrinseco di ascesso postoperatorio o flemmone (infiammazione) che non sarà influenzato dalla gestione del dolore", ha osservato Fallat.
 “È anche associato alla peritonite, che richiede l'uso di oppioidi. Alcuni ritorni in ospedale possono essere dovuti a costipazione correlata all'uso di oppioidi. Avviare un bambino a un regime intestinale mentre è ricoverato e fornire ai genitori strategie per alleviare la stitichezza dopo la dimissione sono buoni miglioramenti delle cure”.
Secondo gli autori, il programma di QI chirurgico nazionale pediatrico ACS può essere utilizzato per implementare altre iniziative di QI multi-istituzionali. Gli sforzi dovrebbero coinvolgere le parti interessate, la tecnologia dell'informazione e le strategie di gestione del dolore basate sull'evidenza.

Citando la metodologia del QI non uniforme come limitazione, lo studio ha rilevato che gli sforzi degli ospedali locali per ridurre al minimo le prescrizioni variavano da sede a sede. Il progetto ha anche sofferto di un alto tasso di dati mancanti riguardo alla soddisfazione sul controllo del dolore.

“Ogni ospedale può avere pratiche diverse dagli altri ospedali e anche diverse tra una specialità e l’altra; spesso i modelli di pratica variano tra gruppi o persino membri del gruppo. Allo stesso tempo, il modo in cui vari gruppi e gli ospedali utilizzano i dati e il QI, e il modo in cui li interpretano, può variare", ha affermato Fallat.
Considerati questi risultati, i ricercatori consigliano ai medici di “utilizzare i risultati dello studio per esaminare le proprie pratiche e quelle di colleghi e dell’ospedale.

Kelley-Quon, Lorraine et al., Multi-Institutional Quality Improvement Project to Minimize Opioid Prescribing in Children after Appendectomy Using NSQIP-Pediatric. Journal of the American College of Surgeons 234(3):p 290-298, March 2022. | DOI: 10.1097/XCS.0000000000000056

leggi